Immobili
Veicoli
Keystone
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
ITALIA
1 ora
L'ondata di Omicron «finirà solo dopo che le masse saranno state infettate»
Lo scienziato israeliano Cyrille Cohen invita a non sottovalutare la variante, «proprio perché è altamente contagiosa»
LIVE CORONAVIRUS
LIVE
Italia, 28 province hanno già raggiunto il picco dei contagi
Le autorità cinesi cercano di contrastare la diffusione del virus prima del Capodanno lunare e delle Olimpiadi.
STATI UNITI
1 ora
Il ritorno di Trump: «Riprendiamoci l'America»
Durante un comizio in Arizona ha rispolverato tutti i suoi argomenti da campagna elettorale
STATI UNITI
3 ore
Ostaggi salvi, morto il sequestratore
È finito l'incubo nella sinagoga di Colleyville in Texas. Le forze speciali sono entrate in azione
STATI UNITI
13 ore
Ostaggi in una sinagoga in Texas
Sul posto sono intervenuti gli specialisti della SWAT e dell'FBI
TONGA
14 ore
Eruzione sottomarina, onde alte più di un metro raggiungono il Giappone
Piccole inondazioni si sono verificate anche alle Hawaii, e le spiagge sono state chiuse
STATI UNITI
15 ore
In fiamme un impianto chimico nel New Jersey
Gli idranti, a causa delle temperature rigide, risultavano parzialmente congelati
ITALIA
16 ore
Ha insegnato per 20 anni, ma senza alcuna laurea
Una cinquantenne è ora indagata per «truffa» e «uso di atto falso»: sequestrati beni per 350mila euro
CINA
19 ore
La tutela funziona: cresce l'attività dei pangolini
Diminuiti a causa della caccia e del commercio illegale, gli esemplari di pangolino stanno nuovamente aumentando
LIVE CORONAVIRUS
19 ore
«Bisogna concentrarsi sulla variante Delta, che determina casi più gravi»
«La variante Delta è ancora presente e se andassimo ad un livello di contagio più alto rappresenterebbe un problema»
GIAPPONE
22 ore
Accoltella tre persone fuori dall'università
Le vittime sono fortunatamente sopravvissute all'aggressione, seppur con ferite di diverse entità
TONGA
23 ore
Potente eruzione sottomarina, uno tsunami colpisce Tonga
Si segnalano già onde alte oltre un metro che s'infrangono sulle case della capitale, Nuku'alofa
AUSTRALIA
1 gior
Nole è di nuovo in detenzione
Lo fanno sapere i suoi avvocati. Oggi per Djokovic sarà il giorno della verità?
AUSTRALIA
1 gior
Nole espulso: «Maltrattato un intero Paese»
Il campione serbo ha un piede e mezzo fuori dal primo Slam stagionale dopo che l'Australia gli ha ancora tolto il visto.
ITALIA
26.07.2017 - 08:250
Aggiornamento : 11:48

'Ndrangheta e mafia: arrestati Filippo Graviano e Rocco Filippone

Sono stati fermati quali mandanti degli attentati ai danni dei carabinieri compiuti nel 1994 a Reggio Calabria

REGGIO CALABRIA - Il capo mandamento del rione Brancaccio di Palermo Giuseppe Graviano, fedelissimo di Totò Riina, e Rocco santo Filippone, legato alla potente cosca di 'ndrangheta dei Piromalli di Gioia Tauro, sono stati arrestati stamani nell'operazione della Polizia di Stato quali mandanti degli attentati ai danni dei carabinieri compiuti nel 1994 a Reggio Calabria.

Giuseppe Graviano, capo del mandamento mafioso di Brancaccio, coordinatore delle cosiddette "stragi continentali" eseguite da Cosa Nostra, è attualmente detenuto in regime di carcere duro.

Rocco Santo Filippone, di 77 anni, di Melicucco, era a capo del mandamento tirrenico della 'Ndrangheta all'epoca degli attentati ai carabinieri. A quest'ultimo, la Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria contesta anche il reato di associazione mafiosa per essere ritenuto, anche attualmente, l'elemento di vertice della cosca Filippone, direttamente collegata alla più articolata e potente cosca Piromalli di Gioia Tauro.

