Keystone
ULTIME NOTIZIE Svizzera
VAUD
1 min
Test gratuiti ed estate: centri Covid-19 sotto stress
Il centro drive-in e walk-in di Yverdon è stato preso d'assalto negli ultimi giorni.
SVIZZERA
13 min
Immunità di gregge: «Scelto il test sierologico del CHUV»
L'esame verrà utilizzato nel programma Corona Immunitas che dovrà stimare l'immunità della popolazione svizzera.
FOTO
BERNA
1 ora
Un pellicano in fuga catturato nell'Aare
Il volatile è fuggito martedì mattina dalla gabbia dello zoo Dählhölzli di Berna.
SVIZZERA
1 ora
Record in terapia intensiva: il 10 aprile
I posti letto occupati hanno toccato un picco del 99 per cento due mesi fa
ZURIGO
1 ora
Coronavirus: un buttafuori digitale può salvare la scena dei club?
Più veloce, più sicura e impersonale. Una macchina è in grado di occuparsi dei controlli all'ingresso delle discoteche.
SVIZZERA
3 ore
In Svizzera 142 nuovi contagi
Salgono a 33 290 i casi dall'inizio della pandemia. Nessun nuovo decesso
GRIGIONI
6 ore
Pizzicato a 116 chilometri orari sui cinquanta
Si tratta di un motociclista che domenica è incappato in un radar sulla strada dello Julier
BERNA
7 ore
Ecco come sarà la futura sede del DDPS
Lo studio d'architettura Büro B si è aggiudicato il concorso per la progettazione dell'ampliamento
SVIZZERA
7 ore
Richemont, vendite a picco tra aprile e giugno
L'azienda numero due al mondo nei beni di lusso non ha avanzato previsioni per il resto dell'esercizio 2020/21
GRIGIONI
7 ore
Trading online: venticinque persone truffate nei Grigioni
La polizia cantonale mette in guardia: «Attenzione agli investimenti finanziari non trasparenti»
SVIZZERA
7 ore
I super-ricchi vogliono raccogliere i frutti dei loro investimenti
La conseguenza? I mercati azionari potrebbero indebolirsi nel resto del 2020
GINEVRA
7 ore
Incendio nella notte a Ginevra, 14 intossicati dal fumo
Due persone sono state portate in ospedale
GINEVRA
19 ore
Il "volto" del telegiornale di RTS lascia
Darius Rochebin, presentatore di punta dell'appuntamento con l'informazione, tenterà la fortuna in Francia.
VALLESE
20 ore
Caduta fatale da una finestra
La tragica fatalità è avvenuta questa mattina in un hotel di Sion.
SVIZZERA
14.08.2018 - 07:330

Un anno per la Patria, ma non per forza con l'arma in spalla

Magari fra i pompieri, in municipio oppure in ospedale. È l'idea alla base del "servizio civico" proposta da Avenir Suisse. Ma non mancano le critiche

ZURIGO - Nelle caserme mancano i vigili del fuoco, in alcuni comuni latitano pure i municipali e la popolazione svizzera sta invecchiando e ha bisogno di cure.

Per risolvere tutti questi problemi Avenir Suisse ha da tempo una soluzione: il "servizio civico generale", da svolgere per un anno tra i 20 e i 70 anni indipendentemente dal sesso e la nazionalità (sì, dovrebbero farlo anche gli stranieri).

Secondo il think tank, il problema di fondo è che l'attuale sistema di milizia si sta sgretolando perché c'è carenza di volontari e di gente disposta a impegnarsi. L'idea è di capovolgere l'attuale status quo fornendo un più ampio ventaglio di scelte: dall'assistenza ad anziani e bambini passando per una mansione politica di milizia, fino all'incorporazione in pompieri e forze armate. 

«Con questo modello si vuole rafforzare il sentimento civico generale e il senso di appartenenza», spiega Tibère Adler di Avenir Suisse. Un'idea, questa, che non dispiace neppure all'associazione cappello Travail.Suisse che ritrova in questi valori una corrispondenza con i bisogni sociali e lavorativi reali.

Di certo, però, questo non è un periodo politico facile per un'idea come quella del servizio civico, la Confederazione e il Ddps sono già impegnati per aumentare il numero delle reclute, in calo costante. Come? Rendendo meno attrattivo il servizio civile e incentivando/facilitando l'accesso alla leva.

