Immobili
Veicoli
RUBBETTINO / FABIO ANDINA
"Sei tu, Ticino?" è il nuovo libro di Fabio Andina.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
7 ore
Belen, un post sembra confermare il ritorno con De Martino
«Non è mai troppo tardi per riprendere quel sogno», scrive l’argentina: parla di Stefano?
ITALIA
9 ore
Come reagire al catcalling? «Mi giro, guardo e me ne vado»
Cristina D'Avena ha illustrato in radio il suo modo di rispondere agli apprezzamenti non richiesti
ITALIA
12 ore
Fedez, doppio regalo extralusso alla Ferragni
Un bracciale da (almeno) 300mila euro e serata esclusiva al ristorante di Cracco i doni del rapper
ITALIA
14 ore
Gianni Morandi: «Nella vita ci vuole anche c...»
Lo sa bene il cantante, che oltre a decenni di popolarità ha sperimentato cosa significhi essere messo da parte
STATI UNITI
19 ore
Il rap è arte, «non un'arma per ottenere condanne in tribunale»
Proposto un disegno di legge perché i testi musicali non vengano utilizzati come prove penali. La scena rap alza la voce
STREAMING
CANTONE
22 ore
Le "altre velocità" firmate Moraen
Un EP dai contenuti sperimentali e fortemente autobiografici per la musicista bellinzonese
ITALIA
1 gior
Belen ha trascorso una notte a casa di Stefano De Martino?
Alcune foto si aggiungono agli indizi, i due sarebbero davvero tornati insieme
FRANCIA
1 gior
Gaspard Ulliel è morto
Non ce l'ha fatta l'attore francese, rimasto vittima di un incidente sugli sci martedì in Savoia
STATI UNITI
1 gior
Addio ad André Leon Talley, morto per complicazioni da Covid-19
Il direttore creativo di Vogue aveva avuto un ruolo chiave nell'aprire il mondo delle sfilate alle modelle di colore
ITALIA
1 gior
Problemi di Green Pass, e l'hotel non lascia entrare John Malkovich
L'attore, a Venezia per delle riprese, non era in possesso del certificato verde rafforzato
ITALIA
1 gior
Hunziker-Trussardi, una crisi iniziata nel lockdown
La coppia avrebbe cominciato ad allontanarsi nel 2020 
VIDEO
MONDO
1 gior
Le serie tv che non dovete perdervi nel 2022
Sarà un anno di grande varietà: dal fantasy de "Il Signore degli Anelli" alla comicità di "Boris 4"
STATI UNITI
2 gior
Paris Hilton in cucina? Un flop
La serie "In cucina con Paris" non è stata rinnovata per una seconda stagione
ITALIA
2 gior
Arisa piange in tv parlando di Andrea Di Carlo e Vito Coppola
La cantante s’è commossa mentre veniva intervistata sulla sua vita privata
CANTONE
07.09.2020 - 06:300

«Il Ticino per alcuni è un paradiso, per altri un inferno»

Lo scrittore Fabio Andina confessa: «Ho sfidato la crudeltà dell'Uomo, e qualche volta ne sono uscito sconfitto».

Il risultato del suo lavoro è una raccolta di racconti, "Sei tu, Ticino?".

BELLINZONA - La raccolta di racconti "Sei tu, Ticino?" segna il ritorno nelle librerie ticinesi di Fabio Andina. È il suo primo lavoro a essere pubblicato dopo gli ottimi risultati del romanzo "La pozza del Felice", che ha venduto quasi 20mila copie e che da mesi è nella classifica dei 20 libri più venduti in Svizzera.

