MATTEO PLACUCCI
+1
ULTIME NOTIZIE People
ITALIA
1 ora
Filippo Magnini diventa papà
Il nuotatore ha annunciato la nascita della piccola Mia su Instagram
REGNO UNITO
4 ore
Un dente di squalo per il principe George
Il fossile è stato portato in dono dal naturalista David Attenborough
ITALIA
7 ore
Elettra Lamborghini e Afrojack hanno detto "sì"
Su Instagram qualche scatto del matrimonio sul lago di Como
VAUD
23 ore
Il Festival Images Vevey attira 35'000 visitatori
Le ricadute economiche si aggirano attorno ai tre milioni di franchi
STATI UNITI
1 gior
Justin Bieber e Chance the Rapper regalano 250mila dollari
Sono destinati ai fan che si trovano in difficoltà «in questi tempi duri». È un ringraziamento per il successo di "Holy"
STATI UNITI
1 gior
Meghan Markle starebbe pensando alla Casa Bianca?
Lo sostiene una persona vicina a lei e a Harry, la data potrebbe essere il 2024
ITALIA
1 gior
Belen, parole al miele dall’ex Iannone
Il pilota di MotoGP ha parlato per la prima volta della storia con l’argentina
VIDEO
ITALIA
2 gior
Zucchero compie gli anni (ed è lui a fare un regalo ai fan)
La star festeggia 65 anni con una versione speciale di "Sarebbe questo il mondo"
STATI UNITI
2 gior
Selena, una cicatrice da mostrare con orgoglio
Nel 2017 la popstar ha subito un trapianto di rene e ora si sente libera di sfoggiare il segno rimastole sul corpo
ITALIA
2 gior
Ahia Fedez! Serio infortunio giocando a basket
Il rapper si è rotto i legamenti del ginocchio 
REGNO UNITO
2 gior
La principessa Eugenia è incinta
Il lieto evento è atteso per i primi mesi del 2021
ITALIA
2 gior
Addio Belen, Stefano De Martino torna dalla sua ex!
Il ballerino è stato beccato dai paparazzi insieme alla sua vecchia fiamma Gilda D’Ambrosio
ITALIA
2 gior
Aurora Ramazzotti e l’imbarazzo per quel «ti amo»
La confessione della figlia di Michelle Hunziker sul rapporto con Goffredo
STATI UNITI
2 gior
Tom Cruise farà un film nello spazio
E si farà dare uno "strappo" da SpaceX. Il progetto, di cui si sa ancora davvero poco, partirà nel 2021
BASILEA CITTÀ
28.08.2020 - 06:300

Basilea «era viva e vegeta e io ho voluto ritrarla statica e incolore»

In "Free From Corona" il fotografo italiano Matteo Placucci ha cristallizzato la città durante il lockdown

BASILEA - Il blocco pressoché totale delle attività durante i mesi peggiori della pandemia di coronavirus è stato raccontato in molti modi. Il fotografo italiano Matteo Placucci ha deciso di raccontare questo stato di cose in un progetto che ha voluto chiamare "Free From Corona".

C'è della polemica nella scelta del titolo?
«Il progetto è nato nella seconda metà di maggio, quando la città ha iniziato a ridurre le restrizioni e a riaprire le attività. Nulla di sbagliato, se non fosse che le misure prese durante i mesi precedenti fossero molto meno rigide e chiaramente meno efficaci di quelle degli altri paesi confinanti. Il titolo irriverente nasce dal fatto che da un giorno all'altro sembrava che la Svizzera fosse libera dal coronavirus, quando era sotto gli occhi di tutti che il mondo si era appena approcciato alla pandemia».

Le immagini restituiscono il senso di una città "congelata", quasi priva di vita: provavi lo stesso mentre la percorrevi?
«Assolutamente no, la città ahimé era molto viva. Le fotografie sono state condizionate dal fatto che mi sono stati negati i permessi per fotografare quello che mi ero prefissato, ovvero la situazione all’interno degli ospedali e gli sforzi del personale sanitario che stava combattendo in prima linea per arginare la diffusione del virus. Così ho deciso di volgere la macchina fotografica altrove e raccontare tutto in maniera meno esplicita».

I piccioni (vivi o morti) ricorrono spesso: hanno uno specifico significato simbolico?
«No, non particolarmente. Li ho scelti come filo conduttore perché, a causa delle rigide leggi sulla privacy, ho deciso di raccontare la vita della città con similitudini e parallelismi. Pubblicando il lavoro sulle mie pagine social a gruppi di tre foto e corredandole da un commento sull'attuale situazione, ho lasciato l’osservatore - svizzero e non - libero d'immaginare».

Cosa avresti raccontato degli ospedali svizzeri, se fossero arrivate le autorizzazioni?
«Per prima cosa la situazione per quello che era. Credo fermamente nel fatto che tutti noi siamo testimoni del nostro tempo e io mi sono scelto una professione che è appunto quella di testimoniare con la fotografia quello che succede nel mondo. Ogni fotografo, prima o poi, si è misurato con un conflitto. Il fatto che questa pandemia, a causa dei numeri e della velocità, avesse tutte le sembianze di una guerra, mi ha fatto pensare che rimanendo qui a guardare il soffitto stavo mancando miseramente l’appuntamento».

Perché hai scelto di usare il bianco e nero? 
«Ho usato il bianco e nero perché ho deciso di lavorare sugli opposti. La città era viva e vegeta e io ho voluto ritrarla statica e incolore».

Come credi che Basilea abbia reagito alla pandemia?
«Per quello che ho potuto vedere, tanti hanno continuato la loro vita senza preoccuparsi di quello che stava accadendo nel mondo e in alcuni casi addirittura senza nemmeno accorgersi del grande pericolo. Le restrizioni, le mascherine e le varie misure di prevenzione come il distanziamento sociale sono state caldamente suggerite, ma su una popolazione non omogenea - oltre il 36% è immigrato come me - questi suggerimenti spesso cadono nel vuoto».

Stai lavorando poi a un altro progetto a tema Covid-19: di che si tratta?
«"Reduci del Corona" è un reportage fotografico con il quale sto documentando la sfera emotiva-privata del personale medico che ha lavorato a contatto con i pazienti infetti da coronavirus». 

Quali conseguenze ha lasciato il virus su chi l'ha combattuto?
«Ho voluto ascoltare e raccontare quello che medici di base, infermieri, operatori socio-sanitari, specialisti in terapia intensiva e persino volontari soccorritori hanno vissuto nel loro intimo durante i lunghi mesi di duro lavoro. In questo reportage ho raccolto le loro paure, le incertezze, il senso d'impotenza per una malattia sconosciuta, il senso di fatica per le tante ore di lavoro, gli sfoghi nervosi per il grande carico emotivo subito e che, con buona probabilità, potrebbe sfociare in disturbi da stress post-traumatico. Iniziato ora, questo reportage andrà a valutare nel corso dei mesi a venire quali saranno gli effetti a lungo termine del coronavirus su coloro che più si sono spesi per combatterlo».

Free From Corona Basel August 24th 2020 From today the city of Basel has made masks mandatory in more public premises....

Pubblicato da Matteo Placucci Photography su Lunedì 24 agosto 2020
MATTEO PLACUCCI
Guarda tutte le 5 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-27 16:46:26 | 91.208.130.89