MARCO SANTILLI ROSSI
"Essere o umano" è il nuovo singolo di Marco Santilli Rossi.
ULTIME NOTIZIE People
LIBANO
39 min
Le star libanesi sconvolte per Beirut
Mika e Mia Khalifa hanno manifestato sui social il loro dolore per quanto avvenuto ieri
CANTONE
4 ore
Per i Nova e Christian Zatta una mini-tournée... sotto le stelle
La band del chitarrista ticinese a settembre farà un mini-tour fra musica e scienza negli osservatori astronomici
STATI UNITI
14 ore
Halsey, la popstar che non pensava di diventare una popstar
La ricerca della felicità è fondamentale per la cantautrice, che non dimentica però l'impegno sociale
ITALIA
16 ore
Elisabetta Gregoraci applaude la Ferragni: «Viva le imperfezioni»
L’ex di Flavio Briatore si racconta a ruota libera a Libero Quotidiano, e rivela: “Chiara sa come muoversi”
STREAMING E VIDEO
ITALIA
18 ore
Le star cantano De André per celebrare il nuovo ponte di Genova
"Crêuza de mä pe Zêna" è il brano commemorativo dell'evento che ha avuto luogo ieri
REGNO UNITO
20 ore
La Royal Family fa gli auguri a Meghan (nonostante tutto)
William, Kate e la Regina hanno ricordato i 39 anni della Duchessa di Sussex
ITALIA
1 gior
Diletta Leotta: la storia con Scardina appartiene al passato
La bellissima presentatrice televisiva parla della fine del suo rapporto con il pugile
CANTONE
1 gior
Passione, lussuria ed eccessi per «l'escort più bello al mondo»
Franco Toro è il protagonista del nuovo libro di Dario Neron: «È quello che segretamente tutti vorrebbero essere»
STREAMING E VIDEO
STATI UNITI
1 gior
Taylor Swift infrangi-record con "Folklore"
Alcuni dei principali primati raggiunti dalla popstar con il suo nuovo lavoro
CANTONE
23.07.2020 - 06:000

"Essere o umano": quando è il cane a bacchettare il padrone

L'uomo non impara mai dagli errori del passato: è la morale che si può trarre dal nuovo brano di Marco Santilli Rossi

LUGANO - "Essere o umano" è il nuovo singolo di Marco Santilli Rossi. Un brano nel quale il cantautore ticinese immagina un cane che ammonisce il proprio padrone, incapace di vivere il presente, responsabile di distruggere il pianeta e colpevole di non avere imparato dalla sua storia. Temi sempre attuali, che Santilli Rossi tratta con la consueta vena di (auto)ironia. 

Sostieni che l'uomo non impara mai dagli errori del passato: sarà così anche questa volta, quando finalmente la pandemia sarà un ricordo?
«Purtroppo credo di sì. Oltre all’emergenza del coronavirus c’è quella climatica, che potrebbe portare al disastro. Vedo però poco spirito di sacrificio e volontà di rinunciare a cose futili e superflue a cui siamo abituati. I concetti di "Essere o umano" non sono mai ripetuti abbastanza».

Credi che il mondo animale conservi una dignità che l'uomo ha perso?
«L’animale è più istintivo: se attacca è per difendersi o perché ha fame. Mediamente è più fedele e rispettoso, a patto che giustamente lo si lasci in pace e non si invada il suo territorio. Il valore di una persona va misurato pure da come tratta chi è più indifeso. Inoltre l’animale non delude, mentre l’uomo... Almeno uno, in media, sa deludermi quasi quotidianamente (ride, ndr)».

Testo ironico e musica solare: punti al tormentone estivo?
«No, non sono un calcolatore: altrimenti farei tutt’altra musica, secondo certi “canoni” imposti dal cosiddetto mercato e dalle playlist... Preferisco quell’autenticità artistica che è sinonimo di dignità professionale. Un tormentone deve rientrare in meccanismi (decisi da altri) che non interessano a chi vive una passione a 360°. Semplicemente è un brano in la maggiore, tonalità molto “chiara” per uno come me che predilige il minore. La timbrica mi sembrava quindi in sintonia con una luce estiva. Non è stato comunque facile scrivere un ritornello semplice!».

Come è nata la collaborazione (immagino a distanza) con i vari musicisti?
«Con il produttore Urs Wiesendanger (presente con piano, tastiere e cori) collaboro da anni ai Powerplay Studios di Maur (ZH). Trovo le sue produzioni impeccabili per cura e scelta dei suoni. Claudio Cervino, feticista delle sonorità e dall’elegante fraseggio, ha suonato già tutte le chitarre nelle mie produzioni Art pop. Ho avuto inoltre la fortuna di avere al basso Mario Guarini da Roma, uno dei più preparati e versatili in circolazione e dalle importanti collaborazioni (Baglioni, Paoli, Berté, Bersani…). Alla batteria Chris Brush di Nashville, una raffinata forza della natura».

Mi hai svelato che uno dei prossimi single avrà un testo in latino: come mai?
«Intanto posso solo anticipare che per la prima volta un testo preesistente ha scelto la mia musica. Ascolteremo questo connubio appena avremo una luce autunnale, poiché stavolta saranno timbri meno “chiari” ad aspettarci al varco (ride, ndr)».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-08-05 10:39:48 | 91.208.130.85