Keystone - foto d'archivio
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SVIZZERA
4 ore
Gli accompagnatori in montagna uniti sotto un unico tetto
Asam e Asgm si sono fuse creando così un'associazione ombrello per la professione, la presidente: «Segnale di autorevolezza»
GRIGIONI
4 ore
Dramma sulle piste, grave una bimba: «Bisogna adeguare sempre la velocità»
L'incidente avvenuto sabato ad Arosa riapre il dibattito sui baby-sciatori travolti dagli adulti, l'esperto: «Divieti e limiti non servono»
BASILEA CITTÀ
5 ore
L'identikit del serial-killer svizzero: uomo, adulto, incensurato e sposato
Lo hanno stilato degli esperti basilesi che hanno preso in considerazione 33 assassini plurimi, e i risultati sono davvero sorprendenti
URI
9 ore
Colpo di sonno sull’A2, si ribalta con il furgoncino
Illeso il conducente ma i danni sono notevoli: circa 20mila franchi
SVIZZERA
10 ore
L'onda verde non travolge gli Stati
I ballottaggi di oggi - con la sola eccezione del Ticino - si sono svolti all'insegna della stabilità
ZURIGO
11 ore
Il secondo seggio sulla Limmat va a Noser
Il liberale radicale ha ottenuto 185'276 voti contro i 116'594 andati alla sfidante ecologista Marionna Schlatter
BERNA
12 ore
Stöckli riconfermato, entra Salzmann
Il "senatore" socialista e il candidato UDC hanno vinto il secondo turno nel canton Berna
SAN GALLO
12 ore
Riconfermati i due senatori uscenti
Benedikt Würth (PPD) e Paul Rechsteiner (PS) sono stati riconfermati oggi nel ballottaggio per l'assegnazione dei due seggi di San Gallo alla Camera dei Cantoni
SAN GALLO
12 ore
Casse malati, aumenta il contributo minimo
Oltre il 78% dei cittadini ha approvato la modifica della legge cantonale sull'assicurazione malattia in votazione oggi
ZUGO
13 ore
Il Plr difende il suo seggio
Matthias Michel si è facilmente imposto sul consigliere di Stato in carica Heinz Tännler (UDC)
SCIAFFUSA
13 ore
Vento a favore per il Parco naturale regionale
Le urne hanno approvato la legge che ne regola il finanziamento
SVIZZERA
14 ore
Verso gli Stati: parziali e proiezioni
I risultati del secondo turni nei cantoni di Zurigo, San Gallo, Soletta, Berna e Zugo
SVIZZERA
15 ore
Traduzioni, a Palazzo federale si pensa ai robot
La Confederazione ha lanciato un progetto pilota. Il potenziale di risparmio è notevole, ma resta il problema della sicurezza dei dati
SVIZZERA
15 ore
L'ex ceo della Posta Susanne Ruoff è passata ad Ascom
Sarà membro esterno di un gruppo di lavoro incaricato di accelerare la trasformazione del gruppo tecnologico zughese
SVIZZERA
08.04.2019 - 14:470

Trasporto stradale oneroso anche per chi non è coinvolto

È responsabile dei quattro quinti dei costi globali dei trasporti in Svizzera, ossia quasi 72 miliardi di franchi nell'ultimo anno

BERNA - Nel 2015 il trasporto stradale ha causato in Svizzera 8,6 miliardi di franchi di costi a carico della "collettività", intesa come «persone che pur non essendo coinvolte subiscono le ripercussioni negative del traffico», quasi quattro volte di più rispetto agli oneri causati dagli altri vettori di trasporto riuniti (ferroviari, aerei e su acqua). Lo rileva l'Ufficio federale di statistica (Ust), che ha pubblicato oggi le cifre per gli anni 2010-2015.

11'000 franchi per abitante - Nell'ultimo anno in esame i trasporti hanno occasionato a livello nazionale costi economici complessivi per quasi 90 miliardi di franchi, il 4% in più rispetto al 2010, pari a 11'000 franchi per abitante, rileva l'Ust. Tre quarti dei costi sono riconducibili al trasporto di persone, un quarto a quello di merci.

Considerando i vettori di trasporto nel loro insieme, le spese per i mezzi di trasporto hanno costituito la voce di bilancio più grande in assoluto (59%). Alla manutenzione e allo sviluppo dell'infrastruttura dei trasporti era riconducibile il 17% dei costi globali, agli incidenti della circolazione il 12% e ai danni ad ambiente e salute correlati ai trasporti il 13%.

I costi del trasporto motorizzato su strada sono aumentati solo del 2% nell'arco dei cinque anni in esame, contro il +14% di quelli registrati dall'aviazione e il +12% del trasporto su rotaia. Tuttavia, il trasporto su strada è stato responsabile dei quattro quinti dei costi globali dei trasporti, ossia quasi 72 miliardi di franchi.

