Harm Pauwels.
ULTIME NOTIZIE People
VIDEO
BERNA
45 min
Affascinante come una spiaggia, malinconica come un tramonto
"Beach" è il nuovo singolo di Veronica Fusaro, che fonde il sound italiano degli anni '50-'60 con una produzione moderna
ITALIA
9 ore
Shade è positivo al coronavirus
Lo ha rivelato su Instagram, per non far preoccupare i fan «più del dovuto»
STATI UNITI
9 ore
Il cast di "Happy Days" in campo per Biden
Alla reunion del 25 ottobre parteciperanno Henry Winkler, Ron Howard ma non solo
BELLINZONA
13 ore
Flamingo svela i suoi assi
La casa editrice improntata sulla socialità presenta le novità 2020 martedì 27 ottobre alle 18 nella Sala Castelgrande.
STATI UNITI
15 ore
Netflix ha deciso, non ci sarà una seconda stagione di “Away”
La serie con Hilary Swank era piaciuta molto anche in Svizzera, ignote le motivazioni, forse c'entra il Covid?
STATI UNITI
17 ore
Jeff Bridges è in cura per un linfoma: «Malattia seria, ma sono ottimista»
L'attore americano lo ha comunicato via Twitter aprendo con una frase a effetto da “Il Grande Lebowski”
ITALIA
21 ore
Conte chiama Fedez e Ferragni
Il premier ha chiesto il loro aiuto per sensibilizzare i giovani sull'uso della mascherina
CANTONE
1 gior
Il wrestling ticinese ritorna con il botto, è tempo di “Rissa Reale”
L'offerta di “Pro Wrestling Live Lugano X” è di quelle ghiotte: fra celebrazioni, incontri per il titolo e... musica ticinese
ITALIA
1 gior
L’ex della Gregoraci: «Con Briatore aveva un contratto»
Nuovi retroscena sul matrimonio tra la showgirl e l’imprenditore, raccontati da un suo presunto amante
CANTONE
14.07.2017 - 06:010

Viaggio nel mondo garage rock di Leopard Skull

Tra i protagonisti - oggi e domani - del Buskers di LongLake (Lugano), anche il progetto belga - garage rock oriented - Leopard Skull

LUGANO - Di base ad Adegem, nei pressi di Anversa, Leopard Skull ha preso forma quattro anni fa, per mano di Harm Pauwels. Un ep all’attivo, omonimo, pubblicato (in vinile 7” e in digitale) lo scorso mese di aprile tramite Belly Button Records. Quattro tracce, da cui trasuda l’essenza - lo-fi, minimale - dei Sixties, nutrita da risonanze imbevute di psichedelia e incursioni surf.

Harm, raccontami la nascita di Leopard Skull...

«A un certo punto, dopo l'esperienza in un paio di gruppi, ho sentito la necessità di dare vita a qualcosa di mio. Quattro anni fa ho pubblicato in rete le mie prime canzoni, e dopo pochi giorni gli addetti ai lavori dell’Incubate - il festival che da qualche tempo si tiene a Tilburg, in Olanda - mi hanno contattato proponendomi di prendere parte alla rassegna. Leopard Skull era ed è tuttora un progetto solista. Per la dimensione live, però, serviva una band. Così ho coinvolto Arne (chitarra), Lenny (basso) - entrambi con me a Lugano, in formazione ridotta -, Lion (batteria) e Pieter (tastiere)».

Raccontami del processo di lavorazione dell’ep...

«Ho iniziato a scrivere e a selezionare del materiale due anni fa, registrando (e missando) voce e strumenti tra le mura di casa, con un solo microfono... Non avevo molti soldi per potermi permettere apparecchiature professionali... Subito dopo ho iniziato a darmi da fare per trovare un’etichetta... Devo dire che non è stato facile, perché apparentemente nessuno era interessato a pubblicare il mio disco... D’un tratto, poi, l’anno scorso, mi ha scritto Rafael Valles Hilario della Belly Button Records: l’ep, finalmente, stava per prendere forma, con il mastering di Peter Van De Veire e l’artwork di Fien Meelberghs».

Posso immaginarle, ma vuoi fare una panoramica delle tue maggiori influenze musicali?

«La scena psichedelica - dei Sixties, così come quella attuale - è presumibilmente la mia maggiore fonte di ispirazione… Nelle mie preferenze c’è, comunque, anche il punk e l’hard rock...».

Cosa hai ascoltato, in particolare, durante le fasi di lavorazione dell’ep?

«Le prime produzioni di Ty Segall e coloro che seguo da sempre: Steely Dan e Doors».

Come potresti descrivere l'attuale scena garage belga?

«Vivida... Devo dire che negli ultimi tre anni sono spuntati un sacco di nuovi gruppi...».

L'ep è stato dato alle stampe dalla Belly Button Records, che sembra molto attiva... Cosa vuoi dirmi al riguardo?

«Rafael, il fondatore della label, ama la musica e si prende cura dei suoi artisti... Con Victor e Reno condivide la line-up dei Moar…».

Quando il tuo primo album?

«Spero presto… Continuo a registrare idee e nuove canzoni: alcune confluiranno nel primo album di Leopard Skull, mentre altre potrebbero essere destinate ad alcuni miei side-projects...».

Info: longlake.ch ; facebook.com/leopardskullband

 

 

 

 

 

 

 


 

Guarda le 2 immagini

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-10-21 07:15:53 | 91.208.130.87