Keystone
A metà dicembre il Nazionale aveva bocciato il progetto di revisione della legge.
ULTIME NOTIZIE Svizzera
ASCONA/ZURIGO
6 ore
Il pluri-omicida è stato "coperto" dalle autorità?
Gunther Tschanun ha vissuto in incognito in Ticino per 15 anni. Ma a Zurigo qualcuno lo ha aiutato
SVIZZERA / FRANCIA
8 ore
«Tenevano la bimba, urlava. Pensavo a un rapimento»
La piccola Mia è stata ritrovata in una ex fabbrica, ora occupata.
SVIZZERA / FRANCIA
16 ore
Ritrovata in Svizzera la piccola Mia, arrestata la madre
È stata la donna a ordinarne il rapimento.
BERNA
16 ore
Coppia trovata morta, presentano lesioni da arma da fuoco
Stando ai primi elementi dell'inchiesta può essere escluso qualunque intervento esterno.
VALLESE
16 ore
Scontro a Lens, morto un centauro portoghese
Il motociclista è stato sbalzato per 12 metri lungo una scarpata.
VAUD
17 ore
Rapita e ritrovata in una casa occupata
La bambina era stata "prelevata" da tre uomini in Francia, e portata dalla madre
SVIZZERA
17 ore
Entro luglio grandi eventi all'aperto con 1'000 partecipanti?
Per arrivare a 5'000 entro settembre, la proposta in una bozza dell'Ufsp che dovrà ancora essere valutata
APPENZELLO ESTERNO
17 ore
Auto nel dirupo: muore una 18enne
L'incidente questa notte tra Trogen e Wald, in coincidenza di una curva pericolosa
BERNA
18 ore
«Con le riaperture ci sarà un rischio elevato»
Critico il capo della task force, Martin Ackermann, sugli allentamenti di domani
SAN GALLO
19 ore
Furto con scasso in moschea
I ladri si sono impossessati di alcune centinaia di franchi presenti della cassetta delle elemosine
ZURIGO
19 ore
Nel canton Zurigo: «Tutti vaccinati entro agosto»
Lo sostiene la consigliera Natalie Rickli che frena i piani di Berset per luglio: «Ancora troppe incertezze»
SVIZZERA
20 ore
È morto Peter Schellenberg
Fu una figura chiave della televisione svizzera in lingua tedesca SRF
SVIZZERA
20 ore
Accordo quadro, Parmelin: «Non andrò a Bruxelles a fare il Boris Johnson»
Il presidente della Confederazione intervistato dai domenicali: «Non vogliamo uscirne, vogliamo svilupparlo»
SVIZZERA
22 ore
Passaporto vaccinale: uno svizzero su due è favorevole
Il 48 per cento non è contrario a un trattamento preferenziale per chi ha un attestato di immunità
GRIGIONI
1 gior
Festa di 300 persone in una scuola grigionese, al via l'inchiesta
L'istituto aveva dato il suo permesso, ma intimando di tenere mascherina e distanze sociali.
FOTO
BASILEA CITTÀ
1 gior
Manifestazione “alternativa” contro Bayer e Syngenta
Una "caccia al tesoro" per «cacciare simbolicamente la multinazionale da Basilea»
SVIZZERA
1 gior
Il comeback della pubblicità cartacea a causa della pandemia
Con l'obbligo di telelavoro si passa più tempo davanti allo schermo. E allora si apprezza maggiormente la carta
SVIZZERA
1 gior
Berna ammette un «fastidioso ritardo» nell'ultima fornitura di vaccini
Solo 70'000 dosi di Moderna, sulle 350'000 promesse per questa settimana, sono già arrivate nel nostro Paese.
SVIZZERA
1 gior
Vertice Putin-Biden, anche la Svizzera sarebbe in lizza
Non si sa ancora quando si terrà ma è già un evento storico, Berna non si sbottona ma...
FOTO
SCIAFFUSA
1 gior
No mask in piazza a Sciaffusa
Quasi mille persone si sono riunite per manifestare contro le misure anti-Covid
SVIZZERA
16.08.2019 - 18:330
Aggiornamento : 20:23

Legge sul CO2, aumenti in vista per benzina e biglietti aerei

È l'intenzione della commissione dell'ambiente del Consiglio degli Stati

BERNA - Per ridurre le emissioni di CO2 la commissione dell'ambiente del Consiglio degli Stati intende aumentare il prezzo della benzina e tassare i biglietti aerei.

A metà dicembre il Nazionale aveva bocciato il progetto di revisione della legge sul CO2, dopo dieci ore di dibattito. Senza riforma, la Svizzera non riuscirà tuttavia a ridurre le sue emissioni di gas a effetto serra del 50% entro il 2030 (rispetto al 2006), come prevede il governo. Per correre ai ripari, la commissione intende spingersi in molti casi più in là di quanto propone il Consiglio federale nel suo progetto.

