Berna
4
Losanna
3
fine
(0-1 : 1-1 : 2-1 : 1-0)
Bienne
7
Ginevra
3
fine
(2-2 : 1-0 : 4-1)
Davos
7
Friborgo
2
fine
(5-0 : 0-2 : 2-0)
Lakers
3
Zurigo
0
fine
(1-0 : 0-0 : 2-0)
Lugano
1
Langnau
3
fine
(0-0 : 1-0 : 0-3)
Zugo
3
Ambrì
1
fine
(1-0 : 1-1 : 1-0)
Berna
LNA
4 - 3
fine
0-1
1-1
2-1
1-0
Losanna
0-1
1-1
2-1
1-0
 
 
16'
0-1 JOORIS
 
 
24'
0-2 HERREN
1-2 MOSER
36'
 
 
2-2 MURSAK
41'
 
 
3-2 RUEFENACHT
52'
 
 
 
 
58'
3-3 EMMERTON
4-3 ANDERSSON
61'
 
 
JOORIS 0-1 16'
HERREN 0-2 24'
36' 1-2 MOSER
41' 2-2 MURSAK
52' 3-2 RUEFENACHT
EMMERTON 3-3 58'
61' 4-3 ANDERSSON
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 22:24
Bienne
LNA
7 - 3
fine
2-2
1-0
4-1
Ginevra
2-2
1-0
4-1
 
 
7'
0-1 LE COULTRE
1-1 RIAT
12'
 
 
2-1 BRUNNER
13'
 
 
 
 
18'
2-2 MIRANDA
3-2 RAJALA
38'
 
 
4-2 SCHNEIDER
42'
 
 
5-2 MOSER
43'
 
 
6-2 GUSTAFSSON
46'
 
 
 
 
48'
6-3 BOZON
7-3 CUNTI
59'
 
 
LE COULTRE 0-1 7'
12' 1-1 RIAT
13' 2-1 BRUNNER
MIRANDA 2-2 18'
38' 3-2 RAJALA
42' 4-2 SCHNEIDER
43' 5-2 MOSER
46' 6-2 GUSTAFSSON
BOZON 6-3 48'
59' 7-3 CUNTI
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 22:24
Davos
LNA
7 - 2
fine
5-0
0-2
2-0
Friborgo
5-0
0-2
2-0
1-0 DU BOIS
1'
 
 
2-0 CORVI
2'
 
 
3-0 WIESER M.
4'
 
 
4-0 HISCHIER
6'
 
 
5-0 WIESER M.
15'
 
 
 
 
25'
5-1 LAUPER
 
 
39'
5-2 MOTTET
6-2 BAUMGARTNER
42'
 
 
7-2 AMBUHL
49'
 
 
1' 1-0 DU BOIS
2' 2-0 CORVI
4' 3-0 WIESER M.
6' 4-0 HISCHIER
15' 5-0 WIESER M.
LAUPER 5-1 25'
MOTTET 5-2 39'
42' 6-2 BAUMGARTNER
49' 7-2 AMBUHL
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 22:24
Lakers
LNA
3 - 0
fine
1-0
0-0
2-0
Zurigo
1-0
0-0
2-0
1-0 KRISTO
13'
 
 
2-0 ROWE
43'
 
 
3-0 CERVENKA
45'
 
 
13' 1-0 KRISTO
43' 2-0 ROWE
45' 3-0 CERVENKA
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 22:24
Lugano
LNA
1 - 3
fine
0-0
1-0
0-3
Langnau
0-0
1-0
0-3
1-0 WALKER
33'
 
 
 
 
48'
1-1 SCHMUTZ
 
 
49'
1-2 MAXWELL
 
 
60'
1-3 PESONEN
33' 1-0 WALKER
SCHMUTZ 1-1 48'
MAXWELL 1-2 49'
PESONEN 1-3 60'
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 22:24
Zugo
LNA
3 - 1
fine
1-0
1-1
1-0
Ambrì
1-0
1-1
1-0
1-0 THORELL
20'
 
 
2-0 MORANT
28'
 
 
 
 
35'
2-1 TRISCONI
3-1 KLINGBERG
47'
 
