KEYSTONE
Il chirurgo generale degli Stati Uniti lancia l'allarme: le proteste potrebbero portare a un aumento di casi di Covid-19.
STATI UNITI
03.06.2020 - 23:590

Coronavirus, nuovi focolai a causa delle proteste

Il chirurgo generale degli Stati Uniti lancia l'allarme

WASHINGTON - Le proteste che da otto giorno proseguono in quasi tutte le principali città Usa potrebbero scatenare una seconda ondata d'infezioni da coronavirus.

A lanciare l'allarme è il dottor Jerome Adams, che ricopre l'incarico di chirurgo generale degli Stati Uniti. «Sono preoccupato delle ripercussioni sulla salute pubblica sia del razzismo, individuale e istituzionale, sia delle persone che protestano in un modo che è pericoloso per se stessi e per le proprie comunità» si legge su Politico.

Adams afferma che, «in base alle modalità di diffusione del virus, c'è ogni motivo per credere che vedremo nuovi focolai e una nuova ondata di casi». La pandemia non occupa più le prime pagine dei media ma è lungi dall'essere sotto controllo negli Usa: ieri sono stati registrati più di 20mila nuovi positivi e i morti sono stati oltre 1000.

Secondo i dati raccolti dalla Johns Hopkins University, gli Stati Uniti restano di gran lunga la nazione con il maggior numero di casi (oltre 1,83 milioni) e decessi (più di 106mila) al mondo.

Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter


Copyright © 1997-2020 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2020-09-19 23:47:52 | 91.208.130.89