Iran
0
Spagna
0
1. tempo
(0-0)
DANIELL M./KOOLHOF W.
2
DJOKOVIC N./WAWRINKA
0
fine
(6-4 : 7-6)
Iran
MONDIALI
0 - 0
1. tempo
0-0
Spagna
0-0
Ultimo aggiornamento: 20.06.2018 20:07
DANIELL M./KOOLHOF W.
2 - 0
fine
6-4
7-6
DJOKOVIC N./WAWRINKA
6-4
7-6
ATP-D
LONDON GREAT BRITAIN
Ultimo aggiornamento: 20.06.2018 20:07
Keystone
Risultati
20.06.2018
Mondiali
Portogallo
 1 - 0 
fine
1-0
Marocco
Uruguay
 1 - 0 
fine
1-0
Arabia Saudita
Iran
 0 - 0 
1. tempo
0-0
Spagna
 
Classifiche
Super League
1
Thun
0
0
2
Young Boys
0
0
3
Zurigo
0
0
4
Grasshopper
0
0
5
S.Gallo
0
0
6
Basilea
0
0
7
Lugano
0
0
8
Lucerna
0
0
9
Sion
0
0
10
Xamax
0
0
Ultimo aggiornamento:20.06.2018 09:46
Challenge League
1
Aarau
0
0
2
Chiasso
0
0
3
Losanna
0
0
4
Sciaffusa
0
0
5
Servette
0
0
6
Wil
0
0
7
Winterthur
0
0
8
Rapperswil
0
0
9
SC Kriens
0
0
10
Vaduz
0
0
Ultimo aggiornamento:19.06.2018 20:09
Serie A
1
Juventus
38
95
2
Napoli
38
91
3
Roma
38
77
4
Inter
38
72
5
Lazio
38
72
6
Milan
38
64
7
Atalanta
38
60
8
Fiorentina
38
57
9
Torino
38
54
10
Sampdoria
38
54
11
Sassuolo
38
43
12
Genoa
38
41
13
Chievo
38
40
14
Udinese
38
40
15
Bologna
38
39
16
Cagliari
38
39
17
SPAL
38
38
18
Crotone
38
35
19
Verona
38
25
20
Benevento
38
21
Ultimo aggiornamento:21.05.2018 23:45
ULTIME NOTIZIE Sport
L'OSPITE
07.03.2018 - 07:000
Aggiornamento 14:08

Vecchietto Buffon via per evitare "macchie". «Merita un finale degno»

Il portiere della Juve non è più sicuro di mollare a fine stagione. Ma fa bene? Arno Rossini: «Macchiare la carriera con uno o più anni non all'altezza? Un dispiacere»

LUGANO - Tami avrà il suo bel daffare per risolvere, questa settimana, l'enigma portiere. Continuare con lo sfiduciato Da Costa, numero uno designato ma ultimamente un po' appannato, o puntare sulla riserva Kiassumbua, meno solido ma forse - al momento - più sicuro? Dare il definitivo colpo al morale del 31enne o concedergli una nuova chance, ben sapendo che altre papere renderebbero difficile la trasferta zurighese e complicherebbero il cammino ticinese in campionato?

Per una volta noi proveremo a lasciar lavorare in pace il mister di Cornaredo e sbirceremo in casa altrui. A un altro portiere. A quel Gigi Buffon che, con la sua Juve, questa sera si giocherà il ritorno degli ottavi di Champions League nella tana del Tottenham.

Prima dei mille ripensamenti delle ultime settimane, l'estremo difensore della Vecchia Signora aveva anticipato il suo ritiro a fine stagione. «A meno che non vinceremo la Champions e avremo poi da giocare il Mondiale per club», si era poi più volte corretto. A Londra i bianconeri rischiano tantissimo. Uscissero, "Gigi" manterrebbe fede alla parola data?

«Serve un veloce preambolo - è intervenuto Arno Rossini - Stiamo parlando di un grande calciatore, di un campionissimo che tutti vorremmo veder giocare ancora a lungo. E poi stiamo anche parlando di un grande uomo, di una persona perbene».

Però?
«Nella vita arrivano momenti nei quali è giusto e saggio voltare pagina. Lui è un 1978, ha 40 anni, insomma... dopo la carriera che ha fatto si merita un finale degno».

Chi può dire qual è il finale degno? Recentemente il suo agente ha detto che per altri due anni può giocare.
«Ma no. Gigi è stato fenomenale ed è ancora fortissimo; comprensibilmente però non ha più i riflessi di un 25enne, di un 30enne. Neppure di un 35enne. È più esperto e ha maggior senso della posizione, si potrebbe obiettare. Tutto vero, ma se i riflessi diminuiscono e sei un portiere...».

Salvo rare occasioni, quest'anno ha dimostrato di saper tenere botta.
«Ma tutti, anche chi lo adora, anche i tifosi più sinceri, quando fa un errore storcono il naso. Continuando rischia proprio questo: di macchiare la sua enorme carriera con una o più stagioni non all'altezza. E non sarebbe giusto. Mi dispiacerebbe molto».

Con Andrea Agnelli, presidente della Juve, Buffon pare avere un rapporto solidissimo.
«Vero, sembra. Ma una cosa è l'amicizia, un'altra sono invece gli interessi professionali. In rosa i bianconeri hanno già un sostituto fenomenale: quel Szczesny che io reputo già al livello dei migliori d'Europa. Cosa pensate che possa fare la dirigenza del club: dare fiducia alla bandiera, rischiando che questa commetta errori che possono complicare la stagione, o guardare al futuro puntando sulla fortissima riserva?».

Così Buffon sarebbe costretto a smettere. È diverso dal decidere di smettere.
«Quando sei stato al top per 20 anni è difficile mollare quello che è il tuo mondo. È comprensibile. Sai che ti mancherebbero l'adrenalina e lo spogliatoio. Sai che non saresti più al centro della scena. Detto ciò, ha senso rovinare il rapporto con un club nel quale troveresti sempre un posto per una tua paura, solo perché sei "goloso"? Arrivare a fine anno e magari alzare un altro trofeo sarebbe il finale perfetto di un'avventura incredibile. Gigi dovrebbe dire: "mi mancano questi mesi, li gioco e poi saluto". Sarebbe onesto. Sarebbe giusto. Sarebbe perfetto. Questo ovviamente è il mio parere...».

Potrebbe interessarti anche
Tags
buffon
gigi
degno
finale degno
portiere
carriera
juve
club
stagione
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - POLICY - COMPANY PAGES

Ultimo aggiornamento: 2018-06-20 20:35:28 | 91.208.130.87