 
20' 1-0 THORELL
28' 2-0 MORANT
TRISCONI 2-1 35'
47' 3-1 KLINGBERG
Ultimo aggiornamento: 17.01.2020 22:24
TiPress
+ 8
ULTIME NOTIZIE Sport
NATIONAL LEAGUE
24 min
Batoste per Friborgo e Ginevra, due punti per il Berna
I burgundi, sconfitti 7-2 a Davos, hanno portato a termine un primo tempo da incubo (5-0). Vittorie per Bienne (7-3 sulle Aquile), Orsi (4-3 all'overtime sul Losanna) e Rappi (3-0 sullo Zurigo)
HCAP
32 min
Un Ambrì senza artigli si deve inchinare ai Tori
I biancoblù – nonostante una prova generosa – pagano le difficoltà in fase realizzativa e vengono superati per 3-1 dallo Zugo. Linea dei playoff sempre più lontana
HCL
52 min
Uno-due micidiale del Langnau: Lugano beffato
Due reti in 95'' segnate nel terzo tempo hanno permesso ai Tigers di vincere alla Cornèr Arena in rimonta per 3-1. Bianconeri di nuovo sotto la riga
CALCIO
2 ore
Guerriero Sinisa: «Fatte 13 chemioterapie in 5 giorni, volevo spaccare la finestra con una sedia»
Il tecnico del Bologna vede la luce in fondo al tunnel: «Ho ripreso ad allenarmi un pochino per tornare in forma»
FORMULA 1
4 ore
Alonso critica Hamilton: «Il suo stile di vita? Con un'auto normale...»
Lo spagnolo è convinto che gran parte del merito dei successi del britannico (e di Schumacher) sia da attribuire alla monoposto
NATIONAL LEAGUE
6 ore
Carica su Bertaggia: quattro giornate a Rod
L'attaccante del Ginevra si era reso protagonista di una pericolosa carica ai danni del bianconero
CALCIO
7 ore
Derdiyok sceglie l'Uzbekistan
L'attaccante elvetico, accostato anche al Lugano, ha firmato per il Pachtakor Tashkent
SCI ALPINO
7 ore
Pinturault sfiora la rimonta: la combinata di Wengen va a un super Mayer
Il francese si avvicina all'austriaco, ma alla fine è dietro di sette centesimi
CALCIO
7 ore
Novoselskiy fa marcia indietro
L'imprenditore russo ha deciso di uscire dal comitato del Team Ticino e diminuire l'apporto economico nei confronti della sezione giovanile del Lugano
CALCIO
9 ore
Facchin da Chiasso a Bellinzona
Il giocatore lascia il club momò per passare ai granata in prestito. A Chiasso arriva Piccinni
SCI ALPINO
10 ore
Combinata di Wengen: Mayer imprendibile
Nella discesa, prima manche della prova, l'austriaco ha preceduto il nostro Roulin. Grande bagarre per il successo finale
SWISS LEAGUE
11 ore
«Razzi a Lugano? Sarà speciale trovarmi dietro la transenna»
Sébastien Reuille, assistant coach dei Rockets, lancia la sfida contro i GCK Lions: «È una partita da non sbagliare, ci servono punti: l'obiettivo è lasciare l'ultimo posto. Squires? Valore aggiunto»
TENNIS
13 ore
Niente Australian Open per Stefanie Vögele
L'elvetica è stata battuta nell'ultimo turno di qualificazione dalla rumena Niculescu
HCL
13 ore
Simulazione di Lammer: multato
L'attaccante bianconero ha ricevuto un'ammenda di 2'000 franchi, l'episodio è avvenuto sabato scorso a Davos
NATIONAL LEAGUE
05.12.2019 - 21:120
Aggiornamento : 06.12.2019 - 14:41

«Lugano a un bivio, la fiducia era sotto le lame. Ambrì? In passato si sarebbe smarrito»

La maggior parte delle squadre ha già consumato metà regular season. Grégory Christen: «Kapanen è valido, ma qualcosa deve cambiare. Ad Ambrì c’è anche un po’ di sfortuna». E sulle altre…

AMBRÌ/LUGANO - Serrato, combattutissimo e tutt’altro che scontato, il campionato di National League è ormai arrivato al suo giro di boa. Quasi tutte le squadre hanno infatti giocato almeno metà delle partite della regular season, con qualche eccezione (vedi Davos con sole 22 fatiche, Zugo 23, Langnau e Friborgo 24). Tra le ticinesi i biancoblù hanno raccolto sin qui 27 punti in 25 partite, mentre i bianconeri - caduti 9 volte negli ultimi 11 impegni - sono a quota 31 in 26 match.

