Cerca e trova immobili

CANTONEPaolo Tomamichel presenta "Orco sciampìn", disco all'insegna dell'ironia (tranne quando si parla di guerra)

15.04.22 - 06:00
Primo assaggio della varietà musicale offerta dalla Paolo Tomamichel Band
PAOLO TOMAMICHEL BAND
Paolo Tomamichel presenta "Orco sciampìn", disco all'insegna dell'ironia (tranne quando si parla di guerra)
Primo assaggio della varietà musicale offerta dalla Paolo Tomamichel Band

LOCARNO - Negli scorsi giorni Paolo Tomamichel ha pubblicato "Orco sciampìn", il suo ultimo album e il primo realizzato a nome della Paolo Tomamichel Band. Oltre al cantautore originario di Bosco Gurin (autore di musiche e testi, ma anche voce solista e chitarra) la formazione è composta da Sandra Eberle (mandolino, chitarra e cori), Alessandro Di Blasi (basso) e Johnny Frizzi (batteria e percussioni). 

Un lavoro che si discosta parzialmente dal cammino musicale di Tomamichel, incentrato nei sei precedenti album sul folk dialettale. L'idioma nostrano resta, ma le sonorità si arricchiscono d'influenze blues, reggae, ska e perfino swing. «Ognuno dei compagni d'avventura ha voluto portare la sua esperienza musicale» spiega Tomamichel.

Perché questo titolo? «"Orco sciampìn" è un'espressione che può avere varie accezioni: nel mio caso esprime la soddisfazione nell'aver finalmente registrato il disco, e averlo fatto per la prima volta con una band». Un disco in buona misura all'insegna dell'ironia e del non prendersi troppo sul serio. «Ho voluto scrivere delle canzoni divertenti, spensierate». Tranne che il singolo contro la guerra "Fermévas bagài" - del quale avevamo già scritto qui. Ci sono anche le nuove versioni di due brani che erano già stati eseguiti in coppia da Tomamichel ed Eberle: si tratta di "Havana" e "Un siit per staa...". «Ho voluto riproporli in una chiave diversa». 

"Orco sciampìn" è stato registrato da Peo Mazza a La Scima studio di Certara. La band ha scelto la presa diretta «per la naturalezza del suono finale, come se fosse un live». Uniche eccezioni: le "ospitate" di Giovanni Galfetti (tastiere, organo Hammond), Danilo Moccia (trombone), Consuelo Garbani (percussioni e cori) e Claudio Dotta (fisarmonica).

Il disco si può trovare, al prezzo di 20 franchi la copia, presso Chiosco Cattori della Coop di Losone, Chiosco Ticinella sempre a Losone, Dimensione Musica e Soldini SA Musica entrambi a Locarno e Coop di Bosco Gurin. È disponibile anche Spotify e su tutti i portali di musica online e gli store online. Si può ricevere l'album comodamente a casa (21 franchi, spedizione compresa), scrivendo a tomamichelpao@gmail.com.

I fan di Paolo Tomamichel potranno ammirarlo dal vivo il 24 aprile al Palazzo dei Congressi di Lugano per l'evento Tutti insieme per l’Ucraina, il 13 maggio al Pirates of the Gambarogno a Vira Gambarogno e il 6 agosto ad Avegno, nel corso della serata del 20esimo anniversario di Vallemaggia Magic Blues.

NOTIZIE PIÙ LETTE