Keystone
La maglia di Philippe Bozon è stata ritirata il 21 dicembre 2017 dal club ginevrino.
UN DISCO PER L'ESTATE
09.07.2019 - 07:010
Aggiornamento : 15.07.2019 - 22:38

Philippe e quel destino scritto dalla nascita

Primo giocatore francese a militare in NHL, Bozon è stato simbolo e capitano del nuovo Ginevra voluto dal gruppo Anschutz

UN DISCO PER L'ESTATE

Caricamento in corso ...
Questi sondaggi non hanno, ovviamente, un valore statistico. Si tratta di rilevazioni aperte a tutti, non basate su un campione elaborato scientificamente. Hanno quindi l'unico scopo di permettere ai lettori di esprimere la propria opinione sui temi di attualità.

GINEVRA - Se nasci a Chamonix - a pochi passi dalle piste che nel 1924 accolsero i primi Giochi olimpici invernali della storia - di alternative, riguardo a quale sport praticare, non ce ne sono molte. Lo sci o l’hockey su ghiaccio. E lui, Philippe Bozon, ha scelto la seconda opzione. Con ottimi risultati. Il piccolo Philippe è praticamente nato con un bastone in mano. Ma il figlio d’arte, il padre Alain aveva militato per una ventina di anni nel campionato transalpino, supera presto il genitore. Il giovane Philippe aveva infatti talento. Talento e determinazione. E a 16 anni parte per il Canada. Nelle leghe giovanili d’oltreoceano - vicino a Calgary - si fa le ossa. Tempra il carattere. E si fa conoscere. Gli scout iniziano a tenerlo sott’occhio. Bozon torna in Patria nel 1988. Ma il sogno americano è sempre presente. E nella primavera del 1992 - dopo una stratosferica stagione disputata nel suo Chamonix (48 gol e 20 assist in 34 partite) - riceve quella chance tanto desiderata. Bozon esordisce in NHL con la maglia dei St. Louis Blues. Il primo francese ad avere questo onore.

In totale saranno 144 le partite disputate, condite da 41 punti e tantissimo agonismo. Grandissimo lavoratore, Bozon dal Missouri ritorna cresciuto. Il suo viso porta i segni indelebili delle battaglie vissute sulle piste americane. Con quella cicatrice - souvenir di un colpo di pattino ricevuto contro i Detroit Red Wings - che lo accompagnerà per il resto della sua carriera. Una carriera che lo vedrà conquistare tre titoli tedeschi con gli Adler Mannheim prima di trasferirsi a Lugano. In riva al Ceresio, il francese viaggia ad oltre un punto a partita (112 in 107). Ma dopo due stagioni lascia il bianconero. E decide di riavvicinarsi a casa. Firma per l’ambizioso Ginevra del gruppo Anschutz e di Chris McSorley. E qui, a 82 chilometri dalla sua Chamonix, diventa un simbolo. Conquista la promozione in LNA al primo tentativo. Da capitano. E poi vive altre quattro stagioni da protagonista. Prima dell’addio dato nel 2006. Alle soglie della quarantina. Undici anni dopo il suo numero 12 viene ritirato dal club granata. Il 21 dicembre 2017 Bozon vive la sua serata d’onore. E tra i tanti ad acclamarlo quella sera,  sul ghiaccio de Les Vernets, c’era anche il figlio Tim. Una sorta di passaggio di consegne. Da padre in figlio. La dinastia Bozon continua.

Clicca qui per leggere gli articoli precedenti di "Un Disco per l'estate".

Commenti
 
sergejville 1 mese fa su tio
due anni a Lugano e due Finali ed una fantastica cavalcata in Champions. Peccato non aver alzato trofei. Ma rimane un grande guerriero bianconero.
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-08-21 13:59:29 | 91.208.130.87