Immobili
Veicoli

SVIZZERAEffetto Covid, Swiss rescinde il contratto collettivo con i piloti

06.02.21 - 16:05
L'accordo, siglato nel 2018, continuerà a valere per altri 13 mesi
keystone-sda.ch (SALVATORE DI NOLFI)
Fonte ATS
Effetto Covid, Swiss rescinde il contratto collettivo con i piloti
L'accordo, siglato nel 2018, continuerà a valere per altri 13 mesi
La compagnia aerea si è giustificata parlando di «concessioni insufficienti» da parte dei piloti.

ZURIGO - La compagnia aerea Swiss disdice il contratto collettivo di lavoro (CCL) con i suoi piloti. Ieri ha anche interrotto i negoziati sulle modalità per affrontare la crisi del Covid-19, che duravano da mesi, indica oggi l'associazione dei piloti Aeropers.

Il CCL, in vigore dal 2018, continuerà a valere per altri tredici mesi. I piloti hanno mostrato comprensione per la difficile situazione nel settore dell'aviazione. Tuttavia, è proprio per questo che sono necessarie soluzioni trovate in comune, si legge in una nota.

Per Aeropers, la rottura dei negoziati e la disdetta del CCL rappresentano «il livello più basso e triste nel partenariato sociale e un segnale preoccupante da parte della società verso i piloti».

Sotto l'attuale CCL, Swiss ha generato i più grandi profitti nella storia della società, aggiunge il sindacato dei piloti. Nei negoziati su come affrontare la crisi del coronavirus, Aeropers aveva dichiarato la sua disponibilità a prendere misure immediate a favore della compagnia aerea.

Nello scorso mese di maggio, nonostante grandi sacrifici, un accordo sul lavoro a orario ridotto è stato accettato dalla stragrande maggioranza dei membri di Aeropers. Nei negoziati su un nuovo pacchetto temporaneo di misure lanciato a settembre, l'associazione aveva proposto tagli fino al 20% di salario. In totale, questo avrebbe permesso un risparmio di 130 milioni di franchi per il personale di bordo, si legge nella nota.

Ora la compagnia aerea ha persino rifiutato di ricorrere a un mediatore. Aeropers sottolinea che Swiss, negli accordi con la Confederazione in merito ai prestiti nell'ambito della crisi del Covid-19, si è impegnata a trovare soluzioni conformi al partenariato sociale. Berna ha concesso un prestito di 1,5 miliardi di franchi per Swiss e la sua consorella Edelweiss. Con quest'ultima un CCL è stato raggiunto in gennaio.

Per quanto riguarda il prestito ottenuto dalla Confederazione, Swiss ribatte che la decisione di scindere il CCL non viola le condizioni stabilite. «Swiss è libera di interrompere il contratto collettivo di lavoro» si legge in una nota della compagnia, spiegando che nel contesto del credito la compagni a«si è impegnata a cercare soluzioni socialmente accettabili di fronte a inevitabili riduzioni del personale».

«Concessioni insufficienti da parte dei piloti»
In un comunicato, pure diramato oggi, Swiss ha giustificato la sua mossa dicendo che l'associazione dei piloti non ha fatto sufficienti concessioni. Assicura di essere impegnata nel partenariato sociale e offre di negoziare un nuovo CCL.

Come il resto dell'aviazione civile, Swiss è stata colpita duramente dalla pandemia. La perdita operativa nei primi nove mesi del 2020 ammonta a più di 400 milioni di franchi, secondo la società. Nello stesso periodo, il traffico passeggeri è diminuito del 70%. L'azienda indica inoltre di voler rimborsare il prestito della Confederazione il più presto possibile.

Tutto ciò rende necessari tagli in tutti i dipartimenti, si legge nella nota. A tal fine sono stati conclusi accordi di crisi pluriennali con il personale di cabina e di terra.

La compagnia aerea ha iniziato i negoziati con Aeropers nello scorso agosto. A causa del numero ridotto di voli, nei prossimi anni ci sarà una grande eccedenza di piloti. L'obiettivo nei negoziati era di raggiungere un CCL che tenesse conto della crisi e che fosse sostenibile per il futuro, poiché il contratto in vigore dal 2018 in questo senso è insoddisfacente. Aeropers ha invece voluto negoziare solo misure temporanee di crisi.

COMMENTI
 
NOTIZIE PIÙ LETTE