Keystone
ITALIA
04.03.2018 - 21:010
Aggiornamento 22:52

Elezioni: code, ritardi e caos bollino antifrode

Il nuovo sistema elettorale sta creando diversi disagi un po' ovunque, ma soprattutto nelle grandi città. Alle 19.00 l'affluenza era del 58,5%

ROMA - Code ai seggi, ritardi, disguidi nella distribuzione delle schede. L'Italia alle urne col nuovo sistema elettorale registra un po' ovunque lunghe file di elettori, soprattutto fuori dai seggi delle grandi città, Roma e Milano in testa.

L'affluenza, alle 19 intorno al 58,5%, registra un incremento rispetto alle Europee quando alla chiusura delle urne (alle 23) aveva votato il 58,69% degli elettori.

A rallentare il voto, in particolare, le disposizioni circa il bollino antifrode, ovvero il talloncino apposto sulle schede per Camera e Senato che va rimosso richiedendo a scrutatori e presidenti di seggio delle operazioni in più. Tanto che per velocizzare l'attività dei seggi nel pomeriggio i vicepresidenti sono stati autorizzati a supportare i presidenti circa le operazioni connesse proprio al bollino.

Per evitare l'affollamento dei seggi in orario di chiusura gli elettori sono stati invitati «ad andare a votare il prima possibile». Si teme che i seggi non possano chiudere per le 23 a fronte di lunghe code di elettori.

Ritardi e sbagli - Ma non solo le file hanno caratterizzato la giornata. Ci sono stati anche ritardi e sbagli nella distribuzione delle schede.

A Palermo sono state ristampate nella notte le schede elettorali di 200 sezioni dove, per un errore nella perimetrazione dei collegi da parte del Comune, erano stati inseriti dei candidati di un altro collegio. Le schede sono state poi ridistribuite ma i seggi hanno aperto con ritardo tra le proteste degli elettori.

Problemi analoghi risolti nella notte a Mantova dove però le operazioni di voto sono partite regolarmente alle 7. Casi di schede con nomi dei candidati sbagliati si sono registrati anche nella Capitale e in Piemonte: in un seggio di Roma, nel quartiere Parioli, la presidente di seggio ha aperto e vuotato l'urna mettendo in una busta i voti degli elettori espressi fino a quel momento, 36, utilizzando le schede sbagliate, assicurando che gli elettori sarebbero stati ricontatti e fatti rivotare.

Stessa situazione nel collegio di Rivolta Bormida e Castelnuovo Bormida, in provincia di Alessandria.

A seno nudo contro Berlusconi - Nell'hinterland milanese, a Pioltello, nel napoletano e a Imperia alcune persone sono state denunciate perchè sorprese a fotografare la scheda, mentre una Femen è comparsa a seno nudo mentre Silvio Berlusconi stava votando per «annunciargli» che «il suo tempo è scaduto», come aveva scritto sul suo corpo. La donna è stata indagata.

A Napoli la scrutatrice di un seggio ha improvvisamente iniziato a inveire contro i presenti e poi ha strappato l'elenco degli aventi diritto al voto. Voto all'esterno del giardino di una scuola invece per alcuni disabili di Padova a causa di un montascale rotto. E persino il presidente del Comitato Paralimpico, Luca Pancalli si sfoga in in un tweet: «La sezione al primo piano inaccessibile...io e tantissimi anziani costretti a votare in un seggio di fortuna. Vergogna!».

E in serata anche la notizia di due anziani elettori morti per un malore al seggio, una donna di 85 anni a Matera ed un uomo di 88 anni a Pordenone.

Caos scrutinio voto all'estero - «Siamo nel caos, un terzo dei seggi qui non è stato ancora aperto». A parlare è uno scrutatore di Castelnuovo di Porto dove si trova il Centro Polifunzionale della Protezione Civile in cui hanno sede i 700 seggi che compongono il Collegio per l'Estero. Qui sono confluiti i pacchi con il voto degli italiani che vivono fuori dai confini nazionali.

«Molti presidenti - racconta - non si sono presentati stamani e questo ha causato molti disagi. Adesso speriamo che, essendosi presentati molti volontari, vengano chiamati. Per ora sono tutti nell'Aula Magna».

L'insediamento dei seggi doveva avvenire alle 11 di questa mattina ma le operazioni sono andate molto a rilento fino a tarda sera. Lo spoglio comincerà alle 23.

Centinaia di schede annullate - Una denuncia, riportata da Repubblica.it, arriva anche dal rappresentante di lista di +Europa, Alessandro Fusacchia. «Molti presidenti di seggio - dichiara - non procedono alla spunta dei nomi sul librone rosa cartaceo degli aventi diritto una volta estratto dalla prima busta il numero identificativo. Si tratta di un controllo per evitare brogli. Poi, anzichè riporre la seconda busta contenente il voto dell'elettore estero nell'apposita scatola di cartone che ha la funziona di urna, la aprono. Ma così facendo la scheda diventa nulla e si stanno annullando centinaia di voti di elettori esteri». «Ho protestato in particolare con il personale che sta vagliando le buste arrivate dal consolato di Francoforte - ha aggiunto Fusacchia - ma non mi hanno dato retta. È la cosa più brutta che ho visto nella mia vita. E ora vado a denunciare la vicenda ai carabinieri».

Scambio di schede a Torino - Si susseguono le notizie di disguidi nel voto in Italia: in un seggio alla periferia di Torino le operazioni sono state temporaneamente sospese: alcuni elettori si sono ritrovati con schede relative a un'altra circoscrizione, con nomi di candidati diversi. La conferma della notizia arriva da fonti politiche.

E' probabile che al seggio siano stati recapitati pacchi con altre schede oltre a quelle del collegio di riferimento.

Giornalisti in attesa degli exit poll - Folla di giornalisti nelle sedi dei partiti, specialmente Movimento 5 stelle (M5S) e Partito democratico (PD) in attesa dei primi exit poll delle politiche italiane.

La Sala Fernandes dell'Hotel Parco dei Principi di Roma, adibita a sala stampa dal M5S per la notte elettorale ospita 473 giornalisti, tra cui 80 testate straniere.

All'ultimo piano della sede del Pd a Roma è pronto uno spazio per le conferenze stampa, con numerose postazioni per le dirette tv. Sono oltre 300 i giornalisti.

Commenti
 
Tags
elettori
schede
seggio
seggi
voto
operazioni
ritardi
giornalisti
caos
collegio
Copyright © 1997-2018 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -  Cookie e pubblicità online  -  Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2018-09-26 11:29:14 | 91.208.130.87