Segnala alla redazione
ForumAlternativo
L'OSPITE
26.08.2019 - 09:550

La Santa Alleanza affonda il Ticino

ForumAlternativo

Uno spettro s’aggira sempre più minaccioso nel nostro Cantone, quello del dumping salariale dilagante che favorisce lo sfruttamento dei lavoratori e produce esclusione sociale. Come è noto, la nostra è la regione in Svizzera che detiene la maglia nera nelle retribuzioni dei lavoratori. Purtroppo non è l’unico record negativo del mercato del lavoro cantonale. Una situazione non accidentale ma frutto di precise responsabilità.
Negli ultimi 15 anni in Ticino esiste una sorta di “Santa Alleanza” tra Governo, istituzioni, organizzazioni padronali, partiti e alcune precise “organizzazioni sindacali” che ha sdoganato l’idea che un salario di 3'000 franchi al mese possa essere uno stipendio accettabile. In realtà è uno stipendio da fame, inferiore ai livelli delle prestazioni sociali, che impedisce una vita dignitosa.

Certe organizzazioni sindacali hanno abdicato rispetto al loro ruolo e sottoscrivono sempre più sovente contratti collettivi con salari miserabili. Lo abbiamo visto di recente con le “negoziazioni” dei contratti collettivi nella vendita o nelle imprese di pulizia. Contratti collettivi al ribasso che si ripercuotono poi negativamente in altri settori. Ricordiamoci che il nostro Cantone è stato escluso dall’applicazione del salario minimo del contratto degli shops annessi alle stazioni di benzina (settore dove è attivo il consigliere nazionale Plrt Rocco Cattaneo), negoziato a livello nazionale. Il Ticino è escluso perché il salario sottoscritto nel resto della Svizzera (3600 franchi al mese…) è stato giudicato, su spinta padronale, “fuori mercato” e dunque troppo alto, rispetto ai 3'200 franchi previsti dal contratto cantonale della vendita. Una vergogna.

Inoltre, abbiamo associazioni padronali, spalleggiate nel mantenimento dei bassi salari dai partiti di Destra di riferimento, che mirano unicamente ad alimentare i profitti del mondo economico. Ma le responsabilità investono anche il Governo che, senza arrossire, propone un salario minimo legale tra i 18.75 e i 19.25 franchi l’ora, circa 3'000 franchi mensili. Lo stesso Governo che si prodiga per rendere obbligatori quei Contratti collettivi dal minimo salariale sui 3'000 franchi.

Non dimentichiamo, infine, la Commissione tripartita che ha emanato il maggior numero di Contratti normali di lavoro del Paese per, teoricamente, contrastare il dumping. Guarda caso, si tratta di salari anch’essi di 3'000 franchi mensili. Così il dumping non viene contrastato, ma sdoganato dalle stesse istituzioni. E il cerchio si chiude. Nel nostro Cantone qualità di vita e di lavoro si deteriorano sempre più, crescono la povertà e l’esclusione. Il tutto benedetto della “Santa Alleanza”. È davvero ora di cambiare!

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-22 10:38:52 | 91.208.130.87