keystone
THAILANDIA
19.06.2018 - 13:530

Pena di morte, prima esecuzione dal 2009

Giustiziato un 26enne condannato per l'omicidio di un minorenne a cui aveva rubato il telefonino nel 2012, per poi pugnalarlo 24 volte

 La Thailandia ha giustiziato ieri il primo detenuto da nove anni a questa parte, con un'iniezione letale che ha tolto la vita a un giovane di 26 anni condannato per l'omicidio di un minorenne a cui aveva rubato il telefonino nel 2012, per poi pugnalarlo 24 volte. Lo ha annunciato oggi il Dipartimento per le carceri.

L'esecuzione è stata criticata dai gruppi per i diritti umani. In un comunicato, Amnesty International l'ha definita "deplorevole". Dal 2009 la Thailandia aveva osservato una moratoria di fatto sulla pena capitale, tanto che la stessa Amnesty International era pronta a considerare il Paese "abolizionista in pratica" al compimento del decimo anniversario dall'ultima esecuzione.

Sulla carta, in Thailandia sono 63 i reati che prevedono la pena capitale, dall'omicidio al traffico di droga. I detenuti condannati alla pena di morte sono oltre 500, tra cui l'italiano Denis Cavatassi, condannato per l'omicidio di un connazionale nel 2011.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-07-06 20:05:57 | 91.208.130.86