Immobili
Veicoli
AFP
ULTIME NOTIZIE Dal Mondo
MONDO
1 ora
La massa di plastica ora è più pesante di tutti i mammiferi viventi
Una delle ricercatrici che ha contribuito a un nuovo studio ha dichiarato che «siamo nei guai, ma si può intervenire»
UNIONE EUROPEA
2 ore
Quarta dose per tutti? «Nessuna prova»
Secondo l'Ema un ulteriore richiamo può essere ragionevole solo in persone con sistema immunitario gravemente indebolito
PAESI BASSI
3 ore
Il babysitter del piccolo Dean aveva già ucciso un altro bambino
È in stato di fermo anche la compagna di Dave De Kock in quanto avrebbe fornito informazioni contraddittorie
INDONESIA
3 ore
Giacarta sprofonda? L'Indonesia costruisce la sua nuova capitale
I funzionari del governo si trasferiranno in una città che al momento non esiste ancora
REGNO UNITO
4 ore
C'è una donna pronta a testimoniare contro il principe Andrea
Avrebbe visto il duca di York in compagnia di una ragazza, forse Virginia Giuffre, in un club londinese 20 anni fa
STATI UNITI
4 ore
Amazon accusato di omicidio colposo
Secondo una famiglia delle vittime del tornado in Illinois, l'e-commerce ha volutamente ignorato le allerte meteo
STATI UNITI
5 ore
Vaccini, effetto placebo in due eventi avversi su tre
Sono i risultati emersi da uno studio pubblicato sulla rivista Jama Network Open
EUROPA
6 ore
Sputò su una foto di Putin, ma la Russia dovrà risarcirlo
Arrestare una persona per uno sputo? «Una violazione della sua libertà d'espressione»
FRANCIA
7 ore
Il capo dell'Interpol denunciato per tortura
L'Ong che lo ha citato in giudizio ritiene che si trovi su suolo francese e che quindi la giustizia possa intervenire
CINA
8 ore
Covid-19, ordinato l'abbattimento di migliaia di criceti ad Hong Kong
Undici esemplari sono risultati positivi al coronavirus. Provengono tutti dallo stesso negozio
MONDO
29.10.2021 - 20:490
Aggiornamento : 21:27

Cambiamento climatico, l'intesa è appesa a un filo

Tutti si vogliono impegnare, ma resta la contrapposizione tra grandi economie occidentali e Paesi emergenti

ROMA - Un accordo al G20 sul tema più divisivo, quello della lotta al cambiamento climatico, non è ancora stato raggiunto, perché il gigante cinese non vuole saperne di accorciare i tempi per azzerare le emissioni. Non è escluso, a questo punto, che le trattative andranno avanti fino all'ultimo momento disponibile per arrivare al summit dei leader a Roma con un documento condiviso. Con il rischio sempre più concreto di un compromesso al ribasso.

Un accordo al G20 sui gas serra sarebbe il miglior viatico in vista della conferenza sul clima in programma a Glasgow da domenica. Tutti e 20 i Paesi, leggendo le bozze che circolano, si vogliono impegnare per contenere il surriscaldamento del pianeta sotto la soglia di 1,5 gradi. Nel confronto su come arrivarci, però, si ripropone la contrapposizione tra le grandi economie occidentali (Usa e Ue spendono 25 miliardi l'anno per la transizione ecologica) e i cosiddetti Paesi emergenti, come Cina, India e Russia e Arabia Saudita, che si nutrono quasi esclusivamente di combustibili fossili.

La data chiave è il 2050, che Ue e Usa indicano come ultima linea per azzerare le emissioni, mentre Pechino (che prevede il picco nel 2030) guida il fronte di chi sposta l'obiettivo dieci anni più in là. Lo ha chiarito direttamente Xi Jinping parlando con il premier britannico Boris Johnson: il raggiungimento del picco delle emissioni e della neutralità carbonica comporteranno un «ampio e profondo cambiamento economico e sociale», che sarà fatto «passo dopo passo», con gradualità.

Il carbone che la Cina continua a estrarre dalle sue miniere, in quantità crescenti, è ancora considerato vitale per la propria economia, soprattutto in questa fase di crisi energetica globale. Lo stesso vale per la Russia con i suoi giacimenti di gas. Da questo punto di vista, la mancata partecipazione in presenza di Xi e Vladimir Putin al vertice di Roma (interverranno in video) è forse un segnale che i due leader vogliano evitare di finire accerchiati. Anche l'India però, il terzo Paese inquinatore al mondo, punta il dito sulle emissioni degli occidentali.

In questa fase, con il summit ormai alle porte, un compromesso a cui si lavora è che i leader del G20 si impegnino ad «eliminare gradualmente e razionalizzare» i sussidi ai combustibili fossili entro il 2025 ed evitare di costruire nuove centrali a carbone. Ma «tenendo conto delle circostanze nazionali». Quindi, di fatto, si continuerà a proseguire in ordine sparso.

Sul fronte della lotta al Covid, al contrario, i grandi della Terra sono tutti d'accordo che la chiave per la fine della pandemia e per la ripresa economica su scala globale sia la vaccinazione di massa. Il G20 si è posto come obiettivo almeno il 40% della popolazione mondiale entro fine 2021, e il 70% entro metà 2022, come raccomandato dall'Oms, attraverso «misure per spingere le forniture di vaccini e dei prodotti medici essenziali». E fonti vicine al dossier hanno riferito che l'impegno per metà 2022 rappresenta un passo avanti rispetto alla tempistica più ampia indicata fino a poco tempo fa.

Una ripresa economica più omogenea a livello planetario passa anche da un maggior contributo delle multinazionali. Il meccanismo concordato al G20 è la cosiddetta Global Minimum Tax, che prevede un'aliquota minima del 15% in qualunque Paese i colossi aziendali operino. «Una decisione di importanza storica», ha sottolineato il commissario Ue all'Economia Paolo Gentiloni.

Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
seo56 2 mesi fa su tio
Speriamo che si rompa e non se ne parli più… sono stufo di questo eco isterismo, dei Gretini, dei Verdi e dei pseudo ambientalisti.
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2022 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2022-01-18 22:42:55 | 91.208.130.89