Immobili
Veicoli

SVIZZERAIl mondo, gli anni che passano e il potere del cinema: a colloquio con Markus Imhoof

10.09.21 - 12:00
Il 19 settembre il grande regista festeggerà il suo 80esimo compleanno
KEYSTONE
Fonte Raphael Amstutz, Keystone-ATS
Il mondo, gli anni che passano e il potere del cinema: a colloquio con Markus Imhoof
Il 19 settembre il grande regista festeggerà il suo 80esimo compleanno

BERNA - Il 19 settembre Markus Imhoof, una delle voci più importanti del cinema svizzero, festeggia i suoi 80 anni. Una conversazione sulla costernazione, la vecchiaia e il potere del cinema.

A cosa sta lavorando appena prima del suo 80esimo compleanno?
«Stiamo restaurando uno dei miei film a Parigi e Berlino. Al momento stiamo correggendo il colore. È un po' come Photoshop ma sull'immagine che scorre sullo schermo».

Quanto è faticoso questo lavoro?
«Estenuante, ma di vitale importanza, è quindi un piacere e un obbligo allo stesso tempo. Si tratta di preservare l'anima di un film - nonostante la pressione del tempo e dei costi. Ma si vince la maratona negli ultimi metri».

Nel nuovo documentario "Markus Imhoof - rebellischer Poet", compagni e amici parlano della sua tendenza al perfezionismo. Da dove viene questo tratto?
«Voglio realizzare la mia visione di come un film dovrebbe apparire sul set. Invece di perfezionismo, si potrebbe anche chiamare diligenza. Come un direttore d'orchestra, devo pensare a tutti gli strumenti. L'armonia è fondamentale. Ogni tanto si dice: "La doch ds Füfi la grad si." (Lascia stare). Un banchiere non sarebbe mai perdonato per una tale contabilità. Perché un regista dovrebbe lavorare in modo sciatto?».

Con l'età è diventato più docile?
«Posso formulare meglio i miei desideri e non vedo più le offerte degli altri come un'interferenza, ma come un dono. Oggi posso collaborare meglio».

I suoi film iniziano sempre con un riferimento personale. È obbligatorio un tale riferimento?
«(Ride, ndr). Ho fatto solo un film senza un motivo personale: un documentario sulle operazioni alle vene varicose in Europa. Ci sono registi che amano adattare abilmente le sceneggiature di altre persone. Ho anche ricevuto molte offerte di questo tipo, ma non ne ho mai accettata una; ho sempre realizzato le mie idee».

C'è anche una storia che riguarda "Schindler's List"...
«Esattamente. Un produttore tedesco voleva essere più veloce di Steven Spielberg e mi ha chiesto di dirigere il film. In poche settimane le riprese avrebbero dovuto iniziare con un libro scritto troppo in fretta. Nonostante la promessa fosse un grande progetto con un forte impatto, non mi è mai interessato fare le cose il più veloce possibile. Lo si deve sentire dentro».

Non si è mai pentito del suo rifiuto?
«No. Non ho mai avuto la sensazione di essere al servizio degli altri. Alcuni progetti non hanno potuto essere finanziati, ma in tutti questi anni sono stato in grado di realizzarne la maggior parte al mio ritmo e con le mie idee. Questa è fortuna e un dono allo stesso tempo».

Il cinema è l'unica forma d'arte ed espressione possibile per lei?
«Fin dalla mia adolescenza immaginavo di diventare uno scrittore o un pittore. Credo che il cinema sia la migliore combinazione possibile di entrambe le forme d'arte».

I suoi film hanno una rilevanza e un'urgenza sociale. Cosa può fare il cinema?
«Naturalmente voglio ottenere qualcosa e innescare un desiderio di cambiamento nel pubblico. Per dirla in modo un po' più cauto: non so se si può cambiare il mondo con un film, ma se non ci si prova, sarebbe ancora peggio».

Suona pessimistico.
«In sostanza, è la speranza. Mi chiedo se sto raggiungendo le "persone giuste" o principalmente quelle che sono già sulla mia stessa lunghezza d'onda. Ma questo non è un male: dopo tutto, anche loro hanno bisogno di argomenti e rafforzamento. Più volte ho potuto sperimentare che le mie storie hanno fatto la differenza al di là dello schermo».

Può fare degli esempi?
«Dopo "More Than Honey", i corsi di apicoltura sono stati per molto tempo esauriti in Svizzera e in Germania, e il film continua a essere proiettato regolarmente, non solo in Svizzera, anche dopo quasi dieci anni, influenzando le discussioni ambientali. Delle 1'800 persone di cui abbiamo filmato il salvataggio in mare per "Eldorado", siamo riusciti, dopo un anno e mezzo di lotta, ad aiutare una donna che aveva vissuto cose terribili a ottenere un permesso di soggiorno e una formazione come infermiera e una vita in sicurezza. Oggettivamente, questo sembra poco, ma è un cambiamento molto concreto per il meglio».

Qual è la sua visione del presente?
«Leggo da tre a cinque giornali al giorno e ho l'impressione che la terra stia girando nella direzione sbagliata - ecologicamente e socialmente. Questo rende ancora più importante motivare le persone a prendere delle contromisure con il proprio lavoro. La mia curiosità ed empatia sono rimaste con me fino a oggi. Nonostante la miseria che ho visto, non sono annoiato o cinico e per questo sono grato».

Dove siamo diretti?
«Questo ha a che fare con la nostra definizione di libero arbitrio. Significa che ognuno fa quello che gli conviene o, e questa è la mia convinzione, nel suo nucleo il libero arbitrio significa responsabilità».

Come ci si sente a essere presto celebrati con così tanti eventi?
«(Ride, ndr). Ho festeggiato il mio ultimo compleanno a 50 anni. Da allora sono sempre stato in viaggio quel giorno. Sono contento che i miei vecchi film saranno visti con una nuova freschezza e non vedo l'ora di avere uno scambio con il pubblico. Allo stesso tempo, sono anche felice quando ho di nuovo tempo per lavorare al mio nuovo progetto sulla globalizzazione nella mia famiglia, che dura ormai da 250 anni».

Cosa le manca?
«C'era una discrepanza nella mia vita all'inizio, uno squilibrio tra il privato e il professionale. Sarebbe bello avere più tempo per il privato».

E ci riesce?
«Ci provo sempre e continuamente».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE PEOPLE