Gli importatori di carburanti devono già compensare parte delle loro emissioni del CO2. Con la riforma si potrà arrivare fino al 90%. La commissione chiede di aumentare la quota da compensare in Svizzera, portandola dal 15 al 20%, si legge in una nota odierna dei servizi del parlamento. Vuole però limitare la tassa per gli automobilisti, fissando un tetto di 10 centesimi al litro e di 12 a partire del 2025. In situazioni straordinarie, il Consiglio federale potrebbe inoltre abbassare questo limite.

La riforma dovrebbe portare anche a una tassa sui biglietti aerei, compresa fra i 30 e i 120 franchi, tranne per i viaggiatori in transito. La commissione ritiene che scendere sotto i 30 franchi non permetta di ridurre in modo significativo il numero di passeggeri nei voli europei in classe economica. La tariffa sarebbe più elevata sui voli a lunga percorrenza. Il modello proposto dall'esecutivo consentirebbe di differenziare la tassa a seconda della classe e della distanza percorsa.

Fra le proposte figura anche l'istituzione di un fondo per il clima, alimentato da diverse fonti, in particolare i ricavi dalla vendita all'asta dei diritti di emissione e dalle sanzioni relative soprattutto ai veicoli. Vi sarebbero convogliate anche un terzo delle entrate della tassa sul CO2 e poco meno della metà di quelle sui biglietti aerei.

Il fondo dovrebbe permettere di finanziare misure di riduzioni a lungo termine delle emissioni di CO2 degli immobili. Cantoni e comuni potranno inoltre attingere al fondo nella misura di 25 milioni all'anno al massimo, per progetti di riduzione dei gas a effetto serra. Anche la Confederazione potrà intervenire in tal senso.

Nel settore degli immobili, la commissione segue di principio la posizione del governo, ma propone una serie di misure nel caso in cui le emissioni di CO2 provenienti dagli edifici non dovessero diminuire sufficientemente.

Contrariamente all'esecutivo, vuole inoltre introdurre direttive anche per quanto riguarda i veicoli pesanti, conformandosi in questo modo a una futura regolamentazione europea. Secondo la commissione, i valori limite proposti accelereranno l'introduzione di veicoli a basse emissioni.

La commissione intende poi chiamare in causa il settore finanziario, incaricando la FINMA e la Banca nazionale di misurare periodicamente i rischi finanziari legati al cambiamento climatico. Si allinea infine in larga misura al progetto del Consiglio federale per quanto riguarda i sistemi di scambio di quote di emissioni.

Con queste misure la commissione ritiene che sarà possibile raggiungere quanto stipulato dall'Accordo di Parigi. Il voto d'insieme sul progetto avverrà il 2 settembre. La Camera si pronuncerà anch'essa in settembre.

La replica di Swiss

In una presa di posizione, Swiss sostiene che i prezzi dei biglietti dipendono dalla domanda e dalla concorrenza. Di conseguenza, anche con un'ulteriore tassa, le tariffe non cambierebbero.

Secondo la compagnia aerea, è ancora tutto da vedere se i costi effettivi potranno essere scaricati sui passeggeri in un contesto di forte concorrenza, in particolare all'interno dell'Europa.