Categoricamente opposto all'idea di Avenir Suisse il militarista Gruppo Giardino che parla di «un'idea che viola i diritti umani, la gente non deve essere obbligata ad altro che a difendere la Patria».

Più possibilista, ma comunque, tassativa, la Società svizzera degli ufficiali (Sog) che del servizio civico loda l'apertura alle donne del concetto di milizia: «Anche noi sosteniamo da tempo il modello norvegese che impone l'obbligo di leva alle donne», conferma il presidente Stefan Holenstein. 

Avenir Suisse, comunque, è realista: «il servizio civico è un obiettivo a lungo termine e deve essere ancora elaborato, soprattutto nella parte che riguarda l'esercito», conclude Adler.

E i politici che pensano del servizio civico? C'è chi, come il Plr Kurt Fluri  è entusiasta (con riserva): «Se al di là dell'utopia funzionasse davvero potrebbe ridurre i costi della salute e rafforzare la solidarietà». Positiva ma critica la socialista Priska Seiler Graf: «Come si definisce quale mansione è da considerarsi civica? E poi in alcuni settori si favorirebbe la disoccupazione». Categorico invece l'Udc Adrian Amstutz: «È un'idea costosa e rovinerebbe un sistema di volontariato che già funziona benissimo».

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
limortaccituoi 1 anno fa su tio
Basta dare i nostri soldi a quei mantenuti dell'esercito. Quelli che si lamentano dei soldi pubblici alla RSI (che almeno produce qualcosa) non hanno niente da dire a chi da decenni sperpera inutilmente soldi pubblici per giocare a fare la guerra???
Evry 1 anno fa su tio
A chi non piacer contribuire per la sicurezza della nostra SVIZZERA vada subito via, non abbiamo bisogno di parasiti
limortaccituoi 1 anno fa su tio
@Evry I veri parassiti sono proprio i soldatini dell'esercito a cui piace giocare a fare la guerra con le tecnologie più avanzate e costose...naturalmente senza mai usarle.
ste3990 1 anno fa su tio
Un servizio sociale per TUTTI: donne, uomini, svizzeri e stranieri con permesso C. Un servizio di qualche mese utile alle persone e alla società nel suo insieme. Altro che servizio militare!
SosPettOso 1 anno fa su tio
In 4 mesi un ragazzo inerme è "trasformato" in un soldato, tra marce, esercizi fisici, istruzioni di vario tipo, uso delle armi ed un sacco di cavolate inutili fatte solo per riempire il tempo. Un servizio più civile (anche senz'armi) con meno cavolate e più utile alla popolazione creerebbe la coesione che si cerca generando molti meno obiettori di coscienza. In caso di reale bisogno si farebbe poi anche l'istruzione alle armi.
jena 1 anno fa su tio
negli ospedali??? cosi abbassiamo i costi sanitari ??
Laura Bernasconi 1 anno fa su fb
Guardate che il servizio nella protezione civile esiste da decenni, per chi non voleva fare il servizio militare. ????
Ade Gheiz 1 anno fa su fb
Per l’appunto
Ade Gheiz 1 anno fa su fb
Vorrei però precisare che alla PCi ci vanno anche a loro malgrado quelli che per una ragione o per l’alta vengono dichiarati inabili o hanno avuto infanzie difficili. Inoltre essa non permette di svolgere interamente l’obbligo e si deve pagare la tassa. Un nuovo servizio permetterebbe a chi vuole di mettersi in gioco al pari degli altri
Dan Kri 1 anno fa su fb
La protezione civile e il servizio civile sono due cose diverse...
Nmemo 1 anno fa su tio
Anche solo per 6 mesi: farebbe bene a chi non ha mai imparato, in famiglia o a scuola, quali sono i valori della società. Ovviamente non intendo un “servizio militare” analogo a quello ancora in auge 60 anni fa.
Danny50 1 anno fa su tio
Smettiamola di inventarci stupidate. Ne abbiamo già a iosa.
Ade Gheiz 1 anno fa su fb
Se così si levano gli altri obblighi e la tassa di esenzione, ben venga. Tanto per intenderci gli impiegati comunali di capriasca sono già obbligati a fare i pompieri. Poi anche la protezione civile è un obbligo che non c’entra niente nel difendere la patria, quindi basta ipocrisia. Date possibilità a che vuole impegnarsi e lasciate i nullafacenti dove stanno
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-16 15:56:20 | 91.208.130.87