keystone, archivio
+ 4
NATIONAL LEAGUE
09.10.2019 - 10:000
Aggiornamento : 23:21

Wohlwend & Davos: «Il coach giusto dopo Del Curto? Ne riparliamo fra 22 anni e 6 titoli»

L'head-coach del Davos è finora riuscito a dare degli impulsi positivi alla sua squadra che ha ottenuto ottimi risultati in trasferta: «La direzione è quella giusta, ma siamo solo all'inizio»

DAVOS - Il Davos di Christian Wohlwend è una delle piacevoli sorprese di questo inizio di campionato. 

La formazione grigionese ha finora giocato sei partite (11 punti), tutte in trasferta a causa dei lavori in corso alla Vaillant Arena, e ne ha vinte ben quattro. Dubois e compagni disputeranno ancora due match esterni – a Berna (sabato) e a Friborgo (martedì) – dopodiché avranno la grande possibilità di continuare a macinare punti anche davanti ai loro tifosi. «La direzione è quella giusta e sono contento di come si sta comportando il gruppo, ma non bisogna dimenticare che abbiamo giocato soltanto sei partite. Il campionato è ancora lungo», ha analizzato proprio Wohlwend. «Mi auguro che la squadra continui a sfornare un certo tipo di prestazione – soprattutto nel futuro prossimo quando recupereremo i match casalinghi – e se fra due mesi avremo mantenuto lo stesso ritmo, allora sarò davvero soddisfatto».

Ti aspettavi un inizio così positivo? «Sì, perché il Davos è una buona squadra, lo staff ha sempre avuto un atteggiamento positivo e i giocatori si sono dimostrati motivati fin da subito a crescere insieme al progetto. Oltre a questo stiamo lavorando duramente, abbiamo fiducia nei nostri mezzi e ci sosteniamo a vicenda». 

Il roster grigionese è composto da tanti giovani che necessitano di essere messi nelle condizioni ideali per emergere. Per questo motivo Wohlwend – visti i suoi trascorsi sulla panchina della U20 svizzera – potrebbe essere proprio l'uomo ideale. «I giocatori sono prima di tutto delle persone e non importa se hanno 19 o 30 anni. Alcuni di loro hanno sicuramente più esperienza di altri, ma alla fine sono tutti degli esseri umani e vogliono essere trattati come tali: con rispetto, amore e riconoscimento».

Wohlwend è cresciuto a St. Moritz – nel Canton Grigioni – a circa 60 km da Davos. Un po' come Luca Cereda ad Ambrì... «Diciamo che il paragone si presta. Quando i ragazzi di montagna tornano sulla loro montagna stanno bene (ride ndr). Davos è molto simile a dove sono cresciuto, per questo motivo il mio inserimento in squadra è stato relativamente semplice. Conosco la zona e l'ambiente, parlo il dialetto del posto e ho la stessa mentalità delle persone che ci vivono. L'uomo giusto dopo Del Curto? Ne riparliamo fra 22 anni e sei campionati vinti».

keystone, archivio
Guarda tutte le 8 immagini
Commenti
 
BarryMc 1 sett fa su tio
Stranieri forti, qualche ottimo svizzero d'esperienza e bravi giovani, non vedo perché non credere nella possibilità di fare i playoffs. Secondo me una buonissima squadra.
Led Swan 1 sett fa su fb
Ho visto solo una partita (contro il Langnau) e devo dire che quest'anno si gioca veramente bene se paragonato alle ultime 2 stagioni. Probabilmente non si arriverà ai playoffs ma giâ il fatto di lottare il più a lungo possibile verso quest'obiettivo mi rincuora. Se poi riusciamo a non finire allo spareggio salvezza ancora meglio😀
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-21 15:27:39 | 91.208.130.87