Segnala alla redazione
Tipress (archivio)
L'obiettivo principale della carta è di promuovere la formazione critica dell'opinione pubblica e offrire una piattaforma per raccogliere le differenti proposte di soluzione.
SVIZZERA
20.08.2019 - 13:230
Aggiornamento : 27.08.2019 - 15:55

Clima ed elezioni, parola ai candidati

Il movimento Sciopero per il clima ha lanciato oggi una propria carta invitando i nomi in lista a prendere posizione

BERNA - Il movimento Sciopero per il clima ha lanciato oggi una propria carta, a due mesi esatti dalle elezioni federali del 20 ottobre. I candidati sono ora invitati a prendere posizione sulle rivendicazioni contenute nel documento e a presentare le loro proposte.

La Carta del clima è una sorta di trattato non vincolante, spiega il movimento in una nota. Tutte le persone in lizza per il Parlamento possono andare sul sito web (klimacharta.ch) e completarla, commentando le richieste e avanzando possibili soluzioni alla crisi ambientale.

Non basterà rispondere con dei semplici "sì" o "no" ai vari punti: i politici sono sollecitati ad occuparsi dell'argomento in profondità. Per consentire un certo lasso di tempo alla riflessione, le risposte dei candidati non saranno pubblicate prima di metà settembre.

La carta è aperta a tutti gli interessati: già venerdì sul portale, disponibile in tedesco, francese e italiano, si potranno leggere i primi pareri di gente comune, non in lista per le federali.

Una delle tre principali rivendicazioni contenute nella carta è che la Svizzera dichiari l'emergenza climatica a livello nazionale. Il movimento, attivo dallo scorso dicembre, chiede inoltre che entro il 2030 non siano più prodotte emissioni di gas serra e la giustizia climatica.

L'obiettivo principale della carta è di promuovere la formazione critica dell'opinione pubblica e offrire una piattaforma per raccogliere le differenti proposte di soluzione. Non ci sarà nessuna etichetta, nessun giudizio di valore e nessuna raccomandazione di voto diretta, precisa il movimento.

Commenti
 
vulpus 1 mese fa su tio
Le solite sparate , dove a seconda di cosa risponderanno, verranno ridicolizzati e messi all'indice. A cosa serve sedersi sul... e poi chiedere di far regredire il mondo di 100 anni senza portare alcuna proposta. Tutti vogliamo un mondo con un ambiente accettabile, ma nessuno ha la ricetta giusta che vada bene a tutti. Prima gli idrocarburi, poi l'atomo, la plastica, e tutte quelle cose che inquinano. Ma nessuno è disposto a rinunciare a qualcosa. Ora si propugna l'energia elettrica come pulita. Ma ci rendiamo conto che non sarà mai possibile. L'energia non si crea dal nulla. I veicoli elettrici sono inquinanti quando nascono e quando muoioni. Il loro utilizzo non crea Co2 , ma a quale prezzo? Pensiamo solo al cibo o alle telecomunicazioni che montagna di rifiuti generano. Qualcuno è disposto a rinunciarvi? Ebbene annunciatevi e fatelo, non scrivere le magna carta dell'ambiente . Da noi protezione dell'ambiente significa solo tasse supplementari, multe, oneri , e spese centuplicate ( vedi edilizia)
matteo2006 1 mese fa su tio
Non seguire le mode ecologiste fermare il consumismo sfrenato mangiare i prodotti del posto e rinunciare a qualcosa volte non fa poi così male.
shooter01 1 mese fa su tio
La mia soluzione ? Semplice, non votare per partiti rossoverdi che cavalcano l'onda climatica per guadagnare seggi sfruttando i creduloni e servire meglio i padroni UE mettendo più tasse. Comunque non sono d'accordo per dichiarare l'emergenza climatica, bensì quella della eccessiva crescita della popolazione mondiale, specialmente in paesi dove non ci sono certo attenzioni al clima. A settembre guarderò la vostra carta, ovviamente tenendo in ben debito conto l'orientamento politico come discriminante.
seo56 1 mese fa su tio
Hahaha!!! Due volte ridicoli..
limortaccituoi 1 mese fa su tio
@seo56 Sei un grande tu, che fai parte della generazione che ha compromesso il clima e che passi le giornate e sfottere e insultare ragazzini su un blog. Continua così, campione ;)
Bayron 1 mese fa su tio
Ridicoli!!!
Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-21 09:32:28 | 91.208.130.87