A Filippone, secondo l'accusa, sono demandati compiti di particolare rilievo come quello di curare le relazioni e incontrare i capi delle altre famiglie di 'Ndrangheta al fine di dare esecuzione alle decisioni di maggior rilevanza criminale deliberate dalla componente riservata dell'organizzazione mafiosa calabrese. Tra queste anche quelle di aderire alla strategia stragista di attacco alle istituzioni dello Stato, attuata in Calabria, negli anni '93 e '94, in sinergia con Cosa Nostra attraverso il compimento degli omicidi e tentati omicidi dei carabinieri, materialmente eseguiti da Giuseppe Calabrò e Consolato Villani.

Perquisita l'abitazione Bruno Contrada - La procura di Reggio Calabria ha disposto una perquisizione in casa di Bruno Contrada, ex n. 2 del Sisde condannato per concorso in associazione mafiosa per cui, nelle scorse settimane, la Cassazione aveva revocato la condanna.

La perquisizione rientra nell'inchiesta calabrese sugli attentati ai carabinieri. "Ci aspettavamo ed era ampiamente prevedibile - ha detto il legale di Contrada, l'avv. Stefano Giordano - una reazione da parte di chi ha perso e non si rassegna a questa inesorabile sconfitta".

'Ndrangheta protagonista dell'attacco allo Stato italiano - La 'ndrangheta fu protagonista, al pari della mafia, nell'attacco allo Stato portato tra il 1993 ed il 1994 in quella che fu definita la stagione delle "stragi continentali" con gli attentati di Firenze, Milano e Roma.

E' quanto emerso dall'indagine della Polizia di Stato che ha portato all'arresto di boss calabresi e siciliani per gli attentati ai carabinieri a Reggio Calabria. L'operazione, non a caso, è stata denominata ''Ndrangheta stragista' dagli inquirenti.

La Direzione distrettuale antimafia di Reggio Calabria ha ricostruito - attraverso l'apporto di nuovi e fondamentali elementi raccordati e collegati fra loro - le causali del duplice omicidio del 18 gennaio 1994 e dei due tentati omicidi dei Carabinieri dell'1 dicembre 1993 e dell'1 febbraio 1994.

Gli attentati, riferiscono gli investigatori, si inquadrano nel contesto della strategia stragista che ha insanguinato il Paese nei primi anni '90 e in particolare nella stagione definita delle "stragi continentali". Protagonista di quella stagione, secondo quanto emerso dalle indagini, non fu solo Cosa Nostra (che tuttavia ebbe il ruolo operativo fondamentale nei termini già ampiamente descritti dalle sentenze di altre autorità giudiziarie) ma anche la 'ndrangheta. Gli attentati contro i carabinieri, secondo inquirenti ed investigatori reggini, non vanno letti ciascuno in maniera singola ed isolata, ma vanno inseriti in un contesto di più ampio respiro e di carattere nazionale nell'ambito di un progetto criminale, la cui ideazione e realizzazione è maturata non all'interno delle cosche di 'ndrangheta, ma si è sviluppata attraverso la sinergia, la collaborazione e l'intesa di organizzazioni criminali, che avevano come obiettivo l'attuazione di un piano di destabilizzazione del Paese anche con modalità terroristiche.

Catturato il reggente del clan Polverino, ricercato dal 2011 - Giuseppe Simioli, 50 anni, ritenuto l'attuale reggente del clan camorristico dei Polverino, è stato catturato a Ronciglione, nel Viterbese, grazie a un'operazione dei carabinieri di Napoli in collaborazione con i cacciatori di Calabria e i militari della locale stazione.

Era tra i 100 latitanti più pericolosi. Originario di Marano di Napoli, e detto "Petruocelo", Simioli è stato tradito da uno spostamento. E' stato fermato, infatti, dopo essere uscito da un'abitazione dell'agro romano per raggiungere un nuovo nascondiglio. Latitante dal maggio 2011, è destinatario di quattro ordini di cattura.

L'operazione è tuttora in corso con una perquisizione nella villa di Campagnano di Roma, dove si nascondeva, per accertare le responsabilità di eventuali fiancheggiatori. Simioli da anni conduceva una doppia vita, mantenendo moglie e figlio a Marano di Napoli, ma tenendo in piedi una relazione con una donna ispano-brasiliana dalla quale ha avuto due figli.


YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-16 11:36:56 | 91.208.130.86