Brescia
3
Lecce
0
fine
(2-0)
FC Stade Ls Ouchy
1
Sciaffusa
0
1. tempo
(1-0)
Brescia
SERIE A
3 - 0
fine
2-0
Lecce
2-0
 
 
11'
MAJER ZAN
 
 
15'
SHAKHOV YEVHEN
1-0 CHANCELLOR JHON
32'
 
 
CHANCELLOR JHON
35'
 
 
BALOTELLI MARIO
38'
 
 
TORREGROSSA ERNESTO
41'
 
 
2-0 TORREGROSSA ERNESTO
44'
 
 
 
 
45'
LAPADULA GIANLUCA
 
 
45'
TABANELLI ANDREA
SPALEK NIKOLAS
58'
 
 
 
 
58'
CALDERONI MARCO
3-0 SPALEK NIKOLAS
61'
 
 
 
 
76'
FARIAS DIEGO
MAJER ZAN 11'
SHAKHOV YEVHEN 15'
32' 1-0 CHANCELLOR JHON
35' CHANCELLOR JHON
38' BALOTELLI MARIO
41' TORREGROSSA ERNESTO
44' 2-0 TORREGROSSA ERNESTO
LAPADULA GIANLUCA 45'
TABANELLI ANDREA 45'
58' SPALEK NIKOLAS
CALDERONI MARCO 58'
61' 3-0 SPALEK NIKOLAS
FARIAS DIEGO 76'
Start of second half delayed.
Venue: Stadio Mario Rigamonti.
Turf: Natural.
Capacity: 16,743.
History: 4W-3D-5W.
Goals: 21-20.
Age: 26,5-26,7.
Sidelined Players: BRESCIA - Daniele Dessena (Fracture).
LECCE - Radoslav Tsonev (Suspended), Riccardo Fiamozzi (Suspended), Marco Mancosu (Muscular), Luka Dumancic (Knee), Biagio Meccariello (Knee), Romario Benzar (Bruise).
VAR Video Referee.
Ultimo aggiornamento: 14.12.2019 17:27
FC Stade Ls Ouchy
CHALLENGE LEAGUE
1 - 0
1. tempo
1-0
Sciaffusa
1-0
1-0 GAZZETTA KARIM
25'
 
 
25' 1-0 GAZZETTA KARIM
Venue: Centre sportif de Vidy.
Turf: Natural.
Capacity: 4,200.
History: 1W-0D-0W.
Goals: 1-0.
Age: 26,6-23,8.
Sidelined Players: FC STADE LS OUCHY - Dylan Tavares (Yellow card suspension), Andrea Mutombo (Hip), Steve Samandjeu (Knee), Roland Ndongo (Toe), Jeremy Maniere (Ankle), Allan Eleouet (Knee), Ferid Matri (Knee).
FC SCHAFFHAUSEN - Adrian Nikci (Cruciate Ligament), Sadik Vitija (Flu), Jetmir Krasniqi (Achilles tendon), Karim Barry (Knee), Uran Bislimi (Ligament), Paulinho (Knee).
Ultimo aggiornamento: 14.12.2019 17:27
keystone-sda.ch/ (YOAN VALAT)
+ 26
ULTIME NOTIZIE Sport
SCI ALPINO
15 min
La Shiffrin dice no al parallelo di St.Moritz
L'americana preferisce concentrarsi sulle gare di Courchevel
CALCIO
22 min
Chapecoense, Neto lascia il calcio. Era sopravvissuto all'incidente aereo: «Non ce la faccio più»
Il difensore brasiliano ha deciso di abbandonare l'idea di giocare ancora a pallone. Troppi i dolori con i quali sta convivendo negli ultimi mesi
SERIE A
45 min
Brescia: tre sberle al Lecce
Punti d'oro in ottica salvezza per la squadra di Corini, vittoriosa 3-0 sui pugliesi
FORMULA 1
3 ore
Barrichello inchioda Schumi: «La Ferrari era di Michael, io mai supportato»
Il brasiliano non ha conservato ricordi fantastici dei suoi anni con la Rossa: «È capitato che, finito un meeting tutti insieme, la squadra ne iniziasse poi uno “personale” con il tedesco»
SCI ALPINO
5 ore
Troppo vento: slalom maschile posticipato
Niente prova tra i paletti stretti nella località francese
SCI ALPINO
6 ore
Lara quinta a St. Moritz, vince la Goggia
Seppur proponendo una buona sciata in super G la ticinese non è riuscita a centrare il podio, completato dalla Brignone e dalla Shiffrin
NATIONAL LEAGUE
7 ore
Nulla di grave per Reto Berra
Il portiere del Friborgo aveva lasciato il ritiro rossocrociato (sostituito da Nyffeler) a causa di alcuni problemi muscolari
MOTOMONDIALE
9 ore
Marquez “smontato” dal capo: «Vince? Honda semplice da guidare»
Alberto Puig ha celebrato la sua Honda e levato meriti al pluricampione di Cervera
SERIE A
18 ore
Gattuso punta uno svizzero, 15'000'000 sul piatto
Il 41enne mister vorrebbe portare a Napoli Ricardo Rodriguez, titolarissimo con lui nel Milan
NAZIONALE
19 ore
Svizzera esagerata, Russia umiliata 8-2
Bella prova per la selezione di Patrick Fischer, in trionfo nel NaturEnergie Challenge vincendo comodamente la finale. Quattro gol per Loeffel
SUPER LEAGUE
21 ore
«Soldi attesi entro il 6 dicembre. Oggi quanti ne abbiamo?»
Renzetti ha (quasi) perso la pazienza: «Se a metà della prossima settimana il capitale non sarà arrivato, allora chiuderò questa questione»
FORMULA 1
1 gior
«La Ferrari bara? Non ascolto Verstappen, ma avevamo gli ispettori FIA ovunque»
Louis Camilleri, ad del Cavallino, punge il pilota olandese: «Le dichiarazioni bomba non ti portano lontano. Perché dargli credibilità quando siamo in Ferrari?»
PARIGI
03.12.2019 - 07:000
Aggiornamento : 10:09

