Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
53 min
La voce fuori dal coro: «Agli anziani fa bene uscire all'aria aperta»
E dovrebbero approfittarne ogni giorno, parola dell'esperto Beat Villiger: «Fa bene al cuore e alla circolazione»
ARGOVIA
4 ore
Fuga “imbranata”, nel fiume con il Cayenne
Un 38enne ha suo malgrado dato spettacolo a Rottenschwil: denunciato
VAUD
4 ore
Superati i 50 morti a Vaud
I decessi nel cantone romando salgono a 55. I casi positivi sono quasi 3'000
FOTO
SVIZZERA / GERMANIA
6 ore
Quando oltre alla frontiera ci si mette il coronavirus
Le coppie si danno appuntamento da una parta e dall'altra della ramina che separa Kreuzlingen da Costanza.
LUCERNA
8 ore
A votare con l'epidemia
A Lucerna le elezioni comunali non sono state annullate. E l'affluenza è - per ora - regolare
SVIZZERA
8 ore
Il Covid-19 non ferma le reclute
Il coronavirus ha infettato 100 militi, mentre altri 800 sono stati messi in quarantena
SVIZZERA
9 ore
Più di 14'000 contagi in Svizzera
Rispetto a ieri si tratta di 1'123 malati in più. I decessi legati al Covid-19 sono invece almeno 257
SVIZZERA
10 ore
Mascherine sdoganate
L'Ambasciata francese in Svizzera ha precisato che il blocco era stato deciso per evitare speculazioni
SVIZZERA
10 ore
Le stazioni sciistiche non rimborsano
Le società che gestiscono gli impianti di risalita hanno fatto un accordo tra di loro
SVIZZERA
10 ore
Il virus mette in difficoltà anche Coop
Oltre mille punti vendita del Gruppo hanno dovuto abbassare le saracinesche e 13000 dipendenti sono rimasti senza lavoro
SVIZZERA/CILE
11 ore
Svizzeri rimpatriati col più lungo volo Swiss
Un Boeing 777 della compagnia è rientrato oggi da Santiago del Cile: si tratta di una rotta di quasi 12’000 chilometri
SVIZZERA
11 ore
Anche le FFS vogliono il lavoro ridotto
Meno treni, meno dipendenti al lavoro. L'ex regia federale colpita dal Covid-19
SVIZZERA
11 ore
Un'ondata di volontari negli ospedali
Gli svizzeri aiutano il sistema sanitario sotto pressione a causa dell'emergenza del coronavirus
SVIZZERA
12 ore
Il ritorno alla normalità appena dopo le vacanze estive?
In Svizzera la situazione straordinaria potrebbe prolungarsi oltre il 19 aprile
SVIZZERA
12 ore
La scorsa notte abbiamo di nuovo perso un'ora di sonno
È scattata l'ora estiva. Continua il dibattito sull'utilità
LUCERNA
12 ore
A Lucerna vanno in scena le Comunali, nonostante il virus
Nei principali centri bisognerà attendere qualche giorno per conoscere i risultati
SVIZZERA
13 ore
Ora nei carrelli mettiamo disinfettante e terriccio per piante
È quanto rivelano i dati raccolti dall'app per la lista della spesa Bring
NIDVALDO
21 ore
Giovane alpinista si ferisce gravemente sul Pilatus
È successo a un 26enne caduto per un centinaio di metri ed elitrasportato in ospedale dalla Rega
ZURIGO
22 ore
Una tragica caduta dall'e-bike
È costata la vita a un'80enne a Regensdorf, investita da un trattore dopo essere finita a terra
NIDVALDO
22 ore
«Mio papà è uscito dalle cure intense, dopo 8 giorni di coma»
Il 55enne era considerato un paziente a rischio, soffrendo di una malattia cronica che colpisce anche i polmoni.
SVIZZERA
14.02.2020 - 17:000
Aggiornamento : 21.02.2020 - 13:20

L'Ufficio di Sanità rassicura sul coronavirus: «In Svizzera il rischio è basso»

A una settimana dal falso allarme del Moncucco, i casi sospetti nel nostro Paese sono saliti a 250: «Tutti però sono risultati negativi»

BERNA - È basso il rischio di una diffusione incontrollata del nuovo coronavirus (SARS-CoV-2) in Europa e in Svizzera.

250 casi sospetti - Lo hanno indicato oggi in conferenza stampa a Berna i responsabili dell'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP), precisando che le autorità continuano a seguire l'evolversi della situazione attentamente. Finora sono stati contabilizzati circa 250 casi sospetti, ha precisato Virginie Masserey, a capo della sezione controllo delle infezioni presso l'UFSP. «Tutti si sono rivelati negativi», ha però rassicurato.

