keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
STATI UNITI
1 ora
16enne muore accoltellato in una rissa: tutti facevano video senza intervenire
STATI UNITI
8 ore
Trump contro i senzatetto: «Rovinano il prestigio delle città»
ITALIA
9 ore
Prove di dialogo tra Conte e Macron
STATI UNITI
10 ore
La Fed taglia (ancora) i tassi e fa arrabbiare Trump
STATI UNITI
11 ore
«Il muro mette a rischio i siti archeologici dell'Arizona»
NIGERIA
11 ore
Donne in piazza contro i "killer degli hotel"
KENYA
11 ore
Questo cucciolo di zebra non ha le strisce, è a pois
STATI UNITI
11 ore
L'appello di Greta al Congresso: «Ascoltate la scienza»
REGNO UNITO
12 ore
Immagine neonazi contro Harry in tv, la Bbc si scusa
STATI UNITI
13 ore
I 75 miliardi immessi dalla Fed nel sistema finanziario Usa stanno dando i loro frutti
SPAGNA
13 ore
La Spagna torna al voto, Sánchez chiede una «maggioranza più chiara»
ITALIA
13 ore
Oscurato Xtream Codes, trasmetteva il calcio pirata via web
FRANCIA
14 ore
Al vertice del Consiglio d'Europa solo donne: è la prima volta
STATI UNITI
14 ore
Aborti al minimo dalla legalizzazione del 1973
ISRAELE
15 ore
Lieberman: «Un governo con Likud e Blu e Bianco è l'unica opzione»
GIAPPONE
31.12.2018 - 07:090

Nissan: il tribunale approva l'estensione del fermo per Ghosn

L'ex tycoon 64enne è detenuto nella prigione a nord di Tokyo dal 19 novembre con l'accusa di appropriazione indebita

TOKYO - Il tribunale di Tokyo ha deciso di estendere il periodo di fermo dell'ex presidente della Nissan-Renault-Mitsubishi Motors, Carlos Ghosn, fino all'11 gennaio, su richiesta del pubblico ministero, in base alle ultime accuse di illeciti finanziari.

L'ex tycoon 64enne è detenuto nella prigione a nord di Tokyo dal 19 novembre, dopo il recente mandato di arresto del 21 dicembre con l'imputazione di appropriazione indebita per aver utilizzato fondi appartenenti alla società pari a 17 milioni di dollari, per coprire perdite personali derivanti da investimenti.

Le precedenti accuse riguardavano omissioni su compensi pari a 44 milioni di dollari in 5 anni fino al 2015. L'incriminazione è stata formalizzata il 10 dicembre, assieme all'ex dirigente della Nissan, Greg Kelly, successivamente rilasciato su cauzione lo scorso martedì.

Ghosn, in base a quanto riportato dai media nipponici, esclude ogni addebito durante le interrogazioni condotte senza la presenza degli avvocati, come prevede la legge giapponese. Un fattore che, associato al lungo periodo di detenzione - che virtualmente potrebbe essere prorogato periodicamente in presenza di nuove accuse, ha provocato ampie critiche a livello internazionale, e instabilità all'interno della gerarchia del gruppo, tra i boardroom della Renault e della Nissan.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-09-19 07:11:47 | 91.208.130.87