Tattoo e (poco) gossip: brilla la luce sull'antidivo Messi

L'argentino che rifugge la luce dei riflettori ha vinto il sesto Pallone d'Oro. Il "compare" CR7 ha invece fatto l'ennesima figuraccia

PARIGI (Francia) - L'ultimo Pallone d'Oro ha permesso a Leo Messi di mettere la freccia e operare il sorpasso su Cristiano Ronaldo, un rivale per il quale ha «Grande rispetto. Amicizia? Chissà, in futuro». Rispetto al portoghese la Pulce rifugge la luce dei riflettori, pur senza - tuttavia - scansarla del tutto. La prova? Ha 137 milioni i followers su Instagram e quasi 90 milioni di like su Facebook. L'argentino è una sorta di antidivo, che ha sposato la fidanzata Antonella Roccuzzo dopo un lungo fidanzamento e dalla quale ha avuto i figli Thiago, Mateo e Ciro. Il gossip attorno alla coppia? Poco. Di Leo si è vociferata una storia con la cantante Cheryl Cole, di lei una tresca addirittura con un compagno al Barça. Tutto falso. Una delle passioni di Lionel sono i tatuaggi. Sul corpo si è fatto disegnare un parastinchi griffato con il numero 10, le mani del figlio Thiago, il volto di Gesù, una parte della Sagrada Família, una rosa e una dedica alla madre. Disegni per i trofei vinti? Per ora nulla...

Nella serata che lo ha visto (ancora) incoronato non ci sono state sorprese. Sul podio, alle sue spalle, battuti, sono saliti il difensore olandese del Liverpool Virgil van Dijk e Cristiano Ronaldo, assente “ingiustificato” della cerimonia. L’attaccante del Barcellona è stato proclamato vincitore da Didier Dogba, rivelatosi simpatico conduttore della serata evento, insieme alla giornalista francese Sandy Heribert, che ha fatto accomodare Messi su una sedia da regista sul palco mandando in onda tutte le perle del numero 10 mentre scorrevano i trofei di questi anni da assoluto genio e fenomeno del calcio. Cioccolatino finale: gli auguri e le congratulazioni della moglie Antonella e dei tre figli. «Ringrazio tutti – ha detto Messi emozionato – i miei compagni, siete parte di questo premio. Sono passati 10 anni dalla mia prima vittoria, impensabile vincerne sei, qui con mia moglie e i miei figli. Ora mi gusto meglio la vita e i miei successi».

Giù dal podio ancora tanto Liverpool: quarto Manè, solo quinto Salah, poi Mbappé (Psg), Alisson (Liverpool), Lewandowski (Bayern Monaco), a chiudere la top ten Bernardo Silva e Mahrez (entrambi del Man City). Per quanto riguarda il resto della serata, Miglior giovane – premio Kopa – riservato alla categoria Under 21, al difensore olandese Matthijs De Ligt (l’anno scorso all’Ajax, ora alla Juventus). Miglior portiere trofeo Jascin al n° 1 del Liverpool Alisson. Pallone d’Oro femminile all’americana Rapinoe, capitano della nazionale Usa campione del mondo.
Insomma lo spoiler delle ultime settimane, intensificatosi nei giorni e nelle ore che hanno preceduto la serata di ieri, ha tolto tutto il pathos della cerimonia. Scatenando forse qualche polemica e qualche gelosia. Quella di Cristiano Ronaldo, ad esempio, che, come già fatto a settembre, con la premiazione del Fifa Football Awards, ha deciso di disertare la serata, uno dei pochi, se non l’unico tra i 30 finalisti.

CR7 ha preferito presenziare a un’altra cerimonia, quella del più modesto premio come miglior giocatore del 2019 in Italia, consegnato al Gran Galà del Calcio a Milano.
Difficile, come al solito, quando si parla di votazioni per il Pallone d’Oro, capire le dinamiche e le motivazioni. Messi portava in dote la solita Liga vinta, stravinta, col Barcellona. E poco altro con un doppio flop internazionale, sia col Barça in Champions che con l’Argentina in Copa America.

Cristiano, al pari di Messi, aveva stravinto il campionato con la Juve, fuori pure lui anzitempo in Champions. Dalla sua parte c’era però la vittoria della prima edizione della Uefa Nations League col Portogallo. Non è bastato. E non è bastata la Champions vinta col Liverpool da protagonisti ai vari Mané, Salah e Van Dijk.

In principio fu Stanley Matthews, nel ’56, a vincere il primo Pallone d’Oro della storia. Il 64° trofeo ideato da France Football vale, come detto, il 6° trionfo per Leo Messi, che stacca l’acerrimo rivale Cristiano Ronaldo fermo a quota 5. Alle loro spalle il francese Michel Platini e gli olandesi Johan Cruijff e Marco van Basten con 3 trofei. A 2 seguono Franz Beckenbauer, Alfredo Di Stefano, Kevin Keegan, Karl-Heinz Rummenigge e il Fenomeno Ronaldo, nel 1997 a 21 anni il più giovane a ricevere il premio.
Intanto la corsa per il Pallone d’Oro 2020 è già cominciata. 

keystone-sda.ch/ (ALBERTO ESTEVEZ)
Guarda tutte le 30 immagini
Commenti
 
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-14 17:42:05 | 91.208.130.89