TiPress
ULTIME NOTIZIE Svizzera
SAN GALLO
1 ora
Un gatto fa schiantare la Maserati
Sfortunato incidente questa notte nel canton San Gallo
FOTO
CANTONE/SVIZZERA
11 ore
«Si faccia di più per il clima»
Le manifestazioni si sono svolte in tutta la Svizzera. Gli attivisti hanno fatto sentire la loro voce anche a Bellinzona
NEUCHÂTEL
14 ore
Brucia una storica falegnameria neocastellana
L'incendio è divampato oggi pomeriggio in una struttura di Chézard-Saint-Martin, nella Val-de-Ruz.
NEUCHÂTEL
15 ore
Pugnalò due volte la ex, condannato a quattro anni e mezzo di prigione
L'imputato è stato ritenuto colpevole di tentato omicidio. Il giudice: «Il rischio di conseguenze mortali era elevato».
FOTO
SVIZZERA / GRECIA
18 ore
Karin Keller-Sutter ad Atene per discutere di migrazione
Dal 2014 la Svizzera ha contribuito a rafforzare le strutture d'asilo e di accoglienza nel Paese con circa 12 milioni.
SVIZZERA
19 ore
«Genero biglietti per il treno gratis, come e quando voglio»
Sfruttando una falla nel sistema informatico delle FFS, un 16enne è riuscito a ottenere diversi biglietti senza pagarli.
GRIGIONI
20 ore
Covid-19: forte aumento di casi in Prettigovia
Circa un terzo dei contagi registrati nei Grigioni avviene nel distretto di Davos.
FOTOGALLERY
BASILEA CITTÀ
20 ore
King Roger ora ha anche un tram tutto suo
A Basilea è entrato in funzione un convoglio dedicato al campione della racchetta.
SVIZZERA
21 ore
Covid-19: altri 1288 casi e 36 ricoveri in Svizzera
Ieri erano stati registrati 1478 contagi e 13 ospedalizzazioni. Una settimana fa rispettivamente 952 e 22.
SVIZZERA
22 ore
Asilo, rinvii di famiglie in Italia di nuovo possibili
L'ha decretato il Tribunale amministrativo federale.
NEUCHÂTEL
21.02.2017 - 12:040
Aggiornamento : 15:27

Rifugiati in assistenza in aumento nel 2015

L'incremento rispetto all'anno precedente è stato di oltre il 35%

NEUCHÂTEL - Nel 2015 hanno beneficiato dell'aiuto sociale 20'130 rifugiati, un numero in aumento del 35,1% rispetto all'anno precedente. Lo rileva oggi l'Ufficio federale di statistica (UST), sottolineando che nonostante tale incremento la quota di assistenza finanziaria in questo ambito è rimasta praticamente invariata.

La statistica, effettuata dall'UST su mandato della Segreteria di Stato della migrazione (SEM), si basa sui dati raccolti delle persone cui è stato riconosciuto lo statuto di rifugiato, la cui competenza finanziaria è della Confederazione. Si tratta di rifugiati con asilo (permesso B) per i quali sono trascorsi meno di cinque anni dalla presentazione della domanda di asilo e di rifugiati ammessi provvisoriamente (permesso F) da meno di 7 anni in Svizzera, precisa l'UST.

La quota di aiuto sociale nel settore dei rifugiati, che esprime la proporzione di chi percepisce un'assistenza finanziaria sul totale dei rifugiati, è rimasta più o meno invariata (80,8%) nel 2015, in quanto il numero complessivo di rifugiati è aumentato, precisa la nota.

Tendenzialmente la quota di aiuto sociale negli ultimi anni è calata leggermente. Nel 2012 era ancora di circa l'86%.

Nel 2015, secondo i dati dell'UST, i bambini e i giovani fino ai 17 anni rappresentavano - con un terzo - il gruppo più numeroso di rifugiati in assistenza. Le persone al di sotto dei 26 anni rappresentano la metà di coloro che ricevono un sostegno finanziario.

Gli uomini, di poco più numerosi delle donne, rappresentavano circa il 56% dei beneficiari. Più del 69% delle economie domestiche assistite erano composte da persone sole, il 15% da famiglie monoparentali e il 13% da coppie con bambini.

Nel 2015 oltre la metà dei rifugiati in assistenza erano originari dell'Eritrea, il 15% della Siria e il 9% della Cina. Tra i colombiani e i russi i beneficiari dell'aiuto sociale sono circa il 90%, ma queste nazionalità rappresentano rispettivamente solo lo 0,3% e lo 0,6% dell'insieme dei rifugiati, precisa l'UST.

Tra gli 11'700 assistiti di oltre 15 anni, il 16% aveva un impiego e ha ricevuto l'aiuto sociale come complemento. Quasi un terzo era alla ricerca di un lavoro o partecipava a un programma di occupazione. Più della metà era considerata come persona inattiva, in particolare le casalinghe e i giovani in formazione.

I rifugiati che hanno ottenuto l'asilo e gli ammessi provvisoriamente che vivono rispettivamente da oltre cinque e sette anni in Svizzera sono registrati in statistiche separate. Anche i dati riguardanti i richiedenti asilo sono trattati separatamente in eAsyl.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
Liola 4 anni fa su tio
Non capisco come fa un rifugiato ad andare in assistenza. Ma non lo manteniamo già noi dall'affitto, all'alimentazione, al mobilio ecc???? Cosé un contributo supplementare?
mgk 4 anni fa su tio
le risorse
GIGETTO 4 anni fa su tio
Ecco la famosa "multikulturalità" a senso unico voluta dalla $inistra CH....questi sono i risultati! Andiamo avanti che presto finirà la pacchia...
siska 4 anni fa su tio
Ah ah ah ah ah ma no?!
Monello 4 anni fa su tio
....mi raccomando Simonetta fanne entrare ancora !!
mats13 4 anni fa su tio
Chi l'avrebbe mai detto...

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-10-23 11:10:28 | 91.208.130.87