Keystone
La diocesi di Buffalo, con circa 600 mila fedeli, era rimasta relativamente immune dallo scandalo fino al 2018 quando la segretaria personale di Malone aveva rivelato l'esistenza di un dossier segreto su preti molestatori che il vescovo teneva in un armadio del suo ufficio.
STATI UNITI
04.12.2019 - 17:590

Accusato di aver coperto gli abusi, "salta" il vescovo di Buffalo

Papa Francesco ha accettato «con effetto immediato» le dimissioni di Richard Malone

di Redazione
ats ans

BUFFALO - Nuove teste rotolano nello scandalo della pedofilia che da un anno è tornato a mettere in subbuglio la Chiesa cattolica americana: oggi si è dimesso il vescovo della diocesi di Buffalo, Mons. Richard Malone, da tempo sotto i riflettori dopo essere stato accusato di un monumentale copertura di abusi sessuali su minori da parte di sacerdoti della diocesi.

Papa Francesco ha accettato «con effetto immediato» le dimissioni e nominato amministratore apostolico sede vacante il Monsignore Edward Scharfenberger, già vescovo di Albany. La diocesi di Buffalo, con circa 600 mila fedeli, era rimasta relativamente immune dallo scandalo fino al 2018 quando la segretaria personale di Malone, Siobhan O'Connor, aveva rivelato l'esistenza di un dossier segreto su preti molestatori che il vescovo teneva in un armadio del suo ufficio: oltre un centinaio di nomi che, senza l'azione della donna, sarebbero rimasti per sempre nell'ombra.

Erano poi emerse registrazioni in cui il porporato definiva «un cucciolo malato» uno di questi preti mostrando riluttanza a rimuoverlo dal suo mandato. Il vescovo ha detto di essersi dimesso «volontariamente e liberamente» dopo aver appreso le conclusioni di un'inchiesta recentemente ordinata dal Vaticano sulla crisi nella sua diocesi.

«Ci sono cattolici devoti a Buffalo», ha commentato il vescovo di Brooklyn, Nicholas DiMarzio, a cui era stata affidata la Visita Apostolica, auspicando che le dimissioni «consentano alla diocesi di cominciare un nuovo capitolo». Anche DiMarzio è stato recentemente coinvolto nello scandalo quando l'avvocato di un ex chierichetto lo ha accusato di molestie.

Ancora in settembre Malone aveva categoricamente rifiutato di dimettersi e tra fedeli e sacerdoti di Buffalo la decisione di oggi è stata accolta con sollievo dopo che in settembre un sondaggio del Buffalo News aveva mostrato che l'86% dei cattolici voleva che il vescovo se ne andasse.

Malone è il sesto capo di una diocesi Usa che si dimette per lo scandalo della pedofilia da quando 17 anni fa il cardinale Bernard Law lasciò l'arcidiocesi di Boston. Con l'uscita di scena del vescovo i guai per la diocesi di Buffalo non sono finiti: la curia deve far fronte a 200 denunce, è sotto inchiesta da parte sia dell'Fbi che della procura di New York per come ha gestito la crisi nell'arco di decenni e rischia di seguire l'esempio della diocesi di Rochester che in giugno ha chiesto al tribunale le protezioni dalla bancarotta.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-06 04:19:25 | 91.208.130.85