Keystone (archivio)
Secondo il deputato i dirigenti alla testa delle imprese federali «devono capire che non si muovono nell'economia privata»
ULTIME NOTIZIE Svizzera
FOTO
ZURIGO
4 ore
«Non è solo un problema degli Usa, è anche nostro»
Oltre un migliaio di persone hanno manifestato a Zurigo. La Polizia: «Protesta pacifica, nessun disordine»
VAUD
8 ore
Per un 84enne lo schianto è fatale sulla A9
È successo nei presi di St-Triphon, il conducente ha perso il controllo del veicolo forse a causa di un malore
SVIZZERA
8 ore
Laghetti, fiumi e montagne presi d'assalto (anche dai ticinesi) per Pentecoste
Il bel tempo ha invogliato gli svizzeri a uscire di casa per godere le bellezze del nostro Paese.
GRIGIONI
9 ore
Bimba schiacciata e uccisa mentre giocava con una scultura di legno
È successo a Flims nei pressi della stazione della funivia, ferita gravemente è stata inutile la corsa in ospedale
BERNA
9 ore
Intrappolato sotto la pressa: morto il 18enne
L'incidente era avvenuto lo scorso 20 maggio in un'azienda a Herzogenbuchsee
FOTO
VAUD
10 ore
Omicidio in un parcheggio sotterraneo
Il fatto di sangue è avvenuto ieri sera nel parcheggio dell'autorimessa del porto di Ouchy.
VIDEO
BERNA
11 ore
Mister Covid, Daniel Koch, si è buttato nell’Aare
  Il diretto interessato conferma l’autenticità del video e rivela: “Sotto avevo la muta”
SAN GALLO
11 ore
Ciclista urtato da un'auto
Il 56enne è stato portato in ospedale da un elicottero della Rega
ZURIGO
12 ore
“Datemi i soldi” e poi la coltellata. Grave un 28enne
Accoltellato in piena notte mentre rientrava a casa. Il racconto shock degli amici
FOTO
ZURIGO
13 ore
L'uccisione di Minneapolis arriva fino a Zurigo
Lungo la Langstrasse si sono radunati diversi manifestanti. Forse più di mille.
SVIZZERA
14 ore
Raccolta firme di nuovo possibile, ma le critiche non mancano
Al momento la ricerca di sostegno è in corso per 15 atti popolari. Ma le direttive fanno scuotere il capo a molti
BERNA
15 ore
Caduta in mountain-bike fatale per un 28enne
Il giovane si trovava nella regione dell'Hohgant. È precipitato per una sessantina di metri.
BERNA
15 ore
Coronavirus in Svizzera: 9 contagi nelle ultime 24 ore
Non si registrano invece nuovi decessi legati al Covid-19.
ZURIGO
16 ore
Escono di strada e si ribaltano sulla scarpata
L'incidente è avvenuto ieri sera a Teufen. Due feriti in ospedale
SCIAFFUSA
18 ore
Tre feriti dopo un'aggressione di gruppo
Un manipolo di giovani è stato insultato e aggredito. La polizia ha aperto un'indagine.
SVIZZERA
25.03.2019 - 16:060

Top manager pagati a peso d'oro: «Non è mercato, è avidità»

Nel mirino del consigliere nazionale Corrado Pardini le retribuzioni dei dirigenti di aziende pubbliche come FFS, Ruag e Posta

BERNA - I salari dei top manager di aziende pubbliche come FFS, Posta o Ruag non hanno nulla a che fare con il mercato, né con la responsabilità personale, e si basano unicamente sull'avidità. Lo sostiene il consigliere nazionale Corrado Pardini (PS/BE), per il quale è necessario intervenire.

«L'iniziativa Minder sui salari abusivi, accolta dal popolo, purtroppo non sta avendo effetto», afferma Pardini in un'intervista pubblicata oggi da Tages-Anzeiger e testate Tamedia collegate. «Dobbiamo seriamente pensare a nuove possibilità per arginare gli eccessi».

Secondo il deputato i dirigenti alla testa delle imprese federali «devono capire che non si muovono nell'economia privata». «Il presidente della direzione di FFS Andreas Meyer non è in ultima analisi altro che un funzionario molto ben pagato», osserva il 53enne. «Però questi quadri si riferiscono a uno pseudo mercato, per giustificare i loro stipendi orrendi».

Per Pardini se dovesse corrispondere al vero ciò che ha affermato ieri la NZZ am Sonntag - e cioè che le FFS hanno fatto pressione sul Consiglio federale affinché Meyer abbia più di un milione di franchi, altrimenti vi sarebbe il rischio di vederlo partire - «sarebbe inaccettabile». Il governo è «assolutamente» troppo debole sulla questione, aggiunge.

Nel 2017 il Consiglio nazionale aveva approvato una mozione dello stesso Pardini per limitare a 500'000 franchi le retribuzioni massime nella aziende nelle quali la Confederazione è proprietaria o l'azionista di maggioranza. L'idea era però stata bocciata agli Stati, che avevano preferito puntare sulla responsabilità personale. «Ora si vede come è andata», si rammarica il deputato. «L'avidità è più forte della responsabilità personale».

