Archivio Keystone
EUROPA
02.10.2020 - 21:010

Coronavirus: l'Europa macina record, in Germania picco da aprile

La situazione nel Vecchio Continente, dove si stanno facendo i conti con l'aumento dei casi

ROMA - In Europa si continuano a macinare record sul fronte del coronavirus, dalla Germania alla Polonia, dalla Russia alla Repubblica Ceca, nel giorno in cui entra in vigore la stretta in una Madrid sempre più ammalata. Una conferma che l'autunno e l'inverno saranno molto complicati per i sistemi sanitari nazionali.

Il Vecchio Continente si è svegliato con la notizia della positività al Covid-19 di Donald Trump, ma poi è tornato a fare i conti con l'emergenza in casa propria. In Germania, per esempio, dove continua a salire il trend dei contagi: 2'673 in 24 ore, il picco più alto mai registrato da aprile. Ad allarmare anche l'aumento dei casi gravi trattati in terapia intensiva.

In Russia i nuovi contagi sono oltre 9'400, un dato mai visto dal primo giugno. Con ben 186 morti in appena 24 ore. Nell'Europa orientale i russi sono nella triste compagnia di tre paesi vicini, alle prese con i record assoluti dall'inizio della loro epidemia: l'Ucraina, +4'600 contagi, la Repubblica Ceca, +3'500, e la Polonia (+2'300), dove sono state introdotte nuove e più severe restrizioni. Sulla sponda atlantica, i Paesi Bassi hanno bruciato il 13esimo record in 17 giorni, arrivando a oltre 3'800 nuovi casi.

A Madrid, città simbolo della seconda ondata del Covid in Europa, gli abitanti si sveglieranno quasi blindati, dopo che il governo centrale ha disposto il lockdown parziale all'intera capitale spagnola. Con il divieto di allontanarsi dalla propria zona se non per motivi di lavoro o di salute. La stretta riguarda anche altre nove città della regione, per un totale di quattro milioni e mezzo di persone. Troppo per le autorità locali, che hanno presentato ricorso alla magistratura. Per la presidente della Comunità di Madrid Isabel Diaz Ayuso le restrizioni «incidono in modo significativo sulla vita ordinaria e sull'attività economica».

Non è messa meglio Parigi e tutta la Francia. Con i nuovi contagi da giorni stabilmente sopra i 10'000, e in alcuni casi molti di più, l'Assemblea Nazionale ha dato il via libera all'estensione fino alla fine del marzo 2021 delle misure di restrizione, molto contestate a livello locale, che comprendono tra le altre cose la chiusura dei ristoranti. Per l'approvazione serve anche il sì del Senato, ma il governo ha già avvertito che per «proteggere i francesi abbiamo bisogno di questo testo», anche se limita le libertà pubbliche, ha sottolineato il ministro della Salute Olivier Veran.

Anche nel Regno Unito il lockdown parziale è una realtà con cui milioni di britannici fanno i conti da diversi giorni. E a fronte di una crescita dei contagi significativa, ma comunque stabile (poco sotto i 7'000), preoccupa il fatto che l'indice Rt sulla soglia di rischio continua a salire.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-12-06 22:34:46 | 91.208.130.86