Keystone
VAUD
26.03.2018 - 16:110

Gli Jenisch chiedono aree di sosta provvisorie

In attesa di luoghi ufficiali per la loro accoglienza, i nomadi hanno domandato ai comuni di mettergli a disposizione i terreni utilizzati per fiere e circhi

LOSANNA - I nomadi, Jenisch o Sinti, in attesa di luoghi ufficiali per la loro accoglienza chiedono ai comuni di mettere a disposizione terreni utilizzati per fiere e circhi.

«Se una decina di comuni accettassero la proposta il problema verrebbe risolto», ha spiegato oggi all'ats Albert Barras, portavoce romando dei Jenisch, al termine di una tavola rotonda con Etienne Roy, mediatore cantonale per i nomadi e Jean-Daniel Carrard, sindaco di Yverdon-les-Bains.

L'incontro non ha ancora portato nulla di concreto, vi è però la «speranza che qualcosa accada», ha affermato Barras. Al vaglio vi è la creazione di un'area di accoglienza nella parte alta di Losanna, ma il dossier avanza molto lentamente.

«Sono consapevole del fatto che la popolazione sia intimorita dai nomadi, tuttavia quando ripartiamo lasciamo tutto in ordine», e «come di consueto dove ci fermiamo paghiamo per il posteggio, il consumo di acqua e della corrente elettrica», ha aggiunto. «Alcuni comuni ci accettano per una quindicina di giorni, ma ciò non basta», ha deplorato Barras.
 
 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 18:24:37 | 91.208.130.85