KEYSTONE
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
BELGIO
1 ora
In rosso sul conto di 100 miliardi di euro
Lo ha scoperto un imprenditore quando si è visto respingere il bancomat mentre cercava di acquistare un sandwich
STATI UNITI
4 ore
Trump fa un check-up non previsto: «Sta benissimo»
La Casa Bianca corre ai ripari dopo che il presidente americano ha annunciato di essersi fatto visitare, ancorché con esiti «grandiosi»
CINA
6 ore
Hong Kong, la polizia avverte: se minacciati, spareremo
Se i manifestanti dovessero usare «armi letali» gli agenti replicheranno con «colpi di arma da fuoco»
FOTO E VIDEO
ITALIA
8 ore
Esondano i fiumi: trema Firenze, l'Emilia allagata
Non c'è solo Venezia a essere minacciata dal maltempo. Fanno paura l'Arno e il Reno, nel Modenese in 10mila senza luce o gas
STATI UNITI
9 ore
Impeachment: «Bolton cercò di convincere Trump ad aiutare l'Ucraina»
È quanto emerge dalla deposizione alla Camera del funzionario al Consiglio per la Sicurezza Nazionale Timothy Morrison
FRANCIA
10 ore
I Gilet gialli irrompono nelle Galeries Lafayette, grandi magazzini evacuati
Il gesto, annunciato alla vigilia, era una dimostrazione simbolica contro quello che avevano definito «un tempio del consumo»
ARABIA SAUDITA
10 ore
Aramco: la valutazione al di sotto dell'obiettivo dei 2'000 miliardi
L'IPO, che si attesta attorno ai 1'600 miliardi, sarà quindi più bassa di quanto auspicato dal Principe
FOTO
ITALIA
11 ore
Acqua alta, buona parte di Venezia è sommersa
Dalle 12 Piazza San Marco è stata chiusa ai pedoni
REGNO UNITO
11 ore
La difesa del principe Andrea? «Disastrosa»
L'intervista alla Bbc sul capo Epstein si è rivelata un vero boomerang
ISRAELE
12 ore
L'annuncio dell'incriminazione di Netanyahu potrebbe arrivare presto
Il Likud ha deciso fin d'ora di avviare una campagna di mobilitazione popolare a sostegno del primo ministro
ITALIA
13 ore
Acqua alta a Venezia: per le 13 atteso un picco di +160 cm
La città si appresta ad affrontare una nuova marea straordinaria: negli ultimi 147 anni se ne contano solo tre oltre questo valore, tutte dopo il 1966
FOTO
CINA
13 ore
Hong Kong, agente colpito da una freccia
Stamattina sono stati lanciati gas lacrimogeni e bombe a benzina su una strada fuori dal Politecnico
GERMANIA
13 ore
Collisione tra due aerei a Francoforte
L'incidente non ha causato feriti
VIDEO
ITALIA
15 ore
Impressionante valanga su una zona abitata in val Martello
Un'enorme massa di neve e alberi sradicati si è riversata a valle, simile a una colata di lava. Non ci sono vittime
BOLIVIA
15 ore
In Bolivia «urgono elezioni»
Le sollecita l'inviato dell'Onu nel Paese sudamericano, dove dall'inizio delle proteste sono morte 23 persone
GRECIA
15 ore
Bimbo di 9 mesi morto nel campo di Moria a Lesbo
Lo riporta medici senza frontiere, che denuncia «le terribili condizioni di vita e la mancanza di cure adeguate» nel centro per migranti
STATI UNITI
16 ore
Uccide la moglie e tre figli, poi si spara
Solo 24 ore prima della strage, la donna aveva ottenuto un'ingiunzione restrittiva nei confronti del marito. Che però non ha fermato l'uomo. Gravissimo anche il quarto figlio
REGNO UNITO
16 ore
Il Principe Andrea nega di aver fatto sesso con l'accusatrice di Epstein
Virginia Giuffre sostiene di essere stata costretta ad avere rapporti sessuali con il duca di York tre volte tra il 2001 - quando lei aveva 17 anni - e il 2002
SERBIA
1 gior
Belgrado in ansia per Vucic
Il presidente serbo è ricoverato da ieri per non meglio precisati problemi cardiovascolari
UNIONE EUROPEA
17.10.2019 - 11:490
Aggiornamento : 15:33

Trovato l'accordo sulla Brexit. Sabato si vota

Lo hanno dichiarato Jean-Claude Juncker e Boris Johnson

BRUXELLES - È stato trovato un accordo tra la Gran Bretagna e l'Ue sulla Brexit. Lo hanno dichiarato oggi Jean-Claude Juncker e Boris Johnson.

«Dove c'è volontà c'è accordo e noi lo abbiamo», ha twittato Juncker. È un accordo «bilanciato ed equo per l'Unione Europea e il Regno Unito e testimonia il nostro impegno a trovare soluzioni. Raccomando che il Consiglio Europeo faccia sua l'intesa», ha aggiunto il presidente della Commissione europea.

«Abbiamo ottenuto insieme un risultato giusto e ragionevole» ha affermato il capo negoziatore dell'Ue, Michel Barnier. «La pazienza è una virtù e la Brexit è una scuola di pazienza. Abbiamo trovato un accordo sul recesso ordinato e sul quadro delle nostre relazioni future. È il risultato di un lavoro intenso», ha aggiunto.

Johnson ha confermato il raggiungimento di una nuova intesa che dovrebbe consentire un «distacco» ordinato di Londra dall'Unione Europea. «Abbiamo un grande nuovo accordo - sottolinea il premier britannico -, che ci restituirà il controllo» del nostro Paese. 