Da dove è nata l'idea di questa raccolta di racconti?
«Dopo la pubblicazione de "La pozza del Felice" (Rubbettino, 2018), il direttore editoriale della Rubbettino mi chiese cos'altro avevo nel cassetto. Gli spedii diversi scritti, tra i quali alcuni racconti. Quando si trattò di decidere cosa pubblicare dopo il Felice, mi parlò dell'idea di uscire con una raccolta di racconti. Ne individuò cinque e mi domandò di scriverne altri, cosa che feci. Alcuni vennero scartati, due rientrarono nella raccolta. Per quasi un anno ho lavorato di lima e di scalpello sui sette racconti scelti fino all'ottenimento dell'immagine che più mi soddisfava. Nel frattempo, uno di quelli scartati ha preso vigore tanto da diventare un romanzo. È il lato sorprendente dello scrivere: quando un racconto ti prende per mano e ti conduce dove decide lui».

Perché hai scelto di mettere in luce, con le tue storie, il lato nascosto della cartolina del Ticino idilliaco?
«Lo spunto mi arrivò un qualche anno fa da una domanda che mi fece una persona all'estero: ma è vero che in Ticino tutti avete un lavoro, state tutti bene economicamente, non succede mai niente di brutto? E la risposta che gli diedi è la sintesi di questi racconti: il Ticino, per alcuni, potrebbe sembrare il paradiso. Ma per altri, sarà bé anche un inferno».

Qualche racconto è nato in contemporanea a "La pozza del Felice"?
«Sì, alcuni racconti sono nati prima, altri dopo e certi durante. Ho sempre al caldo più di un progetto, sul desktop del mio PC ci sono diverse cartelle di lavori in corso: romanzi da rivedere, bozze da lasciare decantare per mesi, racconti. Un giorno lavoro su uno, il giorno dopo su un altro, e così via, a dipendenza di cosa e come voglio scrivere».

C'è un fil rouge che unisce i sette racconti?
«Sì, c'è un fil rouge. Anche più di uno. È per questo motivo che alcuni racconti vennero scartati: non si sposavano con l'insieme. I fil rouge non sono stati pianificati. Sono semplicemente emersi durante la scrittura. Basta individuarli e seguirli per poi legarli al racconto seguente durante il lavoro di riscrittura».

L'ironia nel tuo sguardo è quella bonaria di chi vede il difetto ma in fondo lo perdona, oppure è crudele e spietata?
«Questo lo dovranno dire i lettori. Col Felice sono stato me stesso: indulgente, riflessivo e poetico. In "Sei tu, Ticino?" ho sfidato la crudeltà dell'Uomo, e qualche volta ne sono uscito sconfitto».

C'è una storia in particolare che si avvicina al tuo vissuto?
«Ne "La pozza del Felice" ho narrato le mie giornate trascorse assieme al Felice e la componente reale era dominante. In "Sei tu, Ticino?" ho ripescato nella memoria diversi aneddoti di differenti storie e ne ho create di nuove dando spazio alla finzione. Nessuno dei sette racconti si avvicina al mio vissuto, ma in ognuno di essi c'è qualcosa che mi appartiene».

Da dove hai tratto l'ispirazione?
«Le mie ispirazioni nascono sia dal profondo del mio vissuto, sia da un episodio del quotidiano. Sta a me saperle cogliere o saperle rievocare. D'altronde, prima di essere uno scrittore sono un ascoltatore, un osservatore e un custode di ricordi».

È il tuo primo lavoro letterario a essere pubblicato dopo il successo nazionale (e non solo) de "La pozza del Felice": ci sono più analogie o differenze tra queste opere?
«L'onda del successo del Felice è ancora alta, e di conseguenza lo è anche l'aspettativa della nuova pubblicazione. Inevitabile, quindi, il confronto che verrà fatto tra i due lavori. Già questa domanda ne è fedele testimonianza. Comunque, l'idea di uscire con una pubblicazione diversa da "La pozza del Felice" – diversa nel formato, e in parte anche nello stile – mi dà un certo sollievo. Credo che sarebbe stato un azzardo volere replicare la stessa formula fortunata del Felice. Capita spesso che un autore si ripresenta al pubblico con un lavoro simile al precedente sperando di ripetere lo stesso successo. Alle volte funziona. Però può essere una trappola dalla quale diventerebbe difficile liberarsi».

Per maggiori informazioni su Fabio Andina ecco il suo sito web.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-21 04:38:27 | 91.208.130.85