Immobili
Veicoli
Le renne hanno vinto contro i parchi eolici, ma le pale continuano a girare
Afp
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
NORVEGIA
14.01.2022 - 06:000

Le renne hanno vinto contro i parchi eolici, ma le pale continuano a girare

I Sami si battono contro la transizione verde che mina la natura. La Corte Suprema dà loro ragione, ma nulla si muove

ÅFJORD - Alle renne manca il pascolo e alle turbine si dà troppo spazio. La comunità indigena Sami sta combattendo dal 2020 perché dei parchi a energia eolica vengano smantellati, in quanto minano le loro tradizioni e il loro portafoglio. La Corte Suprema dei diritti umani ha dato loro ragione quattro mesi fa, ma le pale continuano a girare.

I Sami, chiamati erroneamente Lapponi, sono una comunità indigena di quasi 100'000 persone che vive sui territori che vanno dalla penisola di Kola, in Russia, fino alla Norvegia. La loro comunità, siccome è divisa in diverse nazioni, è organizzata grazie ai "parlamenti Sami" che si occupano dei loro interessi e della difesa della loro autonomia culturale. Sono principalmente pastori di renne. Queste non vengono allevate, ma lasciate pascolare liberamente perché devono poter trovare il loro sostentamento, ovvero i licheni, direttamente in natura.

E qui sta il problema. Nel 2020 sono stati completati diversi parchi eolici, tra cui il più grande d'Europa che è in grado di fornire a 170'000 famiglie tutta l'energia necessaria, dove i Sami portano le renne al pascolo. Le pale che girano, secondo la comunità indigena, hanno distrutto il territorio e minato alla loro economia. Le renne non si avvicinano più a quegli appezzamenti di terreno perché sono spaventate dal rumore delle eoliche. Un pastore intervistato da France24 ha dichiarato di aver avuto un profitto inferiore ai 30'000 euro nel 2018.

Sei famiglie Sami si sono quindi unite per fare causa alle aziende che hanno costruito i parchi e a ottobre del 2021 la Corte Suprema ha dato loro ragione. Ma lì la storia si è fermata, perché gli undici giudici non hanno detto nulla sul come si evolverà la situazione per le 151 pale eoliche installate. Un portavoce di Fosen Vind, il consorzio che gestisce gran parte dei parchi, ha affermato che la decisione della Corte viene presa molto seriamente, e che «il prossimo passo è definire le condizioni operative che garantiscano che siamo in grado di far funzionare le turbine eoliche senza violare i diritti dei pastori o minacciare la loro pastorizia. Ciò a cui stiamo dando la priorità ora è avere un dialogo con i pastori».

La Norvegia è il principale azionista del progetto. Il Ministero del petrolio e dell'energia ha dichiarato che non è ancora stato deciso «se le installazioni possono rimanere al loro posto solo in parte o tutte quante». Dall'altra parte, i pastori rimangono fermi sulla loro posizione. Come spiega l'allevatrice Sissel Stormo Holtan, «i parchi devono essere smantellati. Sappiamo che il cambiamento climatico è un problema serio, ma le soluzioni non devono impattare sulle tradizioni ancestrali e sulla vita delle popolazioni indigene. Vediamo come la vegetazione stia cambiando, ci sono nuovi insetti e piante mai viste. E vediamo il limite degli alberi che si muove e il permafrost che si scioglie. Ma resta assurdo che una transizione verde debba essere fatta alle spese della natura».

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-24 17:36:28 | 91.208.130.85