tipress (archivio)
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
1 ora
Gli accompagnatori in montagna uniti sotto un unico tetto
Asam e Asgm si sono fuse creando così un'associazione ombrello per la professione, la presidente: «Segnale di autorevolezza»
GRIGIONI
2 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
BASILEA CITTÀ
2 ore
L'identikit del serial-killer svizzero: uomo, adulto, incensurato e sposato
Lo hanno stilato degli esperti basilesi che hanno preso in considerazione 33 assassini plurimi, e i risultati sono davvero sorprendenti
URI
6 ore
Colpo di sonno sull’A2, si ribalta con il furgoncino
Illeso il conducente ma i danni sono notevoli: circa 20mila franchi
SVIZZERA
7 ore
L'onda verde non travolge gli Stati
I ballottaggi di oggi - con la sola eccezione del Ticino - si sono svolti all'insegna della stabilità
ZURIGO
8 ore
Il secondo seggio sulla Limmat va a Noser
Il liberale radicale ha ottenuto 185'276 voti contro i 116'594 andati alla sfidante ecologista Marionna Schlatter
BERNA
9 ore
Stöckli riconfermato, entra Salzmann
Il "senatore" socialista e il candidato UDC hanno vinto il secondo turno nel canton Berna
SAN GALLO
9 ore
Riconfermati i due senatori uscenti
Benedikt Würth (PPD) e Paul Rechsteiner (PS) sono stati riconfermati oggi nel ballottaggio per l'assegnazione dei due seggi di San Gallo alla Camera dei Cantoni
SAN GALLO
9 ore
Casse malati, aumenta il contributo minimo
Oltre il 78% dei cittadini ha approvato la modifica della legge cantonale sull'assicurazione malattia in votazione oggi
ZUGO
10 ore
Il Plr difende il suo seggio
Matthias Michel si è facilmente imposto sul consigliere di Stato in carica Heinz Tännler (UDC)
SCIAFFUSA
10 ore
Vento a favore per il Parco naturale regionale
Le urne hanno approvato la legge che ne regola il finanziamento
ZURIGO
14.10.2019 - 16:090
Aggiornamento : 18:04

Levata di scudi contro il divieto di consumare alcol sul lungolago

Per la Polizia il divieto indurrebbe un cambiamento di comportamento delle persone e faciliterebbe il compito delle forze dell'ordine

ZURIGO - L'idea di vietare il consumo di alcol sul lungolago di Zurigo per ridurre violenza e vandalismo, lanciata nei media dal capo della polizia cittadina una settimana fa, sta raccogliendo una raffica di critiche. L'ultima è di oggi ed emana dall'associazione Pro Nachtleben (per la vita notturna), che riunisce i partiti giovanili del capoluogo.

L'associazione si esprime all'indomani della pubblicazione sulla NZZ am Sonntag di un articolo dedicato alla presa di posizione del comandante Daniel Blumer. Questi, in un dibattito trasmesso dalla televisione svizzerotedesca SRF domenica 6 ottobre, ha detto di voler aprire la discussione su un divieto di portare armi e consumare alcolici in alcuni spazi pubblici, in particolare lungo l'Utoquai, la strada che costeggia la riva destra del lago in pieno centro a Zurigo. «È come se si dicesse: qui non c'è posto per alcol e armi», ha detto Blumer durante l'emissione Basler Zeitung Standpunkte, la cui responsabilità redazionale è del quotidiano basilese.

Per il comandante, che ha fatto riferimento alla pratica di varie città in area germanofona, il divieto indurrebbe un cambiamento di comportamento delle persone e faciliterebbe il compito delle forze dell'ordine.

Il problema della violenza e del vandalismo sulle rive del lago è incontestabile. L'ultimo esempio risale alla notte tra venerdì e sabato, quando proprio sull'Utoquai un 21enne e una 18enne sono stati feriti gravemente con un coltello. In merito alla vicenda oggi la polizia cantonale ha reso noto l'incarcerazione preventiva di un 16enne.

Alla televisione Blumer non ha voluto precisare come intendesse concretamente attuare il divieto e in quali perimetri. Il suo servizio mediatico, contattato dalla NZZ am Sonntag, ha indicato che per il momento non vi sono progetti precisi.

L'idea sembra comunque raccogliere solo dissenso. «La libertà di tutta la popolazione sarebbe limitata a causa di pochi autori di violenze», deplora ad esempio la consigliera nazionale Min Li Marti (PS/ZH), interrogata dal domenicale. Ma lo scetticismo è grande anche all'altro polo dello spettro politico: il consigliere nazionale Mauro Tuena (UDC/ZH), pur manifestando comprensione per le riflessioni di Blumer, si interroga sulla fattibilità di tali divieti. Per il democentrista bisognerebbe tornare a installare telecamere per identificare vandali e delinquenti. La polizia le ha recentemente tolte privilegiando, a titolo preventivo, una maggiore presenza di agenti e una migliore illuminazione pubblica.

Per Pro Nachtleben, oltre a questi due provvedimenti, va intensificato l'intervento del gruppo sip züri (sicurezza, intervento, prevenzione a Zurigo), che ha una vocazione di lavoro sociale.

Sull'efficacia dei divieti di consumo di alcol in perimetri circoscritti gli esiti delle pratiche adottate in Svizzera e all'estero non permettono di trarre conclusione definitive. Secondo il sindaco socialdemocratico di Vienna Michael Ludwig la proibizione imposta sulla piazza Praterstern ha permesso di «ridurre chiaramente il numero di delitti», scrive il domenicale. Divieti geograficamente circoscritti si sono rivelati utili anche nelle città tedesche di Monaco e Dresda, ha detto Blumer alla SRF. La città di Singen (D), alla frontiera col canton Sciaffusa, proprio la settimana scorsa ha imposto il divieto di consumo di alcolici nella zona pedonale.

In Svizzera proibizioni del genere sono appannaggio quasi esclusivo di Coira dove, dal 2008, chi beve in strada di notte viene multato. Questa norma, rimasta controversa, ora sarà quasi certamente abolita. Il Municipio ha proposto lo stralcio la scorsa estate perché da un lato la situazione in termini di sicurezza è migliorata e dall'altro l'attuazione della misura si è rivelata difficile.

A Zurigo finora l'ordinanza di polizia permette solo di vietare temporaneamente la vendita di birra in occasione di manifestazioni giudicate a rischio, come partite di calcio.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 01:01:26 | 91.208.130.86