Keystone
INDIA
20.05.2018 - 12:230

Stupra la figlia per sei mesi: «È una cosa normale»

Un operaio indiano ha abusato della ragazza di 13 anni facendole credere che fosse «un rapporto fisico che avviene in tutte le famiglie». Dopo la denuncia della moglie è stato arrestato

NEW DELHI - Un operaio indiano ha stuprato per sei mesi la figlia di 13 anni a Gurugram, vicino a New Delhi, facendole credere che «un rapporto fisico fra padre e figlia avviene normalmente in tutte le famiglie», ma alla fine è stato denunciato dalla moglie ed arrestato.

La vicenda è raccontata dal quotidiano Hindustan Times il quale precisa che l'uomo, di 37 anni, vive nel villaggio di Pataudi insieme alla seconda moglie e quattro figli. Il più grande dei quali è la bambina avuta con una prima consorte.

L'ispettrice di polizia Poonam Singh ha dichiarato al riguardo che «il genitore è stato arrestato ed interrogato a fondo sulla vicenda. La cosa incredibile - ha aggiunto - è che non appare rammaricato o con senso di colpa. Si è comportato normalmente e quello che è scioccante è come abbia manipolato la figlia per farle credere che l'abuso sessuale è abituale in ogni famiglia».

Durante l'interrogatorio è emerso che la violenza sessuale avveniva regolarmente da sei mesi e che il padre aveva seriamente minacciato la figlia serie conseguenze se avesse raccontato ciò che avveniva fra loro.

Il commissario Singh ha aggiunto che la bambina si era lamentata per quanto era costretta a subire con la matrigna, di professione domestica, che però non l'aveva creduta. Ma vista l'insistenza della piccola, la donna ha deciso venerdì di rientrare a sorpresa a casa prima del previsto ed ha scoperto il marito mentre realizzava l'ennesimo abuso.

A questo punto la moglie dell'operaio si è immediatamente recata al commissariato di zona presentando una denuncia e gli agenti subito dopo hanno arrestato l'uomo.

Copyright © 1997-2019 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2019-12-09 04:01:54 | 91.208.130.85