Keystone / EPA
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
19 min
New York, semaforo rosso alle sigarette elettroniche aromatizzate
VENEZUELA
29 min
Il Parlamento ratifica Guaidò presidente ad Interim
ITALIA
2 ore
«Sì, anche i migranti usano WhatsApp e le emoji»
ISRAELE
9 ore
Netanyahu senza maggioranza, Gantz avanti d'un soffio
ITALIA
10 ore
Renzi lancia "Italia viva"
SPAGNA
10 ore
La Spagna torna al voto
STATI UNITI
10 ore
Gli Usa fanno causa a Snowden per il libro
INDIA
12 ore
Scappa con l'elefante perché vogliono separarli, trovato dai giornalisti
STATI UNITI
12 ore
75 miliardi di dollari dalla Fed
CITTÀ DEL VATICANO
12 ore
Abusi sessuali, due preti rinviati a giudizio
STATI UNITI
13 ore
Ubriaca, va a prendere il fidanzato fermato per guida in stato di ebrezza: arrestata
ALBANIA
14 ore
Tusk: «L'Albania merita l'avvio dei negoziati per l'adesione all'Ue»
STATI UNITI
15 ore
Per 1 americana su 16 il primo rapporto sessuale è stato uno stupro
STATI UNITI
15 ore
Sigarette elettroniche: negli Stati Uniti la settima vittima
ITALIA
15 ore
Autobus va fuori strada e finisce contro un albero: 30 feriti
STATI UNITI
18.11.2018 - 15:370
Aggiornamento : 16:01

Khashoggi, Trump non vuole ascoltare l'audio dell'omicidio

«È molto violento, molto brutale e orribile». Un'alta dirigente si è dimessa, a suggerire una divisione alla Casa Bianca su come comportarsi con l'Arabia Saudita

WASHINGTON - Un'alta dirigente della Casa Bianca, responsabile per la politica americana verso l'Arabia Saudita, si è dimessa, una mossa che potrebbe suggerire una divisione nell'amministrazione del presidente Donald Trump sulla risposta da dare al brutale omicidio del giornalista dissidente Jamal Khashoggi. Lo scrive il New York Times (Nyt).

Si tratta di Kirsten Fontenrose, direttrice per la regione del Golfo Persico all'interno del National Security Council, che aveva spinto per misure dure contro il governo saudita e che era stata a Riad per discutere le recenti sanzioni degli Usa imposte ai presunti responsabili del delitto.

Fontenrose aveva insistito perché Saud al-Qahtani, un alto consigliere del principe ereditario saudita Mohammed bin Salman, fosse aggiunto alla blacklist, cosa che alla fine è stata fatta. Ma al suo ritorno a Washington aveva avuto una disputa con i suoi superiori.

Le esatte circostanze delle sue dimissioni, precisa il Nyt, restano confuse e non è chiaro se il suo sostegno ad una risposta severa abbia irritato qualcuno alla Casa Bianca.

Trump non ha ascoltato l'audio - Il presidente statunitense Donald Trump ha detto all'emittente televisiva Fox News di non aver voluto ascoltare l'audio dell'uccisione del giornalista dissidente saudita Jamal Khashoggi perché è troppo «violento, brutale e orribile».

«Noi abbiamo la registrazione, non voglio ascoltarla... perché è una registrazione di sofferenza», ha dichiarato. «Sono stato completamente informato (sull'audio, ndr). So esattamente ciò che è accaduto... è molto violento, molto brutale e orribile», ha aggiunto Trump. Si tratta della registrazione fornita dalle autorità turche agli Usa e ad altri alleati occidentali.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-18 08:01:14 | 91.208.130.85