«Quest’anno è un casino… è tutto molto incerto», esordisce col sorriso Grégory Christen, ex attaccante di Ambrì e Lugano. «Da Zugo e Berna mi aspettavo molto di più, mentre squadre come Davos e Ginevra fanno faville anche grazie ai loro ottimi stranieri. Anche lo Zurigo, dopo lo “schifezza” dello scorso campionato, ha risposto alla grande. Dai Lions, con Grönborg in panchina, però me lo aspettavo. Sugli Orsi posso dire che mi è piaciuto l’atteggiamento della società. Hanno confermato Jalonen e cercato la soluzione prendendo un portiere straniero. Tante squadre avrebbero cambiato allenatore. Ora sono sicuro che il Berna tornerà sopra la riga e dirà la sua fino alle fine».

Soffermiamoci sulle due ticinesi. Come interpreti le tante difficoltà del Lugano?
«Hanno chiesto pazienza ed è normale quando si inizia un nuovo corso, ora però hanno due opzioni. O cambi ancora allenatore - come è già accaduto troppe volte nelle ultime stagioni - o fai una discussione chiara con la squadra per capire dove sta il problema. A quel punto, se il problema è Kapanen… la scelta è inevitabile».

Il gioco non convince e più volte ci si è chiesti se il gruppo segua davvero l’head coach.
«In certi casi anche l’allenatore deve adattarsi. Si è trovato in un gruppo che non ha costruito lui. E non l’ha fatto nemmeno Domenichelli. A questo punto qualcuno deve fare un passo avanti. Non si possono cambiare 22 giocatori. Kapanen è un allenatore valido, che in questa stagione dovrebbe però adattare un po’ il suo sistema agli uomini a disposizione. Poi, dal prossimo anno e dopo il mercato, potrà inculcare maggiormente le sue idee. Nella vita e nello sport ci si può anche venire incontro».

Insomma qualcosa deve cambiare. 
«Sì, qualcosa dovrebbe cambiare, altrimenti si continua sulla stessa linea. Ora ci sono all’orizzonte due esami importantissimi, ma penso che prima di Friborgo la fiducia dei giocatori fosse sotto le lame dei pattini… Alla BCF Arena c’è stato un primo passo, adesso si attendono altre risposte». 

Che voto dai al Lugano visto sin qui?
«Do un 3.5 perché qualcosa non funziona e sono sotto la riga. La classifica è corta, ma non dovrebbe essere lì».

Passiamo ai biancoblù. L’Ambrì lotta sempre, ma - tra infortuni e ko all’ultimo respiro - ha già dovuto ingoiare parecchi bocconi amari.
«Identità e mentalità sono identiche allo scorso campionato, ma in questo hanno perso parecchi punti in momenti importanti. L’ultima sfida, a Langnau, è emblematica. È un peccato perché il gruppo lotta sempre col coltello tra i denti. Questi rovesci, frutto anche dell’inesperienza, possono pesare un po’ anche sul mentale. Detto questo giù il cappello di fronte a questo Ambrì, che ha dovuto e deve fare i conti anche con parecchia sfortuna».

In particolare a livello d’infermeria… da ultimo l’infortunio di Scottie Upshall. 
«Ci sono stati dei ferimenti a catena che, sin dalla preparazione, hanno colpito pedine davvero importante. Penso a uomini come Kostner, Incir, Rohrbach, Novotny, Conz, Zwerger e Hofer… insomma un po’ di tutto. Ora pure Upshall, che stava facendo benissimo e personalmente avrei confermato senza il minimo dubbio. Un vero peccato. Ad ogni modo, la speranza, è che dopo la Spengler Cereda possa lavorare con un gruppo più completo».

Che voto dai alla prima metà di stagione dei biancoblù?
«4.5. Nonostante i tanti infortuni sono a ridosso della linea. In passato, in una situazione del genere, avrebbero potuto smarrirsi. Invece hanno gestito bene la situazione e anche le tante competizione. Forse, paradossalmente, i giocatori costretti ora ai box per infortunio potranno dare freschezza e rivelarsi un'arma in più nel finale di stagione», conclude il 36enne Grégory Christen.

keystone-sda.ch/ (PETER KLAUNZER)
Guarda tutte le 12 immagini
Commenti
 
SSG 1 mese fa su tio
Esatto, non ci sono parole migliori per descrivere l situazione a Lugano, Bravo! Ah no, non è farina del tuo sacco...
fakocer 1 mese fa su tio
Il Lugano è in costruzione (5 giocatori nuovi, nuovo staff tecnico, nuovo sistema di gioco ecc) e con lavoro e dedizione si presenterà competitivo all'equilibratissimo campionato svizzero. (sergeiville 10.8.2019)
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-01-17 22:45:55 | 91.208.130.85