Swiss teme in particolare il possibile «onere eccessivo» che potrebbe gravare sulle spalle dei passeggeri svizzeri che sceglieranno un volo diretto a lunga distanza. Questi ultimi potrebbero ripiegare su altri scali europei, in particolare in Turchia. E ciò, secondo Swiss, potrebbe ripercuotersi negativamente anche sulle compagnie elvetiche.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Giusto! Evidentemente con le sole parole e le raccomandazioni il discorso climatico non attacca (vedi certi fenomeni che in continuazione negano il cambiamento climatico o sbertucciano chi prova a sensibilizzare sul tema). La classe politica deve anche mette in atto misure impopolari quando vede che il cittadino non agisce di libera iniziativa. La risposta è che la Svizzera è troppo piccola per agire? Bé siamo un paese che internazionalmente conta. La nostra politica estera - insieme a quella della bistrattata UE, che conta qualcosa più di noi - deve essere di non-tolleranza verso quei paesi per cui la lotta ai cambiamenti climatici non è una priorità. Una lotta comune, non dei ticinesi e degli svizzeri, ma di tutti i paesi del mondo. E in democrazia la pressione del popolo e l'opinione comune può fare tanto. Certo che se ci sono personaggetti che chiamano gretini coloro che si mettono in gioco per fare queste pressioni....
madras 1 anno fa su tio
Ma scherziamo noi dobbiamo pagare, per i contadini e governo di cacca Brasilero, che stanno distruggendo il polmone verde dell'intero pianeta. Loro ogni anno distruggono un pezzo di foresta grande come la Svizzera e noi dobbiamo sempre pagare.
don lurio 1 anno fa su tio
Non prendetela vedrete che l'aumento dei prezzi degli aerei e biglietti ve li pagheranno I giovani che vogliono salvare il pianeta , hanno anche come associati i verdi e socialisti…..
Corri 1 anno fa su tio
Gli alberi puliscono l'aria come il CO2, ma non è controverso di aumentare la benzina per combattere il CO2 ? C'è qualcosa che non mi ritorna !
Tato50 1 anno fa su tio
Si vuol salvare il pianeta aumentando i prezzi ? Al limite si salvano le casse della Confederella, visto che adesso il barile di petrolio è ai limiti storici. Ma un tipo di politica diversa, se non toccare sempre il portamonete del cittadino che già fatica ad arrivare a fine mese, non esiste ? Qui ho la vaga impressione che una Nazione grande come un parco in America vuol salvare il mondo, mentre gli altri non fanno un accidenti se non spendere milioni per chi ha il missile più veloce. D'altra parte cosa si vuol pretendere da certi personaggi che fanno un divieto generale di pubblicità al tabacco senza pensare che l'alcool è dannoso e costa quasi meno di un paccheto di sigarette. Pori nümm ;-((
seo56 1 anno fa su tio
Mai più voli dalla Svizzera!! Tutti a Malpensa dove la Gretina, giustamente, non ha lasciato il segno
Bayron 1 anno fa su tio
Da oggi solo voli in partenza da Malpensa o Bergamo
Ginoarrotino 1 anno fa su tio
Tutti parlano di auto e voli...e il riscaldamento domestico!!!! tante ..forse la maggior parte di esse sono riscaldate ad olio combustibile come dove abito io e per 24 ore al giorno perche' in condominio c'è qualcuno che vuole i 25 gradi in casa!!! non ci sono controlli!!!! obbligare i proprietari a passare al gas e ridurre i gradi!!!
Disà 1 anno fa su tio
Bhe le lobby non le puoi toccare , le multinazionali non se ne parla ,le industrie guai sia mai che costruiscono capannoni da un altra parte ...chi rimane da tassare ?
Bandito976 1 anno fa su tio
Giusto, chi più vuole circolare + inquina e + paga. Così forse riduciamo anche il traffico.
Yoebar 1 anno fa su tio
Cassetta, semplicemente cassetta, si continuerà a circolare come sempre. Povera Svizzera, intanto gli americani se ne sbattono le così dette, e non solo.....
clay 1 anno fa su tio
me i Signori del Consiglio degli Stati non hanno capito la cosa fondamentale......non è con l`aumento del prezzo dei biglietti che si combatte l`inquinamento, ma con nuove tecnologie che ci sono già, non serve inventare l`acqua calda !!....sveglia politici, vi abbiamo eletto, non per tartassarci di tasse, ma per fare gli interessi di tutta la popolazione, iniziate voi a dare l`esempio...( tipo superpuma al Signor Cassis!)....o viaggi inutili e costosi, solo perchè ci sono soldi da spendere.
roma 1 anno fa su tio
...a casa tutti i politici. Fra non molto la gente si ribellerà.
nordico 1 anno fa su tio
Con questo "correttivo" la Svizzera otterrà un effetto importante: Una notevole diminuzione del carburante che gli automobilisti delle le nazioni vicine vengono da noi ad acquistare. Non è escluso che si crei la situazione inversa, e che gli Svizzeri acquistino il carburante all'estero. Siccome una buona parte del prezzo alla colonna è dovuto a tasse, alle casse federali verranno a mancare numeri che saranno attorno all'ordine di 6 zeri. Tutti sanno che quando vengono a mancare soldi si creano nuove tasse oppure si aumentano le esistenti. Spero che siamo tutti pronti quindi ad aprire di più il nostro borsello. NB: Per la cronaca il Lussemburgo mantiene il prezzo del carburante regolarmente circa 20 cts al litro sotto il prezzo delle nazioni vicine. E fa ottimi affari, con le stazioni di servizio (quasi) sempre intasate.
Nmemo 1 anno fa su tio
I Verdi sono quelli che producono tasse senza risolvere niente! Votateli, che per i ticinesi c'è Malpensa.
centauro 1 anno fa su tio
@Nmemo Mi sembra che i ticinesi già frequentano Malpensa!
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-04-19 05:39:26 | 91.208.130.85