Keystone
AFGHANISTAN
08.05.2021 - 19:350

Esplosione davanti ad una scuola, almeno 30 morti

Tra le vittime numerose studentesse. Una cinquantina i feriti

KABUL - È di 30 morti il bilancio delle vittime dell'esplosione davanti a una scuola femminile a Kabul tra cui numerose studentesse.

«Trenta persone sono rimaste uccise e 52 ferite», ha detto ai giornalisti Tareq Arian, portavoce del ministero dell'Interno. L'esplosione è avvenuta nel distretto di Dasht-e-Barchi, a ovest della capitale afghana, mentre i residenti stavano facendo acquisti per l'avvicinarsi della festa musulmana di Eid al-Fitr che segnerà la fine del mese di digiuno del Ramadan la prossima settimana. Si tratta della stessa zona colpita da un attacco dell'Isis contro la maternità gestita da Medici Senza Frontiere nel giugno 2020.

«Ho visto corpi insanguinati in una nuvola di fumo e polvere, mentre alcuni dei feriti urlavano», ha raccontato Reza, che è sfuggito all'esplosione. «Ho visto una donna cercare la figlia tra i cadaveri», ha aggiunto. «Ha poi trovato uno zaino che era della figlia ed è crollata». A causare l'esplosione sarebbe stata un'autobomba fatta detonare proprio mentre le ragazze uscivano dalla scuola seguita da due razzi.

Sdegno e cordoglio per l'attentato sono state espresse dalla missione Ue in Afghanistan e dalla Missione di assistenza delle Nazioni Unite nel Paese. Il ministero dell'Interno afghano ha annunciato di aver aperto un'inchiesta per terrorismo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-06-21 15:11:04 | 91.208.130.89