Fotolia
BERNA
04.09.2017 - 17:150

In aumento i casi di morbillo in Svizzera

Dall'inizio del 2017 sono 76 i casi registrati dall'Ufficio federale della sanità. Lo scorso anno in questo periodo la quota era di 42

BERNA - Negli scorsi mesi il numero di persone colpite dal morbillo in Svizzera è aumentato. Dall'inizio dell'anno l'Ufficio federale della sanità pubblica (UFSP) ha registrato 76 casi.

Nello stesso periodo dello scorso anno i casi erano 42. Nelle ultime quattro settimane sono stati annunciati otto nuovi malati, indica oggi il bollettino dell'UFSP. Nel 2016 le persone colpite dalla malattia sono state in totale 71. In Svizzera il morbillo appartiene alla categoria delle malattie infettive a dichiarazione obbligatoria.

La scorsa settimana tre nuovi casi si sono registrati in Vallese, tutti e tre i bambini non erano vaccinati contro il morbillo. Il Cantone ha dunque deciso di attuare delle misure: i bambini non vaccinati che possono essere stati a contatto con bambini infettati dal virus, devono stare a casa.

Il governo aveva avvertito già a febbraio una diffusione di morbillo e l'UFSP aveva emesso una nuova raccomandazione in merito alla vaccinazione. Il morbillo è infatti in aumento in Europa e la maggior parte delle persone colpite non erano state vaccinate.

Lo scorso febbraio in Svizzera un giovane adulto è morto dopo avere contratto il morbillo, non succedeva dal 2009. Il giovane è deceduto in un reparto di terapia intensiva a causa di problemi polmonari. Aveva la leucemia e seguiva una cura che metteva a dura prova il suo sistema immunitario. Il vaccino contro il morbillo, che gli era stato somministrato, non era stato in grado di proteggerlo adeguatamente.

Obiettivo: vaccini al 95% della popolazione - Il caso ha dimostrato, secondo il governo, quanto sia importante eliminare il virus del morbillo anche in Svizzera. Chi si vaccina contro il morbillo è protetto nella misura del 95%. Se una persona si vaccina due volte, la percentuale aumenta al 98%.

L'obiettivo della Confederazione è che almeno il 95% della popolazione sia vaccinata contro il morbillo e sia protetta dalla malattia. In questo modo il virus non avrebbe possibilità di diffondersi in Svizzera.

Con un tasso del 95% della popolazione immune al morbillo verrebbero protetti anche coloro che non hanno alcuna difesa o che non sono autorizzati a vaccinarsi per motivi medici, ha indicato l'UFSP lo scorso marzo.

In febbraio il Consiglio federale aveva richiamato l'attenzione sulla strategia contro il morbillo. L'obiettivo di sconfiggere il virus entro la fine del 2015 non è stata raggiunto, sebbene il tasso di vaccinazione sia in aumento in tutta la Svizzera.

Poiché il tasso è aumentato, non si corre il rischio di una nuova epidemia, come accaduto tra il 2006 e il 2009, ha dichiarato l'UFSP lo scorso mese di marzo. Le autorità sanitarie sono inoltre ben preparate per quanto riguarda i focolai locali.

Potrebbe interessarti anche
Tags
svizzera
casi
morbillo
ufsp
aumento
virus
persone colpite
tasso
obiettivo
bambini
Copyright © 1997-2018 Ticinonline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES - ENERGIA SOLARE

Ultimo aggiornamento: 2018-01-23 15:11:19 | 91.208.130.87