D. VASS
Da oggi fino a domenica "L'opera italiana dell'Ottocento: musicologia e prassi".
LUGANO
12.07.2019 - 06:000

Un convegno-workshop sull'opera italiana dell'Ottocento

Si tiene da oggi a domenica nell'Aula Magna del Conservatorio

LUGANO - A pochi giorni dall’inizio della XXIII edizione del Festival Ticino Musica l’atmosfera che si respira è di grande fermento. La segreteria e la direzione artistica sono in piena attività
organizzativa, mentre il team dell’Opera studio Internazionale “Silvio Varviso”, tra cantanti, strumentisti, direttori e maestri collaboratori è letteralmente “all’opera” con le prove del “Don Pasquale” di Gaetano Donizetti.

Per chi, in attesa di assistere alla prova generale aperta del 15 luglio o ad una o più recite del capolavoro lirico del genio bergamasco, volesse approfondire la propria cultura operistica, Ticino Musica propone, in collaborazione con la Divisione Ricerca e Sviluppo della Scuola universitaria di Musica del Conservatorio della Svizzera italiana, “L’opera italiana dell’Ottocento: musicologia e prassi”, convegno-workshop a cura di Massimo Zicari (ideatore e moderatore) che si svolgerà dal 12 al 14 luglio nell’Aula Magna del Conservatorio. Sul palco si succederanno i relatori Marco Capra, Andrea Malnati, Pio Pellizzari, Giuliano Castellani, Luca Zoppelli, Marco Beghelli, Francesco Izzo e David Lawton, i quali tratteranno ciascuno un differente aspetto del tema in oggetto e si confronteranno con i giovani interpreti coinvolti nell’allestimento del "Don Pasquale" (Parigi, 1843) di Gaetano Donizetti, autore già caro al pubblico di Ticino Musica, che ben ricorderà il successo de “L’elisir d’amore” proposto qualche anno fa.

La conferenza-workshop è organizzata dalla Divisione Ricerca e Sviluppo della Scuola universitaria di Musica (Conservatorio della Svizzera italiana) nell’ambito del mandato istituzionale per la ricerca ed il trasferimento delle competenze, ed intende aprire al più ampio uditorio possibile la discussione di tematiche tradizionalmente considerate appannaggio degli specialisti. Questioni relative alla critica e alla stampa periodica dell’Ottocento, alla realizzazione di edizioni critiche, all’uso delle fonti discografiche e alla possibile ricostruzione delle prassi ottocentesche saranno affrontate dai rispettivi specialisti, con un occhio alle implicazioni pratiche.

Sono infatti previste sessioni pratiche, durante le quali i musicisti del Festival discuteranno e sperimenteranno soluzioni interpretative che possano dirsi storicamente informate e allo stesso tempo musicalmente valide. L’evento si avvale della collaborazione della collaborazione della Fonoteca nazionale svizzera ed è sostenuto dal Fondo nazionale svizzero per la ricerca scientifica.
L’ingresso al convegno/workshop è gratuito; per informazioni ed iscrizioni: servizi.accademici@conservatorio.ch o +41 91 960 30 40.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 12:06:19 | 91.208.130.87