Depositphotos (ChamilleWhite)
Nel mondo si muore molto più per mano della criminalità che non per il terrorismo o per i conflitti armati.
MONDO
09.07.2019 - 12:090

La criminalità organizzata uccide più di guerre e terrorismo

Il luogo più pericoloso in cui vivere è l'America centrale, regione dove il tasso di omicidi è di 62,1 ogni 100mila persone

NEW YORK - Nel mondo si muore molto più per mano della criminalità che non per il terrorismo o per i conflitti armati. Lo rileva un rapporto delle Nazioni Unite secondo cui nel 2017 sono state mezzo milione le vittime di omicidio e che il luogo più pericoloso in cui vivere è l'America centrale, regione dove il tasso di omicidi è di 62,1 ogni 100mila persone a fronte di una media mondiale del 6,1.

La percentuale sale in Africa e arriva al 13,0 ma ancor più negli Usa dove il tasso di omicidi è del 17,2.

Il rapporto rileva che un morto su cinque è da attribuire al crimine organizzato e sottolinea come nel mondo il femminicidio, assassinio commesso per la maggior parte dal partner o in famiglia, sia ancora «troppo frequentemente ignorato e sottostimato».

Infine l'Onu rileva che i luoghi più sicuri dove vivere si trovano in Asia, Europa e in Oceania con un tasso di omicidi che varia tra 2,3 e 3 ogni centomila abitanti.

Potrebbe interessarti anche
Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-03-28 16:57:33 | 91.208.130.89