keystone-sda.ch/STF (SEDAT SUNA)
TURCHIA
10.10.2019 - 16:260
Aggiornamento : 17:27

Mortai curdi sul confine: il bilancio dei morti sale a sei, anche un bimbo

Il totale dei feriti per questi attacchi è inoltre salito ad almeno 46

ISTANBUL - Almeno due civili, di cui uno è un bimbo rifugiato siriano di 9 mesi, sono rimasti uccisi nelle provincia frontaliera turca di Sanliurfa da razzi e colpi di mortaio sparati dalle zone sotto controllo curdo nel nord della Siria, in risposta all'offensiva militare lanciata ieri da Ankara. Il totale dei feriti per questi attacchi è inoltre salito ad almeno 46. Lo rende noto la prefettura locale.

La piccola vittima è stata identificata come Muhammad Omar, mentre l'altro civile ucciso è Cihan Gunes, funzionario turco dell'ufficio delle imposte di Akcakale, una delle città di frontiera da cui è partita ieri l'offensiva di Ankara. I feriti sono stati trasportati in diversi ospedali della zona, precisa inoltre la prefettura.

Aggiornamento - Il bilancio dei morti sale a 6 - Si aggrava di ora in ora il bilancio delle vittime in Turchia dei razzi e colpi di mortaio sparati dalle zone sotto controllo curdo nel nord-est della Siria, in risposta all'offensiva militare lanciata ieri da Ankara. Altri 2 civili hanno perso la vita, portando a 6 il totale dei morti in poco più di 24 ore. Le vittime, tra cui un bimbo rifugiato siriano di 9 mesi, si registrano nelle località di frontiera di Akcakale, Ceylanpinar e Nusaybin. I feriti sono al momento 70.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-10-20 16:44:56 | 91.208.130.87