Immobili
Veicoli

L'OSPITECari amici liberali, capisco l'arrabbiatura, ma un po' ve la siete cercata

08.02.21 - 00:08
Tuto Rossi, Consigliere comunale UDC, Bellinzona
Tipress
Cari amici liberali, capisco l'arrabbiatura, ma un po' ve la siete cercata
Tuto Rossi, Consigliere comunale UDC, Bellinzona

Cari amici del PLR di Bellinzona,

leggo il vostro comunicato stampa dove ve la prendete con il ricorso Lega-UDC sui sorpassi milionari, e in particolare con il sottoscritto.

Vi sentite traditi dal PS che vi ha accompagnato per 4 anni e adesso si smarca, e dal PPD che vi rimprovera di avere forzato la mano con un messaggio lacunoso e con una votazione in conflitto d’interessi, bloccando tutto con un ricorso. Ma soprattutto con noi della Lega-UDC che, visto che siamo all’opposizione, abbiamo sparato bordate più forte degli altri. Anche se “in guèra püséé bal che tèra”, posso capire che vi siete arrabbiati e vi sentite offesi.

Adesso però è anche vero che avete gestito la vicenda da veri e propri pasticcioni. Che bisogno c’era di imporre la trattazione dei messaggi prima di Natale, con gli audit ancora incompleti, senza sapere cosa è davvero capitato e senza conoscere le responsabilità dell’accaduto?

Che bisogno c’era di nascondere le perizie e di vietare la lettura degli allegati, dopo che il Sindaco aveva promesso la massima trasparenza che poi ha evitato di fornire?

Che bisogno c’era di negare alla commissione della gestione l’audizione del firmatario della perizia?

Che bisogno c’era di evitare di ascoltare l’architetto che ha diretto i lavori dello Stadio?

Già la scelta di affidare la perizia alla ditta che annovera fra i suoi quadri un vostro consigliere comunale non è stata delle più felici.

Non era forse meglio aspettare la seduta di marzo, dove con Sindaco e Municipali avreste spiegato tranquillamente ciò era capitato, mostrando tutti i documenti?

Invece, prima avete “mandato alla gogna” in conferenza stampa il povero Gervasoni che avete sospeso sui due piedi (assieme al municipale autosospeso). Poi, dopo 9 mesi, lo avete trasferito in modo anomalo all’AMB SA, senza concorso e senza conferenza stampa.

Logico che con questo modo di agire, capeggiato dal Sindaco, avete suscitato una valanga di sospetti, come se ci fossero chissà quali cose da nascondere. Se invece facevate la vostra conferenza stampa finale e atteso il Consiglio comunale di marzo, tutto sto casino non sarebbe saltato fuori.

Il nostro è però un attacco politico, mai personale.

Nessuno ha voluto mettere in discussione la personale onorabilità di nessuno di voi. Come ho più volte ribadito pubblicamente, anche nella mia recente intervista a TV Riviera24, io nutro stima e amicizia verso tutti i dirigenti, municipali e colleghi consiglieri comunali del PLR.

Semplicemente la critica e la contestazione politica, perfino aggressiva, sono il sale della democrazia, e anche se talvolta danno fastidio e possono fare arrabbiare. Al vostro posto io probabilmente mi sarei arrabbiato ancora più di voi.

Con amicizia,

Tuto Rossi

NOTIZIE PIÙ LETTE