L'allarme (rientrato) ticinese - Tra questi vi è pure quello registrato proprio una settimana fa a Lugano. L'allarme - ricordiamo - era scattato nella giornata di venerdì quando alla clinica Moncucco era stato attivato il protocollo per gestire questo tipo d'emergenza. Il sospetto contagiato, un giovane proveniente dall'Asia che mostrava sintomi influenzali, era stato immediatamente messo in isolamento e sottoposto a test precauzionali. Il giorno dopo però il caso (fortunatamente) si sgonfia. Il medico cantonale comunica infatti che le analisi hanno dato esito negativo e il paziente ha potuto abbandonare l'ospedale. 

Cosa fare in caso di contagio - Masserey ha ricordato che in caso di contagio acclarato, è importante «isolare tempestivamente il malato» e «avvertire coloro che hanno avuto contatti con lui ed eventualmente le autorità estere». È quanto avvenuto con i recenti casi verificatisi in Alta Savoia. Il Regno Unito, Paese di provenienza della persona all'origine del contagio, ha segnalato il passaggio dell'uomo dall'aeroporto di Ginevra. In merito a questa vicenda, Masserey ha indicato che un bambino di dieci anni è in quarantena nel canton Neuchâtel perché è entrato in contatto, durante un corso di sci, con un coetaneo ammalatosi in Alta Savoia.

I due elvetici sulla Diamond Princess - A fare il punto della situazione in cui versano gli altri svizzeri posti in quarantena è stato il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE), per bocca di Serge Bavaud. Egli ha precisato che la coppia elvetica a bordo della Diamond Princess, la nave da crociera ormeggiata nella baia di Yokohama in cui si sono verificati casi di contagio, sta bene.

I rimpatriati in Francia - Ai rimpatriati dalla regione di Wuhan - cinque svizzeri e tre congiunti - che si trovano ancora nel sud della Francia, e non hanno sviluppato la malattia, è stato offerto il trasporto in Svizzera, ha aggiunto, precisando che sei di loro hanno accettato e faranno ritorno in patria presumibilmente domenica. Il DFAE continua per altro a seguire attentamente la situazione, mantenendo stretti contatti con l'ambasciata e i consolati in Cina, dove si sono finora annunciati 3500 cittadini elvetici, ha spiegato Bavaud. In caso di domande essi possono rivolgersi alle rappresentanze svizzere.

Il virus in Europa - Patrick Mathys, capo della sezione gestione delle crisi e collaborazione internazionale dell'UFSP, ha da parte sua tracciato una piccola panoramica della diffusione della malattia in Europa, dove è stata finora riscontrata in Germania, Francia, Regno Unito, Italia, Russia, Spagna, Belgio, Finlandia e Svezia. Interpellato sulla possibilità di una penuria di medicinali, Mathys ha risposto che per ora non è il caso.

Posti in ospedale - Durante la conferenza stampa, il medico cantonale di Zurigo, Brian Martin, ha colto l'occasione per riassumere a grandi linee il dispositivo predisposto nel cantone e ha indicato che negli ospedali esso dispone al momento - per un'eventuale emergenza di questo tipo - di 61 posti per adulti e 13 per bambini che in caso di necessità possono essere aumentati.

La Swiss prolunga il divietoLa diffusione della malattia in Cina - dove ha provocato quasi 1'400 morti (per tutti i dati vedi link sotto) - ha convinto la compagnia elvetica Swiss a estendere la sospensione dei voli diretti a Pechino e Shanghai almeno fino al prossimo 28 marzo. La decisione prolunga di quasi un mese il precedente divieto che avrebbe dovuto terminare il 29 febbraio.

Informazioni costantemente aggiornate sono disponibili sia a livello cantonale (clicca qui) che a quello federale (clicca qui). 

Quanti sono i casi confermati? Quante le vittime? E quante sono le persone guarite dal coronavirus cinese? Le cifre a livello mondiale si trovano su una piattaforma di monitoraggio elaborata dalla Johns Hopkins University del Maryland. Clicca qui

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Sirol Innam 1 mese fa su fb
La malaria infetta da 300 a 700 milioni di persone l'anno di cui tra 1 e 2 milioni muoiono. 90% dei decessi sono in Africa quindi non è interessante
Sirol Innam 1 mese fa su fb
Nel mondo muoiono circa 3'500 persone al giorno per incidenti d'auto ma voi vi preoccupate del Coronavirus e tranquillamente andate a lavoro in macchina
Raffaella Norsa 1 mese fa su fb
E perché qui dovrebbe essere meno basso che in altri paesi Europei? Anche in Svizzera ogni giorno entrano persone in arrivò dalla Cina
Massimo D'Onofrio 1 mese fa su fb
Siamo forse usciti da Schengen?
Violet Barrow 1 mese fa su fb
Anche in Cina era basso
Salvo Cottone 1 mese fa su fb
Per curiosità quanto basso?
Bayron 1 mese fa su tio
No problem, la vita è una e quando é il tuo momento non c’è Coronavirus che tenga.
sedelin 1 mese fa su tio
c.v.d.
Francesco Gulizia 1 mese fa su fb
Speriamo che ci dicono tutti la verità
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-29 21:34:56 | 91.208.130.89