Depositphotos (xload)
Uno studio sostiene che l'esposizione al rumore del traffico è legata a un aumentato rischio di demenza.
REGNO UNITO
09.09.2021 - 20:000

L'esposizione al rumore del traffico è collegata a un aumentato rischio di demenza

Lo affermano gli autori di uno studio che ha preso in considerazione due milioni di soggetti per oltre un decennio

LONDRA - L'esposizione al rumore causato dal traffico stradale e ferroviario è associato a un rischio aumentato di demenza. Lo afferma il più completo studio mai effettuato sull'argomento, come riferisce il quotidiano britannico Guardian.

La ricerca è stata compiuta su due milioni di adulti nell'arco di oltre un decennio e i risultati sono stati pubblicati sul British Medical Journal. È stata studiata l'associazione tra un'esposizione a lungo termine al rumore del traffico urbano e dei collegamenti ferroviari e il rischio di demenza tra gli over 60 danesi, tra il 2004 e il 2017. Dopo aver preso in considerazione tutta una serie di fattori relativi ai residenti e ai quartieri dove vivono, si è concluso che 1'216 degli 8'475 casi di demenza registrati in Danimarca nel 2017 potrebbero essere attribuiti al rumore causato dal traffico, principalmente quello dei veicoli su gomma e in misura minore al trasporto su rotaia.

«In questo ampio studio a livello nazionale, abbiamo scoperto che il rumore dei trasporti dal traffico stradale e ferroviario è associato a un aumentato rischio di demenza per tutte le cause e sottotipi di demenza, in particolare il morbo di Alzheimer» scrivono i ricercatori. Più è consistente l'esposizione al rumore, più il rischio è alto. «Se questi risultati saranno confermati in studi futuri, potrebbero avere un grande effetto sulla stima dell'onere della malattia e dei costi sanitari attribuiti» a questo fattore.

Per combattere la demenza, una delle più grandi sfide globali a livello sanitario, sarà necessario pensare a come attenuare il rumore generato dal traffico. «Espandere la nostra conoscenza degli effetti nocivi del rumore sulla salute è essenziale per stabilire le priorità e attuare politiche efficaci e strategie di sanità pubblica incentrate sulla prevenzione e il controllo delle malattie, compresa la demenza». A loro giudizio «la riduzione del rumore attraverso programmi di trasporto e uso del suolo o codici edilizi dovrebbe diventare una priorità per la salute pubblica».

Uno dei modi in cui si sta affrontando l'argomento è introducendo limiti di velocità molto ridotti lungo le strade più trafficate, come nel caso di Zurigo. Ma c'è chi pensa al tema anche in Ticino...

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-08 23:53:48 | 91.208.130.89