REGNO UNITO / FRANCIA
24.06.2013 - 14:270
Aggiornamento : 21.11.2014 - 13:15

Strage di Chevaline: arrestato il fratello di una delle vittime

L'uomo è sospettato di "essere coinvolto in un complotto per commettere l'omicidio"

LONDRA - Il procuratore di Annecy ha confermato l'arresto del fratello di Saad al-Hilli, l'uomo vittima del massacro di Chevaline, avvenuto sulle Alpi francesi.

"Abbiamo stimato di avere sufficienti prove per ascoltarlo - ha spiegato Eric Maillaud -. "Abbiamo bisogno di fargli domande circa l'impiego del suo tempo all'epoca dei fatti, ma anche sul rapporto con il fratello e sul patrimonio di famiglia", ha detto il procuratore.

 

Il massacro ha causato la morte di tre persone appartenenti alla stessa famiglia: Zaid al-Hilli, fratello di Saad al-Hilli, 50enne di origine irachena; la moglie Iqbal, 47 anni, e la nonna materna Suhaila al-Allaf, 74 anni. Una quarta vittima, un ciclista francese di nome Sylvain Mollier, giaceva, anch'esso cadavere, accanto al loro veicolo.

 

Stando alla polizia britannica, il sospetto è stato arrestato nella contea del Surrey, vicino a Londra, dove la famiglia al-Hilli viveva. Il 54enne è sospettato "di essere coinvolto in un complotto per commettere l'omicidio", riferiscono gli inquirenti britannici in un comunicato.

 

Zaid al-Hilli era già stato ascoltato dalla polizia britannica in relazione a questa inchiesta. Poliziotti francesi sono attualmente nel Regno Unito per partecipare all'inchiesta.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-19 19:51:24 | 91.208.130.86