Depositphotos - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
30 min
Nuovi caccia da combattimento, gli Stati dicono "sì"
Sarà il Consiglio federale a decidere il tipo di velivolo
SVIZZERA
1 ora
Terrorismo, due dossier rispediti in commissione
Secondo il Consiglio degli Stati per lottare contro il terrorismo è sì necessario estendere le misure preventive di polizia, ma alcuni concetti vanno rivisti
FOTO
SAN GALLO
1 ora
19enne schianta la Maserati all'incrocio: 120'000 franchi di danni
È successo nel canton San Gallo quando un ragazzino ha centrato altri due giovanissimi che guidavano... una Mercedes
LUCERNA
1 ora
Fermati per un reato stradale, a bordo avevano una cassaforte rubata
Un controllo della velocità a Malters ha avuto un esito inatteso per la polizia lucernese: i tre cittadini slovacchi a bordo del veicolo sono stati arrestati
ZURIGO
2 ore
Quando il poliziotto è fisionomista, il ladro non ha scampo
L'autore del furto a un bancomat di Winterthur è stato riconosciuto da un agente per strada diversi mesi dopo il fattaccio
SVIZZERA
2 ore
Immigrazione, l'iniziativa dell'UDC non fa breccia
Nessuna sorpresa anche agli Stati
SVIZZERA
2 ore
È svizzero il primo spazzino spaziale in assoluto
La start up ClearSpace è stata scelta dall'Agenzia spaziale europea
GRIGIONI
2 ore
Mai così pochi disoccupati in novembre
Sono meno di un migliaio le persone alla ricerca di un lavoro, ma non disoccupate
NEUCHÂTEL
3 ore
23enne cade dalla diga del Châtelot e muore, stava festeggiando
Complicate le operazioni di recupero che hanno coinvolto anche la Rega, gli inquirenti prediligono la pista dell'incidente
SVIZZERA
15.11.2019 - 16:510

L'invecchiamento rallenta il benessere

Quando la generazione del baby boom andrà in pensione, gli over 65 passeranno dal 30% del 2017 al 48% del 2045

di Redazione
ats

BERNA - Il progressivo invecchiamento della popolazione rallenterà lo sviluppo del benessere in Svizzera. Si potrebbero però mitigare a medio-lungo termine gli effetti negativi con una serie di riforme mirate. È quanto emerge da quattro studi presentati oggi a Berna dalla Segreteria di Stato dell'economia (SECO).

Gli effetti demografici si rifletteranno nello sviluppo economico soprattutto nei prossimi 10-20 anni. Con il ritiro dall'attività lavorativa della cosiddetta generazione del baby boom, il tasso di individui di oltre 65 anni rispetto a quelli di 20-64 dovrebbe passare del 30% del 2017 al 48% nel 2045.

In generale, le proiezioni nell'orizzonte temporale 2018-2060 documentano una significativa perdita di crescita economica causata dai cambiamenti nella struttura per età della popolazione svizzera, sia in termini assoluti che pro capite. In questo periodo «la crescita economica potrebbe addirittura dimezzarsi, stando ad alcune ipotesi», scrive la SECO.

Secondo i calcoli, tra il 2021 e il 2065 ci sarà un indebolimento della crescita del PIL pro capite di quasi 0,3 punti percentuali all'anno (in media), riducendo il PIL pro capite del 2065 dell'11% rispetto a quello riscontrabile con le strutture demografiche odierne. L'effetto frenante si osserverà in particolare entro l'inizio degli anni '30, quando tutta la generazione dei baby boomer sarà uscita dal mondo del lavoro.

Se non si verificherà alcun cambiamento nelle spese pro-capite specifiche per età, la conseguenza sarà un aumento di tasse e imposte che colpirebbe principalmente le persone di mezza età, con aumenti di reddito inferiori alla media.

Per attutire l'impatto che tutto ciò avrà sulla crescita saranno necessarie riforme mirate, scrive la SECO. Quella di maggiore effetto sarebbe un aumento dell'età pensionabile di due anni: potrebbe ridurre di circa un quinto il rallentamento del PIL pro capite fino al 2065. Un esito simile si potrebbe ottenere anche con l'aumento dei tassi di occupazione degli ultra 55enni.

Più modesto, ma comunque positivo, è invece l'effetto di una maggiore partecipazione delle donne al lavoro, migliorando la conciliabilità tra attività professionale e famiglia.

Anche l'aumento dell'immigrazione può compensare le conseguenze dell'invecchiamento demografico, ma solo in misura minore. Tuttavia, sul lungo periodo tale effetto dipenderebbe dalla possibilità di mantenere i tassi d'immigrazione stabilmente alti.

Per un'economia aperta come la nostra conta poi anche l'evoluzione demografica all'estero, perché può incidere sulla domanda di esportazioni.

Queste misure non basteranno però a compensare del tutto gli effetti dell'invecchiamento della popolazione. «Per assicurare il benessere sul lungo periodo è essenziale continuare a puntare sullo sviluppo della produttività, cioè su una creazione di valore aggiunto per ora di lavoro prestata il più possibile elevata», aggiunge la SECO.

Gli studi presentati oggi notano poi che i futuri cambiamenti demografici, sia in Svizzera che all'estero, potrebbero comunque avere effetti positivi sul valore aggiunto dei settori della sanità, dei servizi di assistenza residenziale e sociale nonché del comparto farmaceutico. Entro il 2060 il contributo della settore della sanità al PIL dovrebbe crescere di circa 1,6 punti percentuali, ossia di circa 9 miliardi di franchi.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 20:06:40 | 91.208.130.85