Il tweet di Johnson è stato diffuso mentre il primo ministro lasciava Downing Street da un'uscita posteriore, in partenza verso Bruxelles dove è previsto che si rivolga ai leader dei 27 Paesi Ue prima del Consiglio Europeo al via nel pomeriggio. «Ora il Parlamento deve lasciare che la Brexit sia fatta», prosegue, confermando che il voto di Westminster vi sarà sabato durante una seduta straordinaria.

Le Borse festeggiano dopo aver ricevuto la notizia: Londra sale dello 0,58%, mentre vola la sterlina, che inverte la rotta e guadagna lo 0,5% sull'euro a 1,1626.

Johnson ha evitato qualunque riferimento all'atteggiamento negativo annunciato alcune ore fa dagli alleati unionisti nordirlandesi del Dup, incoraggiando invece il Parlamento britannico a dare il via libera all'intesa in modo che il Regno possa poi «muoversi per affrontare le altre sue priorità, come il costo della vita, la sanità pubblica, la criminalità violenta e l'ambiente». Le riserve degli unionisti restano valide: «La nostra precedente dichiarazione - si legge in una breve nota - resta valida in risposta alla notizia che un deal è stato raggiunto». Negative, quanto scontate, anche le prime reazioni delle leadership dei maggiori partiti di opposizione, dal Labour ai LibDem di Jo Swinson.

«L'accordo negoziato dal primo ministro sembra persino peggiore di quello di Theresa May, già rigettato a valanga» dal Parlamento, ha tuonato il leader laburista Jeremy Corbyn.

«Queste proposte - a suo avviso - rischiano d'innescare una corsa al ribasso su diritti e tutele», sono «un accordo-svendita che non riunifica il Paese e che deve essere respinto». Poi il riferimento a un referendum bis: «Il miglior modo di risolvere la Brexit è ora ridare la parola al popolo per un voto finale».

Barnier: «Nel futuro di Ue e Regno Unito c'è un accordo di libero scambio» - «La scelta per le relazioni future» tra l'Ue ed il Regno Unito «è quella di un accordo di libero scambio», mentre «l'ipotesi di un territorio doganale unico è stata eliminata». Così si è espresso oggi il capo negoziatore dell'Ue Michel Barnier, spiegando che il testo per l'accordo di recesso «garantisce la certezza per i diritti dei cittadini, per le imprese», e per i conti degli impegni presi a 28.

E prevede anche il periodo di transizione, che finirà nel 2020, ma che potrebbe proseguire un paio di anni in più, «se ci sarà un accordo congiunto».

Dup: «Le nostre riserve restano» - Le riserve degli unionisti nordirlandesi del Dup, alleati del governo Tory di Boris Johnson nel Parlamento britannico, restano valide anche dopo l'annuncio dell'accordo sulla Brexit arrivato da Bruxelles e da Londra.

«La nostra precedente dichiarazione - si legge in una breve nota - resta valida in risposta alla notizia che un deal è stato raggiunto». Negative, quanto scontate, anche le prime reazione delle leadership dei maggiori partiti di opposizione, dal Labour di Jeremy Corbyn ai LibDem di Jo Swinson.

Sabato si vota - Il governo di Boris Johnson intende presentare sabato mattina alla Camera dei Comuni britannica una mozione in cui chiedere ai deputati di votare "o per il deal" raggiunto oggi sulla Brexit con Bruxelles o per "un no deal".

Lo ha annunciato oggi i ministro dei Rapporti col Parlamento, Jacob Rees-Mogg in aula, precisando che il voto sarà preceduto da uno statement del primo ministro e da un dibattito. La formulazione della mozione è però contestata dalle opposizioni, che vogliono far valere a legge anti-no deal.

Il Dup conferma: «Non possiamo votare l'accordo» - Gli unionisti nordirlandesi del Dup confermano di non poter votare a favore dell'accordo sulla Brexit raggiunto oggi dal premier Boris Johnson con l'Ue. Lo si legge in una nota diffusa dopo che il premier ha annunciato "un nuovo grande deal", come scrivono.

Il Dup sostiene di aver sempre lavorato dopo il referendum per "una Brexit negoziata" e per un accordo. Ma solo un accordo in grado di rispettare «gli interessi economici e costituzionali di lungo termine dell'Irlanda del Nord e l'integrità dell'unione del Regno».

Juncker: «Ora non c'è nessun bisogno di una proroga» - «Abbiamo un accordo e questo significa che non abbiamo bisogno di un prolungamento». Lo ha detto il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker alla conferenza stampa congiunta con il premier britannico Boris Johnson oggi a Bruxelles. «Questo accordo è giusto, ragionevole ed equilibrato e protegge i diritti dei nostri cittadini, la pace, la stabilità ed il mercato interno. Non ci sarà nessuna frontiera in Irlanda del nord», ha aggiunto.

Johnson insiste: «Westminster voti l'eccellente accordo» - «Spero che i miei colleghi a Westminster ora si riuniscano per portare a termine la Brexit, per votare questo eccellente accordo e per uscire dall'Ue senza ulteriori ritardi». Lo ha detto il premier britannico Boris Johnson alla conferenza stampa congiunta con il presidente della Commissione europea Jean-Claude Juncker.

Johnson: «L'accordo protegge l'Irlanda del Nord» - «L'accordo sulla Brexit è un buon accordo per l'Ue e per noi ed è un risultato che riflette l'enorme lavoro fatto e sono d'accordo con te, Jean-Claude, che l'accordo protegge il processo di pace in Irlanda del Nord».

Così il premier britannico Boris Johnson alla conferenza stampa a Bruxelles con il presidente della Commissione europea Jean-Claud Juncker.

«Questo significa che abbiamo adesso una vera Brexit che si potrà realizzare e significa che l'insieme del Regno Unito lascerà l'Ue il 31 ottobre», ha aggiunto.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-18 00:59:35 | 91.208.130.85