«Forse devo riattivare la mozione», prosegue Pardini. «In tutti i casi occorre porre un freno a questa mentalità da self-service». Il salario di riferimento deve essere quello di un consigliere federale, «che è già molto, molto buono». Si tratta a suo avviso anche di ribadire il primato della politica sull'economia.

Ma se si vuole avere le persone migliori - argomenta l'intervistatore - non bisogna anche pagarle bene? «Se guardo cosa è successo alla Posta, sarei contento se si ricorresse ai secondi migliori», risponde Pardini.

L'economia privata non deve fungere da esempio: per il consigliere nazionale non esiste un vero mercato funzionante per i top manager. Stipendi e bonus sono «il frutto di un sistema a circuito chiuso dominato da una piccola casta: i consiglieri di amministrazioni e i Ceo si pompano al rialzo i compensi a vicenda».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fgreto 1 anno fa su tio
Bravi Bravi!! guardiamo UBS e CS cosa guadagnano i signori Ceo e a noi contribuenti ci impongono spese su ogni genere di transazione, e riducono il personale facendo tagli e tagli... Per non dire delle Azione che hanno perso nell ultimo decennio il 70-80% del loro valore. E BERNA STA A GUARDARE .... Bravi Bravi!!
sedelin 1 anno fa su tio
pardini ha ragione da vendere! c'è da augurarsi che le sue parole non volino al vento.
LAMIA 1 anno fa su tio
Parole parole parole... E nessun fatto.
albertolupo 1 anno fa su tio
Qualcuno di famoso, non mi ricordo chi (qualcuno mi aiuta?), ha detto che per far girare bene un'azienda, per grande che sia, basta avere un buon contabile.
Joseph 1 anno fa su tio
Scusate, ma se corrisponde al vero che alla richiesta di Sommaruga di ridurre del 0,00001% (ca) lo stipendio di Meyer FFS questo avrebbe affermato che sotto al milione non ci stà, è tutto dire.Da licenziare in tronco e dare spazio ad Elvetici con minori pretese ma con maggiori competenze privi di protagonismo, di ricatti ma con un serio interesse per la Svizzera e le sue istituzioni: Masoni ha fatto scuola con Stinca: il risultato? Più penoso di così non esiste in alcuna parte del mondo. E vogliamo continuare sulla stessa strada?
francox 1 anno fa su tio
Corrado, I love you. Adess mola mia ul mazz!
Thor61 1 anno fa su tio
@francox Calcola che è comunque un collega di partito di chi ha CONCESSO l'aumento di stipendio del povero manager! Saluti
francox 1 anno fa su tio
@Thor61 Evidentemente sta andando contro corrente. ciao
Pepperos 1 anno fa su tio
@francox Quindi, avere preso l'interesse della nazione non le fa piacere... Oh in alternativa amici degli amici...! Come nella congregazione dei borghesi. Udc+pelle+PPD.
sedelin 1 anno fa su tio
@Pepperos ???
Libero pensatore 1 anno fa su tio
Il pasticcio è legata alle privatizzazioni delle ex regie federali. Di fatti sono divenute aziende di diritto privato che però agiscono in regime di monopolio. Quando fa comodo dicono di essere aziende private e si comportano di conseguenza, in altri casi tirano fuori la storia di essere in mano pubblica e si comportano di conseguenza. La questione degli stipendi è comunque controversa, ma di certo si dovrebbero porre dei limiti. Per lo meno i ceo nel privato spesso sono retribuiti con stock options, il cui valore è in parte legato all’andamento dell’azienda. Per FFS o Posta le cose vanno diversamente. Poi vabbè, il discorso sulle responsabilità è fondamentale: spesso si giustificano certi stipendi con le responsabilità ma poi, a lato pratico, questi grandi manager quando commettono errori raramente ne rispondono in prima persona. Prima pagano gli altri e loro, se proprio va male, ricevono una buonuscita milionaria per levarsi dalle palle.... Insomma...
Thor61 1 anno fa su tio
Come non dare ragione a questo politico! La colpa comunque è anche del CF che accetta i RICATTI come quello delle FFS per avere dei dirigenti incapaci ma costosissimi, NESSUNO li obbliga a lavorare nel settore "Pubblico" (Solo quando fa comodo, altrimenti si SPACCIANO per "Privati") per cui sbagliano coloro che ai ricatti cedono invece di assumere altri certamente capaci di fare lo stesso lavoro senza farsi strapagare per magari affondare la "Nave" che guidano (Se non ricordo male vedasi nel settore bancario in primis).
polonord 1 anno fa su tio
Il signor Pardini non è del mio partito , ma sono perfettamente d'accordo con lui. Questi non sono salari onesti, ma furti legalizzati. Un compenso limitato ad un massimo di 500000 Franchi è uno stipendio più che sufficiente, e forse già troppo visti gli errori che questi signori fanno ! Pensiamo agli stipendi di chi lavora e fa sì che questi signori mantengano il loro posto sicuro. Se le aziende fanno utili e vanno bene (vedi FFS, Ruag, Posta, ecc.) è grazie al lavoro di tutti gli operai e delle maestranze in genere (ricordatevelo cari dirigenti), perché i direttori da soli non ottengono sicuramente questi risultati.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-06-02 03:46:25 | 91.208.130.89