keystone-sda.ch/STF (Evan Vucci)
Trump ha silurato il suo consigliere alla sicurezza nazionale John Bolton.
STATI UNITI
10.09.2019 - 18:140
Aggiornamento : 11.09.2019 - 22:04

Trump silura il suo consigliere per la sicurezza nazionale John Bolton

«Ero fortemente in disaccordo con molti dei suoi consigli», ha twittato il presidente

WASHINGTON - Donald Trump ha annunciato su Twitter le dimissioni di John Bolton, il consigliere per la sicurezza nazionale della Casa Bianca. Il presidente statunitense spiega di aver chiesto lui a Bolton di farsi da parte e che nominerà il suo successore la prossima settimana. «Ero fortemente in disaccordo con molti dei suoi consigli come altri nell'amministrazione», scrive Trump.

Bolton aveva sostituito nel ruolo di consigliere per la sicurezza nazionale Michael Flynn, coinvolto nel Russiagate. Negli ultimi tempi erano montate le voci sui dissidi soprattutto tra Bolton e il segretario di Stato Mike Pompeo. Dissidi sulla linea da tenere sui principali dossier di politica estera e di sicurezza nazionale, come l'Afghanistan, l'Iran, il Venezuela e la Corea del Nord.

«Non condividevo la sua tattica e le sue idee» - Secondo alcune ricostruzioni, anche il presidente Trump ormai era diventato insofferente nei confronti del falco Bolton, considerato eccessivamente interventista e accusato di non seguire la linea del presidente. Il presidente degli Stati Uniti Donald Trump ha spiegato oggi di aver chiesto le dimissioni di John Bolton perché non condivideva «le sue tattiche e le sue idee» e perché il consigliere per la sicurezza nazionale «non andava d'accordo con altre persone dell'amministrazione che io considero importanti».

«Ha commesso grandi errori» - «Ha fatto alcuni grandi errori», ha detto il presidente, lamentandosi in particolare del fatto che Bolton aveva evocato il modello libico per i negoziati sul nucleare nordcoreano. «Che disastro, e lo stava usando per fare un accordo con la Corea del Nord?», ha proseguito. «Non do la colpa a Kim Jong Un per quello che ha detto dopo questa cosa. Non voleva avere nulla a che fare con John Bolton. E questo non è questione di essere duri, è questione di essere non intelligenti affermando una cosa simile», ha aggiunto. Trump ha quindi aggiunto di avere «cinque persone che desiderano molto» prendere il posto di Bolton e che annuncerà la sua scelta la prossima settimana.

Bolton: «Mi sono dimesso io, non mi ha licenziato Trump» - «Non mi ha licenziato, ho offerto io le dimissioni al presidente ieri sera»: così su Twitter John Bolton replica a Donald Trump che, sempre sullo stesso social, aveva affermato di aver chiesto lui al consigliere per la sicurezza nazionale di farsi da parte.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-11-19 12:37:46 | 91.208.130.87