keystone-sda.ch (STRINGER)
Migliaia di persone sono scese in piazza a Napoli.
+10
ITALIA
23.10.2020 - 23:130
Aggiornamento : 24.10.2020 - 08:45

Guerriglia urbana a Napoli

Migliaia di cittadini contestano il coprifuoco e la possibilità di un lockdown. Scontri davanti alla Regione

NAPOLI - Migliaia di persone si sono riversate in strada a Napoli per protestare contro il coprifuoco notturno, scattato alle 23, voluto dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca per cercare di arginare l'avanzata della pandemia di coronavirus. Misura che potrebbe tramutarsi nei prossimi giorni in un vero e proprio lockdown.

La manifestazione ha invaso le vie del centro cittadino in maniera piuttosto rumorosa e caotica: i video pubblicati sui media italiani mostrano scooter che passano tra la folla, persone che filmano la scena, cori di varia natura. Sono stati accesi dei lacrimogeni ed esplosi dei petardi. Sono parecchi coloro che non indossano la mascherina.

Sono stati segnalati momenti di tensione con le forze dell'ordine, mobilitate dopo che l'annuncio di un flash mob aveva fatto il giro dei social. Scontri sarebbero avvenuti davanti alla sede della Regione, almeno un giornalista è stato aggredito dalla folla sempre più fuori controllo. Cassonetti sono stati dati alle fiamme e bombe carta sono state lanciate contro la sede del governo regionale.

Sui social circolano vari inviti alla ribellione contro De Luca e i suoi provvedimenti. Sempre il presidente campano nel mirino dei manifestanti: «Tu ci chiudi e tu ci paghi» è scritto su uno striscione posto alla testa del corteo.

keystone-sda.ch (STRINGER)
Guarda tutte le 14 immagini
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-12-01 19:15:03 | 91.208.130.87