Immobili
Veicoli
Attivista appollaiato su un platano bicentenario, per chiederne la salvaguardia

FRANCIAAttivista appollaiato su un platano bicentenario, per chiederne la salvaguardia

07.06.22 - 20:00
L'attivista chiede anche al nuovo governo «una legge che regoli i tagli netti»
AFP
Attivista appollaiato su un platano bicentenario, per chiederne la salvaguardia
L'attivista chiede anche al nuovo governo «una legge che regoli i tagli netti»

PARIGI - Una settimana fa Thomas Brail, 47 anni, arboricoltore-alpinista nel Tarn e fondatore del National Tree Monitoring Group (GNSA), si è issato con imbracatura e funi su un platano considerato bicentenario ai piedi della Torre Eiffel. Il segno di protesta è stato messo in atto per chiedere l'annullamento del progetto della costruzione dei piccoli edifici seminterrati del municipio e per avere una legge per limitare la tagli degli alberi. Ora ha indetto anche uno sciopero della fame.

L'amministrazione parigina prevedeva di abbattere una ventina di alberi ai piedi del monumento per costruire un deposito bagagli per i clienti e dei locali per i dipendenti. Ma a fargli cambiare idea è stata la mobilitazione di fine aprile da parte di alcuni oppositori. Il sindaco non ha comunque rinunciato al progetto, parte di un più ampio progetto di rivegetazione e pedonalizzazione dell'asse tra il Trocadero e il Campo di Marte.

Le intenzioni di Brail sarebbero quelle di rimanere sul platano fino a quando non verrà ritirato il progetto che rischia di danneggiare le radici di alcuni alberi. Dal municipio - riporta l'AFP - fanno sapere che in realtà è stato pensato al fine di proteggere tutti gli alberi del sito e che non ci sarà alcuna costruzione che influisca sull'apparato radicale degli alberi.

L'attivista chiede anche al nuovo governo «una legge che regoli i tagli netti» e il «rafforzamento dell'articolo L350-3 del codice ambientale». Questo articolo vieta l'abbattimento di alberi, con eccezioni tra cui «sviluppi».

NOTIZIE PIÙ LETTE
ULTIME NOTIZIE DAL MONDO