Procuraduría Federal de Protección al Ambiente (Profepa)
+2
MESSICO
14.05.2020 - 12:590

Scoperto un traffico illegale: 15'000 tartarughe dirette in Cina

Gli animali si trovavano in 158 scatoloni di legno intercettati all'aeroporto di Città del Messico

CITTÀ DEL MESSICO - Scoperta e sequestro shock all'aeroporto di Città del Messico: in un'operazione sono stati trovati 158 pacchi di legno, diretti in Cina, contenenti 15'000 tartarughe.

A capo dell'operazione la Procura federale per la protezione dell'ambiente (Profepa), in collaborazione con l'Amministrazione generale delle dogane e l'Amministrazione fiscale dell'aeroporto internazionale di Città del Messico (AICM).

Come comunicato dalla Profepa, gli animali erano stipati nelle cassette in condizioni igienico-sanitarie inadeguate, e alcuni di essi erano già deceduti al momento dell'operazione di soccorso.

Le tartarughe, tra le quali alcune di specie in via d'estinzione, sono state trasferite al Centro per la conservazione e la ricerca della fauna selvatica (CIVS) del Ministero dell'ambiente e delle risorse naturali (Semarnat) a Los Reyes, per farle rimettere in condizioni ottimali.

Nel comunicato rilasciato dalla Profepa, viene spiegato che: «In totale sono stati identificati e quantificati 15'053 esemplari di fauna selvatica corrispondenti a tartarughe d'acqua dolce delle specie Kinosternon leucostomum, Staurotypus triporcatus, Trachemys sp. e Claudius angustatus, tra cui 14'793 tartarughe vive e 260 morte». Gli animali erano inoltre «soggetti a protezione speciale, minacciati e in pericolo», come stabilito nella NOM-059-SEMARNAT-2010, la norma che identifica e classifica le specie a rischio.

Nelle indagini relative alla documentazione, le autorità non hanno potuto trovare nessun origine legale riguardante le 15mila tartarughe che si trovavano all'interno dei 158 pacchi, poiché non è stato possibile identificare nessun sistema di etichettatura conforme alla legge.

Inoltre, le autorizzazioni trovate per l'esportazione in Cina non includevano tutte le specie presenti. Per questo motivo Profepa ha precauzionalmente assicurato che tutti gli esemplari siano trasportati nella struttura del CIVS a Los Reyes, al fine di fornire loro tutte le cure necessarie.

La Profepa ha infine presentato una denuncia penale al Procuratore generale (FGR) per il reato di traffico di animali selvatici.

Procuraduría Federal de Protección al Ambiente (Profepa)
Guarda tutte le 6 immagini
Commenti
 
ATTENZIONE: a causa dell’elevato numero di commenti sui blog e alla difficoltà della redazione di monitorarli, abbiamo attivato un filtro automatico.
La libertà di espressione deve essere garantita da un comportamento civile e rispettoso di ciascun utente.
Chiunque scriverà offese o frasi irrispettose verrà automaticamente bannato con la conseguente cancellazione dell’account.
volabas 1 anno fa su tio
Ognuno nel suo piccolo, dovrebbe boicottare tutto quello che è cinese, cibo e vestiario, purtroppo per la tecnologia la cosa è differente...ma almeno le due cose citate ( cibo e vestiti) quello possiamo farlo
Marta 1 anno fa su tio
...non dimentichiamo poi che la forza della Cina sta solo nel saper produrre in stile formicaio.
Marta 1 anno fa su tio
..basta Cina! dobbiamo evitare l'acquisto di tutti i prodotti che vengono da lì e dove non è possibile avviare la produzione degli stessi nel nostro paese.. e mandare la Cina a quel paese.
centauro 1 anno fa su tio
@Marta Sarebbe una cosa buona da realizzare se non fosse che ormai quasi tutto viene prodotti là e loro importano tante tecnologie da noi così da facilitarne gli scambi commerciali.
momo73 1 anno fa su tio
La razza umana è veramente un cancro per questo pianeta
Potrebbe interessarti anche

YouTube

Facebook

Instagram

Linkedin

Twitter

TikTok


Copyright © 1997-2021 TicinOnline SA - Tutti i diritti riservati
IMPRESSUM - DISCLAIMER - SEGNALACI - COMPANY PAGES
Disposizioni sulla protezione dei dati  -   Cookie e pubblicità online  -   Diritto all'oblio


Ultimo aggiornamento: 2021-11-28 12:40:56 | 91.208.130.86