Keystone (archivio)
STATI UNITI
04.10.2019 - 08:090

«Trump rimosse l'ambasciatrice a Kiev su richiesta di Giuliani»

Non accenna a placarsi lo scandalo Ucrainagate. Intanto emergono una nuova talpa e una strana telefonata fatta a giugno al leader cinese Xi Jinping

WASHINGTON - Donald Trump ordinò la scorsa primavera la rimozione dell'ambasciatrice Usa in Ucraina dopo che Rudolph Giuliani si lamentò del fatto che Marie Yovanovitch stava minando i suoi sforzi: quelli volti a persuadere Kiev ad indagare su Joe Biden e suo figlio. Lo riporta il Wall Street Journal.

Nuova talpa - Quella dello scandalo Ucrainagate non è però l'unica gatta da pelare per il presidente. La Casa Bianca, infatti è preoccupata per la presenza di una nuova talpa: un alto funzionario dell'Irs, il fisco americano, che ha denunciato come almeno un dirigente di nomina politica del Dipartimento al Tesoro ha tentato impropriamente di interferire con la revisione delle dichiarazioni fiscali di Donald Trump e di Mike Pence. Lo riporta il Washington Post, spiegando come la denuncia è ora all'attenzione del Congresso e che i democratici l'hanno già segnalata a un giudice federale.

La telefonata a Xi - Ma i grattacapi per Trump non finiscono qui. Il presidente nel corso di una telefonata con Xi Jinping nello scorso giugno - rivelata oggi di media americani - parlò delle prospettive politiche di Joe Biden ed Elizabeth Warren, suoi avversari per la Casa Bianca. Al leader cinese avrebbe anche promesso di tacere sulle proteste di Hong Kong durante i negoziati sui dazi. Lo riportano alcuni media Usa, citando fonti vicine alla Casa Bianca secondo cui i dati della telefonata furono custoditi nel sistema elettronico utilizzato per le informazioni top secret, lo stesso in cui furono messi i dati della chiamata col presidente ucraino Voldymyr Zelensky.

 

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
fromrussiawith<3 9 mesi fa su tio
È probabilmente non ortodosso il modo di procedere di Trump nell’indagine sul candidato democratico alle presidenziali 2020 o sulle implicazioni del suo partito nell’indagine russiagate. Fatto sta che per la sicurezza Americana, se tale indagine (in corso da due anni da parte di Giuliani e co.) dovesse portare alla luce fatti che inchiodano sia Biden che i democratici, il comportamento di Trump sarebbe più che ben accetto pensando che ci sono esponenti della CIA e FBI che hanno agito/agiscono a favore dei democratici… Se solo si pensa a Adam Schiff, capo della commissione Intelligence della Camera, che non solo ha impropriamente introdotto la propria versione dei fatti mentre leggeva pubblicamente il tran&#115;cript della conversazione, o che ha mentito sul fatto di non avere avuto un primo contatto con la talpa, ora ne esce pure che Adam Schiff aveva come “caro amico” Igor Pasternak, un produttore e fornitore di armi all’Ucraina che nel 2013 fece pure una raccolta fondi per Adam Schiff… I Quid pro quos non sono infrequenti in politica, se si pensa che UBS, sotto pressione dall’IRS, aveva arricchito i Clintons con più di 1 millione, dopo che Hilary era intervenuta a favore dell’UBS facendo ridurre sostanzialmente il numero di documenti richiesti dall’IRS, tutto in regola, la chiamarono “coincidenza”
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-07 03:07:34 | 91.208.130.89