I Nostran calano il "Dü da pic"
NOSTRAN
Nuovo EP per i Nostran.
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
La lunga lotta di Francesca Neri con una misteriosa malattia
Dura da tanti anni e l'ha raccontata il marito Claudio Amendola in diretta televisiva: «Un quotidiano ed enorme dolore»
ITALIA
3 ore
Diletta Leotta: «Con Can Yaman tutto troppo veloce»
La conduttrice ha parlato della storia con l’attore e apre a un possibile ritorno
REGNO UNITO
5 ore
Il nuovo Bond? Non se ne parlerà prima del 2022
La produttrice Barbara Broccoli afferma che ora è il momento per celebrare Daniel Craig
FOTO
STATI UNITI
9 ore
Rolling Stones nel segno di Watts (e del vaccino)
Si è aperto a St. Louis il tour americano della leggendaria band, il primo senza il batterista
FOTO
MONDO
1 gior
La pioggia di stelle nelle foto del Global Citizen Live
Che si è tenuto ieri in tantissime città del mondo, sui palchi c'era praticamente tutta la musica che conta
STATI UNITI
1 gior
Tom Felton, dopo il malore: «Ora sto bene, ma ho avuto paura»
Il Draco Malfoy dei film di “Harry Potter” si era accasciato al suolo durante un torneo di golf questo venerdì
ZURIGO
1 gior
«Il segreto per essere bella?... Dormire abbastanza»
L'attrice è stata accolta da un bagno di folla al suo arrivo in Svizzera
STATI UNITI
1 gior
Harry e Meghan all'ONU per il clima
Il Duca e la Duchessa hanno incontrato il segretario generale Antonio Guterres
Stati Uniti
2 gior
Chiamate e messaggi di Britney spiati dal padre
Un ex detective ha spiegato come neanche nella camera da letto la popstar disponesse della sua intimità
ITALIA
2 gior
Valeria Golino e l’ex Scamarcio: «Ci evitiamo affettuosamente»
I due attori sono tornati a lavorare insieme nel film “La scuola cattolica”
STATI UNITI
2 gior
Elon Musk e Grimes sono «semi-separati»
La colpa è esclusivamente dei rispettivi impegni lavorativi: l'imprenditore assicura che i rapporti sono «ottimi»
STATI UNITI
2 gior
Un'overdose ha stroncato Michael K. Williams
Lo ha comunicato l'ufficio del medico legale di New York: trovate nel suo corpo tracce di cocaina, eroina e fentanyl
CANTONE
31.03.2021 - 06:300
Aggiornamento : 10:49

I Nostran calano il "Dü da pic"

Secondo EP in sei mesi per la band, che in queste ore ha pubblicato il videoclip de "La partida a cart"

BELLINZONA - A soli pochi mesi di distanza da "Al prim gott", i Nostran - ovvero Igor "Ul Pescia" Pesciallo (voce), Lorenzo Barenco (chitarra), Donat Walder, (chitarra), Mila Merker (basso) e Daiv Pucci (batteria) - tornano con un nuovo lavoro discografico.

"Dü da pic" è forte di sei energici brani, che costituiscono il segmento centrale dell'annunciata trilogia che dovrebbe completarsi, con un terzo Ep, nei prossimi mesi. Ne abbiamo parlato un po' con Donat Walder.

Il vostro primo EP è uscito in autunno e ora siete qui con un nuovo lavoro: siete parecchio prolifici...
«Qualche anno fa era quasi la norma che un gruppo, anche di dilettanti come lo siamo noi, realizzasse un album nuovo ogni due anni. Se poi andiamo indietro di qualche decennio le pubblicazioni erano ancora più ravvicinate. Si potrebbe dire che stiamo in qualche modo cercando di mantenere quel tipo di ritmo, con la differenza che la pubblicazione viene suddivisa su più momenti a scadenze di circa sei mesi».

Ci sono più analogie o differenze con "Al prim gott"? Cosa contraddistingue l'Ep, dal punto di vista musicale?
«Direi che ci sono numerosi elementi di continuità, ma anche alcune differenze. Come nel primo lavoro, una parte delle canzoni era già sta scritta in precedenza, mentre altre si sono aggiunte strada facendo. In entrambi gli EP abbiamo voluto che ci fosse la giusta eterogeneità, che fossero rappresentate le varie sfaccettature della nostra musica. Se devo mettere in evidenza una differenza, direi che in “Dü da pic” le melodie sono forse mediamente un po’ più epiche e trascinanti e il suono è globalmente più pesante».

I testi, se non sbaglio, sono in larga misura all'insegna dell'ironia...
«Certo. Benché l’aspetto per noi fondamentale sia sempre la musica, i testi giocano un ruolo importante e vogliamo che da essi trapeli sempre l’aspetto ironico. Ciò è sicuramente influenzato anche dal fatto che utilizziamo il dialetto. In gran parte i testi raccontano piccole storielle o situazioni. Ovviamente le speranza è che queste possano in qualche modo divertire e intrattenere piacevolmente chi li ascolta per qualche minuto. È anche vero che alcuni sono poi piuttosto allusivi e segnati da diversi doppi sensi, neanche tanto mascherati; cerchiamo però di non cadere mai nella volgarità gratuita e preferiamo appunto giocare sull’ironia».

In che modo una partita a carte può diventare una metafora dell'esistenza, come dite in "La partida a cart"?
«Come in una partita a carte, anche nella vita entrano in gioco molte variabili: la fortuna, l’abilità, la furbizia, la capacità di bluffare e, perché no, anche di barare in modo più o meno efficace. Forse a distribuire le carte c’è una sorta di destino, al quale, come già sapevano gli antichi, sottostanno perfino gli Dei. Forse a mescolare il mazzo è la genetica, l’evoluzione o solo il caso. Poco importa... L’importante è rendersi conto che una sola carta, per quanto sia sottile, a volte può fare una grande differenza».

Il videoclip di questo brano è stato girato in una location molto suggestiva. Come vi è venuta l'idea?
«Molte volte, passando davanti alla villa de “I Rigattieri” di Verscio, ho pensato che sarebbe un luogo fantastico per girare un videoclip. Quando abbiamo deciso di realizzarne uno per “La partida a cart” ci siamo detti che era giunto il momento di concretizzare l’idea. La canzone si prestava perfettamente a quell’atmosfera così fuori dal tempo e Luca Barblan è stato disponibilissimo e ci ha aperto il suo magico regno».


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-09-27 19:02:27 | 91.208.130.89