Keystone
+ 15
STATI UNITI
29.07.2018 - 20:180
Aggiornamento : 21:07

Inferno in California, cinque morti tra le fiamme

Il nord dello Stato continua a bruciare, mentre il bilancio delle vittime è destinato a crescere visto i numerosi dispersi. Ecco le impressionanti immagini del disastro

LOS ANGELES - La California continua a bruciare. L'incendio che sta devastando il nord dello Stato americano continua a crescere, come cresce il bilancio delle vittime: sono cinque i morti finora, inclusi due bambini. Numerosi anche i dispersi, per i quali le autorità temono ormai il peggio, mentre almeno 50mila persone hanno dovuto lasciare le loro case.

Le fiamme continuano a essere fuori controllo e, complici le elevate temperature, stanno dando vita a fenomeni meteorologici propri come i "firetornado", dei tornado di fuoco. L'incendio ha già devastato un'area di 360,17 chilometri quadrati e risulta al momento contenuto solo al 5%. «Stiamo cercando di fare tutto quello che è in nostro potere per cercare di mettere fine a questo caos», ha detto Mike Hebrard, capo dei pompieri della contea di Shasta, una delle più colpite. Ma gli sforzi al momento non si sono tradotti in grandi risultati a causa della mancanza di risorse.

L'incendio del nord della California è solo uno delle decine che stanno mettendo in ginocchio lo Stato (è stata colpita in parte anche la Napa Valley) e c'è un chiaro problema di mancanza di personale per far fronte alle emergenze su più fronti, con più di 607 chilometri quadrati in fiamme. «Uno dei problemi che i pompieri si trovano ad affrontare è la mancanza di personale. Con tutti gli incendi che stanno bruciando lo Stato, le risorse scarseggiano», ha spiegato Bryan May, portavoce dell'Office of Emergency Services della California, precisando che sono 10'000 i pompieri al lavoro per cercare di domare le fiamme.

Nella Yosemite Valley il fuoco ha costretto alla chiusura il popolare parco di Yosemite, a causa del fumo che rende la qualità dell'aria insalubre. La riapertura del parco è attesa per lunedì ma al momento non ci sono certezze e potrebbe nuovamente slittare se i venti non cambieranno direzione.

Solo nel nord della California sono impegnati 3'400 pompieri, che da lunedì scorso - quando le fiamme sono divampate per un guasto meccanico a un veicolo sulla Route 299 - lavorano ininterrottamente per evitare il peggio.

Ma l'ondata di caldo record rappresenta un'ulteriore complicazione: la vegetazione molto secca per questo periodo dell'anno fa sì che ci siano tutte le condizioni per alimentare le fiamme a prescindere dai venti. Di fronte a questa situazione, il presidente Donald Trump ha dichiarato nelle ultime ore lo stato di emergenza, aprendo la strada all'uso di risorse federali.

Keystone
Guarda tutte le 19 immagini
Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-16 01:38:03 | 91.208.130.87