I costi del trasporto stradale - Gli svizzeri hanno speso ben 26,1 miliardi per l'acquisto, l'uso e la manutenzione di automobili nel 2015. Complessivamente i costi dei mezzi di trasporto sono ammontati a quasi 44 miliardi. A questi si aggiungono 8,5 miliardi per l'infrastruttura e oltre 10 miliardi per gli incidenti stradali.

Infine quasi 9,5 miliardi sono messi in conto per "ambiente e salute", su un totale di 11,8 miliardi per l'insieme dei trasporti (89%). Di questi, 3,3 miliardi di franchi sono da ricondurre alle emissioni di inquinanti atmosferici del traffico stradale, altri 2,2 alle emissioni acustiche e 1,6 alle ripercussioni sul clima a causa delle emissioni di gas serra.

I costi dei trasporti su strada in ambito climatico si sono così attestati, in cifre assolute, a quasi il doppio di quelli dell'aviazione (0,8 miliardi). I danni climatici causati dall'aviazione sono tuttavia maggiori di quelli del traffico stradale se considerati in percentuale (il 13% contro il 3%).

Ripartizione dei costi - Nessuno dei gruppi di utenti dei trasporti si assume integralmente i costi generati. Secondo l'Ust l'86% di quelli causati dal traffico stradale, per un totale di quasi 62 miliardi, sono assunti dagli utenti stessi, mentre 8,6 miliardi vanno a carico della "collettività", nel senso di persone non direttamente coinvolte, riconducibili agli incidenti stradali e ai danni ad ambiente e salute. Un carico ben maggiore del miliardo causato dal traffico ferroviario, degli 1,1 miliardi occasionati dal traffico aereo e dei 77 milioni dovuti alla navigazione.

L'Ust rileva tuttavia anche che il vettore di trasporto strada, con una quota dell'80%, è anche quello che registra più traffico in assoluto. Le percentuali relative al trasporto ferroviario (12%), al trasporto aereo (7%) e alla navigazione (0,4%) si situavano nel 2015 nettamente al di sotto. A dare un impulso alla crescita dell'aviazione è stato il numero dei passeggeri in rialzo (+27%), mentre in ambito ferroviario sono stati i cospicui investimenti.

Il traffico ferroviario beneficia di un sostegno statale volto a garantire una copertura di base capillare e a favorire il trasferimento dei flussi di traffico dalla strada alla rotaia. Nel 2015 per il trasporto ferroviario la Confederazione, i Cantoni e i Comuni hanno speso quasi 4,7 miliardi di franchi, un costo quasi pari a quello assunto dai passeggeri stessi (5 miliardi).

In un confronto quinquennale, lo Stato ha comunque ridotto la propria quota di finanziamento di due punti percentuali, scendendo al 43%, con un corrispettivo aumento del finanziamento da parte degli utenti al 46%.

Nel traffico aereo i passeggeri, mediante l'acquisto dei biglietti, hanno fatto fronte all'81% dei costi globali di circa 6,3 miliardi. Lo Stato ha messo solo 52 milioni e la collettività ha dovuto coprire i rimanenti 1,1 miliardi di franchi, perlopiù dovuti ai danni ambientali, scrive l'Ust.

Reno a buon mercato - Nel 2015 sono stati per la prima volta considerati anche i costi della navigazione sul Reno, che ammontavano a 144 milioni di franchi. Alla luce dell'elevato tonnellaggio e dei limitati costi infrastrutturali, i costi per chilometro della navigazione sul Reno, pari a 7 centesimi per tonnellata di merci, erano ampiamente al di sotto di quelli dei trasporti su rotaia (17 ct.) o mediante veicoli stradali pesanti (55 ct.). Tuttavia, le imbarcazioni sono utilizzabili soltanto per trasporti di importazione o esportazione.

Commenti
 
farnetico 7 mesi fa su tio
ma fate figurare solo quello che fa comodo. sicuramente sono calcoli di universitari. io ho fatto appena la terza maggiore. quanto incide la tassa sul traffico pesante ? quanta tassa si paga sul diesel? quanto lavoro da il traffico su strada alla popolazione ? il costo su rotaia è calcolato da stazione a stazione ? usate il teletrasporto per portare la merce all' utente finale ? ce ne sarebbero ancora da dire. Fuori i nomi di chi fa questi calcoli
Thor61 7 mesi fa su tio
Ma con quale faccia e chi divulga stè FALSE boiate??? Si parla solo di costi per 8,6 miliardi, quanto hanno prodotto in INCASSI non si dice!!!! Tant'è che il traffico motorizzato DÀ denaro a tutte le strutture pubbliche DIRETTAMENTE e non. ### Con quel gran mucchi di denaro incassato e VOLENDOLO si potrebbero raccontare MOLTO MENO BALLE in merito!!! ### Sarei curioso di sapere quante persone non sono coinvolte direttamente (Cioè quelli che PAGANO) in proporzione ai residenti in Svizzera, forse solo due gatti residenti in grandi città, visto il tipo di territorio elvetico e nel quale vive la MAGGIOR parte dei residenti avere un mezzo è un OBBLIGO non una scelta.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 03:57:48 | 91.208.130.85